Reja: “Primo gol della Roma irregolare. Sostituzioni pensando a gara di mercoledì”

5
38

Il tecnico del Napoli Edy Reja ha analizzato e commentato la pesante sconfitta subita dagli azzurri al San Paolo ad opera della Roma. Ecco quanto raccolto dal nostro inviato in sala stampa: "Sul 3-0, conoscendo anche le qualità della Roma, abbiamo visto una squadra di spessore e di qualità. Per quanto riguarda il Napoli abbiamo fatto molto bene i primi 20 minuti. Il go l di Zalayeta sembrava regolare almeno così l’aveva giudicato Morganti, mentre il gol della Roma era in fuorigioco, come mi aveva detto anche Cannavaro, il quale ha lasciato perdere il giocatore della Roma sicuro del fuorigioco. La Roma una volta in vantaggio poi è stata brava a trovare quegli spazi, come gli riesce meglio. Poi abbiamo preso il 2-0 su palla inattiva, ed è naturale che poi i ragazzi si innervosiscano. Qualche errore l’abbiamo commesso anche noi, dando alla Roma l’opportunità di crearci delle difficoltà. Però bisogna considerare che le opportunità nostre ci sono state per andare in vantaggio. Non avevamo preparato la partita con il vantaggio della Roma sul 2-0. Nell’intervallo avevo parlato con i ragazzi per poter rimettere in piedi la gara, poi hanno fatto il terzo gol e lì la partita è finita. Ho sentito i fischi su qualche cambio ma lì dovevo fare pensando anche alla partita di mercoledì. Perdere due partite non è che sia il massimo dal punto di vista morale. Ai ragazzi ho detto che abbiamo fatto bene il primo tempo ma poi degli episodi ci sono girati contro. Ora abbiamo una partita ogni tre giorni ed abbiamo la possibilità per venirne fuori. Siamo in una situazione di classifica come tante altre, ancora buona e non dobbiamo perdere la fiducia. I ragazzi hanno le qualità per superare questo momento. Questa à una squadra che è forte nelle difficoltà. E’ chiaro che dispiace, dopo il primo gol un po’ di nervosismo c’è stato, il gol che ha fatto Mexes che era irregolare, è chiaro che ti condiziona dal punto di vista psicologico. Noi però dobbiamo essere ancora più forti. Mercato? E’ una domanda che dovete girare al presidente ed a Marino. Io ho una rosa adeguata e quando ci sono stati giocatori squalificati o infortunati ho sempre potuto fare le mie sostituzioni. Gli squalificati per mercoledì? L’ho detto adesso, ho una rosa adeguata e ho le soluzioni per fare la partita di Firenze. Sono convinto che ne salteremo fuori nel più breve tempo possibile e non vorrei che i ragazzi si abbattano”. Il mister commenta quindi l’errore di Mannini che per evitare un fallo laterale a metà campo ha mandato il pallone in calcio d’angolo: “Non so cosa voleva fare, probabilmente voleva allungarla al portiere. Non so cosa puo’ essere scattato in quel momento, dispiace perché sono errori che si possono evitare, però alla fine sono episodi e qualche errore ci sta nell’arco della gara, io poi parlo sempre complessivamente e non sui singoli. I cambi sono stati prevalentemente in considerazione della partita di mercoledì. Capisco anche la gente che fischiava quando ho messo dentro una punta per una punta. Per la verità volevo tirare fuori anche Lavezzi, ma lui dal punto di vista fisico risponde bene. Figuriamoci poi se lo tiravo fuori, se ne veniva giù il San Paolo, ma ad un quarto d’ora dalla fine non potevo pensare di recuperar più la partita”.
Tornando agli errori arbitrali, il tecnico ha dichiarato: “Abbiamo sempre dimostrato di essere una squadra corretta a parte qualcuno che può andare a protestare. Il pubblico è stato come sempre eccezionale al di la di qualche fischio che comunque ci può anche stare. Mi sarebbe piaciuto vedere una partita ancora in bilico, per poter cercare di recuperarla. Per quanto riguarda gli arbitri non vorrei che questo nostro buonismo ci possa anche penalizzare. Quando gli arbitri vengono ad arbitrare con quello che è successo e si è detto in settimana sicuramente sono condizionati, come questo di oggi che, con i giocatori della Roma che sono andati a protestare, è stato condizionato ed ha cambiato idea. Io non discuto se c’era o non c’era la mano di Zalayeta, però l’arbitro quando l’ha dato, l’ha dato. Non capisco come possa averla vista il quarto uomo. Posso capire il guardialinee ma non il quarto uomo. Tra l’altro era stato anche un bel gol. Iezzo non è in condizione di giocare, per tutta la settimana farà delle cure. Stesso discorso per Navarro. Gianello oggi non posso dire che abbia delle colpe sui gol”.
Infine l’allenatore del Napoli ha concluso: “Io problemi non ne vedo, perché abbiamo 33 punti in classifica e siamo in buona compagnia con squadre come Genoa e Fiorentina. Nel giro di due o tre punti ci sono otto – nove squadre tutte sullo stesso piano. L’ho detto più volte, noi non siamo da champions league, noi possiamo lottare, e dico lottare, per la Coppa Uefa”.

