Reja: “In attacco torna Zalayeta. Domani ci vorrà il miglior Napoli”

5
16

Il tecnico Edy Reja, intervenuto ai microfoni di Radio Marte, la radio ufficiale del Napoli, ha rilasciato alcune dichiarazioni in merito alla sfida di domani con la Roma: "Sfida dalle emozioni intense".
Tra infortuni, squalifiche e un pò di turn-over a causa degli impegni ravvicinati (mercoledì si ritorna in campo per il turno infrasettimanale) il tecnico ha spiegato: "Domani giocheranno Pazienza, Mannini, Santacroce e Gianello. In attacco torna Marcelo, anche nell’ottica di tre partite da affrontare in meno di una settimana è giusto amministrare il nostro potenziale offensivo. Tanque e Zala sono due grandi giocatori e possono dare tantissimo al Napoli in questo girone di ritorno".
Ecco l’intervista all’allenatore del Napoli pubblicata sul sito ufficiale del club:
Mister, clima da derby?
"Io direi clima da big match. Questa è una partita che inserita in qualsiasi contesto di campionato riserva sempre una gran carica di energia ed enorme fascino. Sarà un incontro che regalerà forti emozioni. Ne siamo consapevoli, i ragazzi sono pronti e siamo sereni".

La Roma arriva lanciatissima. Il Napoli come sta?

"Beh, innanzitutto diciamo che la Roma probabilmente sta vivendo l’apice della sua condizione psico-fisica in questo momento del campionato. Noi stiamo bene ed è chiaro che dovremo interpretare la gara con velocità ed intensità. Molto dipenderà da noi. Se riusciremo ad esprimerci sui nostri migliori livelli possiamo ambire ad un bel risultato. Ci vorrà il miglior Napoli".

Due big match in quattro giorni…

"Beh, ne siamo consapevoli e sarà l’occasione per misurare le nostre aspirazioni. Contro i grandi club abbiamo sempre offerto prestazioni di spessore, talvolta esaltanti. Questa è una squadra giovane che anche attraverso questi test può crescere e comprendere la propria dimensione. Ma adesso pensiamo alla Roma…".

E può dare tanto in termini di energia l’ennesimo "sold out" del San Paolo…

"Io lo definisco il nostro grande alleato. Il San Paolo è una fonte di calore e magia senza paragoni. Si respira un clima unico ed i risultati testimoniano di questa enorme forza che ci comunica il nostro pubblico. Il Napoli è una squadra che ha grandi qualità ma che ha anche bisogno di iniezioni di entusiasmo. Speriamo di ripagare ancora alla grande l’affetto straordinario del popolo azzurro".

Redazione NapoliSoccer.NET – Intervista tratta da sscnapoli.it

5 Commenti

  1. non mi piace criticare dopo quindi lo farò adesso con la speranza che mi sbagli.. io credo che reja è un gran motivatore ma un mediocre allenatore,credo che il nostro mister debba fare una statua a lavezzi,i meriti dei risultati ottenuti sono i suoi.
    il napoli non ha alcun tipo di gioco,il suo gioco è dare palla a lavezzi spesso saltando il centrocampo e sperare che come spesso fa,il pocho superi 4 avversari e mettta la palla davanti alla porta. l unica variante a ciò sono gli inserimenti di hamsik..
    insomma solo individualità..
    tra l altro reja vede solo alcuni giocatori ,già negli scorsi ne ha bruciati tanti..
    la scelta di domano di far giocare pazienza ,conferma ancora una volta la mentalità del nostro allenatore..
    come non mettere bogliacino!
    sento parlare di chi dovrà marcare pazienza bha!
    ma i giocatori della roma nn li marcherà nessuno?
    cmq il nostro allenatore parla di mentalità,personalità ma queste sono cose che dovrebbe dare lui alla squadra..
    soprattutto fuori casa l approccio alla partita è sempre sbagliato,sembra una squadra allo sbaraglio..
    a me non interessa la champions,va bene anche la uefa pero non si devono fare certe dicharazioni se poi si assiste a certe prestazioni!
    il napoli non potrà mai andare in cahampions se fuori casa va per non perdere + che per vincere..
    in casa x me le partite il napoli le vincerebbe anche senza allenatore dato il tifo del san paolo!
    speriamo che non venga mai un raffreddore a lavezzi!
    forza napoli!

  2. cmq nel commento di prima ho scritto male,volevo dire che sento parlare dei nostri giocatori che dovaranno marcare(anche i centrocampisti..)
    scusate ma i nostri nessuno li marcherà?

  3. Claudio hai ragione forse in sua difesa questa volta c’e` che Boglia se appena ripreso dalla febbre alta e dopo l’infortunio per quel poco che si e` visto non sembra