Dall’inviato in sala stampa, Gennaro Gambardella – NapoliSoccer.NET

Commenta la sconfitta del Napoli sul forum di NapoliSoccer.NET

 



5 Commenti

  1. disarmante e penoso….proporrei come nuovo obiettivo la lotta per non retrocedere….non ho altre parole,penso che mi prenderò una bella pausa,un mesetto giusto per non soffrire più

  2. brutto deficiente te ne devi andareeeee so 4 anni ke lo dico tu e il 3-5-2 avete rottooooooooo, spero ke perda anke a firenze il napoli cosi si svegliano da questo sogno siete dei superbi ci vuole umiltà a napoli non lo capite!?!?!?!?!? Vi credete di essere la squadra piu forte del mondo???? Basta il Kaunas per batterci!!!!

  3. REJA osa di piu( e qui ci vorrebbe una bestemmiuccia). ma come fai a non accorgerti che il 3-5-2 lo usi solo te in 3 categorie, come fai a non vedere che schieri una formazione con 3 incontristi.come fai a non accorgerti che la squadrà è cosi schiacciata dietro che quando recuperiamo palla mannini e maggio sono in linea con la difesa( quando gioca hamsik ) hamsik è a 5 metri dal portiere nostro, gargano e blasi a far confusione e le pesone piu avanzate sono lavezzi o denis zalayeta 40 metri,ma che direttive dai? tutti dietro al pallone? x che se la direttiva è tutti dietro la palla devi andare a pressare alto,altissimo e non attenderli nella tua metà campo. ma il sostituto ideale di hamsik non era meglio la giovane marmotta? o bogliacino? o addirittuta un tridente con 2 incontristi( gargano e blasi ) che bastano e avanzano ? che bisogno c’era di inserire pasienza che è il doppione dei 2 appena citati?ma come pensi di vincere le gare con la solita malatia,guizzo di lavezzi? adesso la anticipo io la formazione di mercoledi,la anticipo anche a mister prandelli( nel caso dorme da 3 anni e non ha visto mai il napoli) iezzo in porta o gianello nel caso non recupera,cannavaro rinaudo contini in difesa, maggio e vitale sulle fasce( a menoche non si spregiudica tanto mettendo mannini x vitale visto che manca hamsik quindi ci sbilanciamo esageratamente(ovvio che è na battuta), poi gargano,blasi,pasienza,lavezzi zalayeta. /panchina formata da gianello,aronica,bogliacino,montervino,russotto,denis. ecco,la possiamo fare chiunque la formazione,gia la sappiamo noi,figuriamoci i mister e le squadre che incontreremo,ma oso di piu,dico anche la tattica del napoli che attuerà, tutti dietro la palla,vitale e maggio a fare i terzini(o mannini),ripartiamo con il lancio lungo di contini o cannavaro verso lavezzi che sarà solo in 60 metri di campo contro almeno 4 giocatori viola. sincerament, lo possono fare tutti l’ allenatore del napoli. anche un gioco menageriale. propongo FOOTBALL MANAGER, ogni tanto, ma fatt trovare il napoli a vincere grandi imprese. le sostituzioni? beh, te le potevi risparmiare,ma non tanto per la stanchezza che con i soldi che pigliano 2 partite a settimana questi le possono fare( e poi chi hai sostituito stava gia bell è riposato e avrei immaginato un dispendio di energie piu per il pocho e gargano a quel punto che corrono da soli) che per pasienza e zalayeta. mister reja,oltre alla seduta atletica e partitella tra titolari e riserve, le indico una cosa importante per una società di calcio( si chiama seduta tecnico tattica) movimenti su palle inattive pro e contro,movimenti sulle chiusure e sulle ripartenze( almeno uno dei 2 laterali o centrali deve rimanere al centro del campo per dare supporto agli attaccanti) .. guardi,non è cosi difficile. basta solo capirci qualcosa di tattica..lei l’ ha mai sentit parlare? e poi, dopo che perderemo a firenze, mi metta 3 punte con lavezzi a gironzolare dietro libero da movimenti,e anche se perdiamo,cerchiamo di cambiare qualcosina. perche cosi,non ci credono nemmeno piu i giocatori.

  4. guardate che allenatori buoni, tolti ferguson,benitez,mancini,lippi,spaletti,ancelotti non ce ne siano, tutti vanno a secondo della rosa e della squadra che si ritrovano, a volte fanno meglio del previsto a volte peggio,nonostante il napoli da un mese sia li al palo non abbiamo perso tantissimo terreno ma abbiamo dato agio a quelle dietro di agguantarci, la roma solo 6 partite fa era a 12 punti.. adesso è li. reja ha il merito di esser un allenatore serio,una bella persona e un ottimo professionista, preferisco lui a mille allenatori come novellino mazarri e via di cendo che fanno siparietti penosi davanti le telecamere e in campo. penso che tutti possiamo cambiare, compreso reja, quindi auguro a lui di rivedere il suo 3-5-2 ,di cambiare qualcosa anche per dare una botta di cattiveria in piu, osare un po’ di piu e magari dire apertamente,la squadra anche se è una buona rosa non è assolutamente completa per giocare per la champions. tutto qui. guardate che il napoli di oggi,era la stessa identica formazione del napoli del miracolo 8 posto l’ anno scorso. l’ unica cosa diversa era maggio. non credo che il napoli si sia rafforzato cosi tanto. se 2 dei 3 acquisti ( risultati non no all altezza ma semplicemente inadeguati per il salto di qualità erano in panchina). e parlo di denis e rinaudo. 2 giocatori pagati 8 milioni uno , 8 milioni l’ altro. che fino ad oggi sono stati discontinui . se ci mettiamo che maggio sta giocando malissimo da 4/5 gare, che hamsik era fuori e che comunque stava anche lui giocando male. la rosa è la stessa dell anno scorso,perlomeno i titolari. purtroppo ci voleva un centrocampista serio come acquisto a giugno( e non è arrivato manco 1) e un attaccante che facesse piu del panteron(che male non aveva fatto l’ anno scorso). purtroppo denis è la copia sputata di sosa dell anno scorso, entra e non tocca palla, lento,con i piedi di legno. rinaudo invece ci si aspettava un difensore rapido da affiancare a cannavaro/santacroce invece è arrivato il palermitano lento e alto 2 metri. aronica ottimo per esperienza è fuori,contini( panchinaro l’ anno scorso) è inamovibile. ecco la causa qual è. marino quest anno ha azzeccat 2 acquisti( maggio aronica(in panca). e 2 invece li ha sopravvalutati (denis e rinaudo) mettendo in mano a reja 2 elementi piu da panchina che da titolari. reja se cambia modulo puo far ancora bene. altrimenti. è dura x che questo modulo non piace a tifosi e giocatori,i primi a lamentarsi sono maggio,mannini,che devono fare da terzini. anche lippi disse nella convocazione di maggio,maggio gioca troppo dietro a napoli. nella samp era un ala di attacco,qui sta facendo il 5 difensore. cambiare mentalità,tattica,l’ ha fatto la roma. non possiamo farlo noi? e poi,i piedi buoni fanno la differenza,il milan gioca senza incontristi ultimamente e vince, noi x che per forza 3 insieme? 1/2 non bastano?

  5. reja se non cambi mentalita e gioco,intendo modulo penso che dobbiamo lottare per non retrocedere,e poi come al solito stai bruciando anche denis,sinceramente non ti capisco

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here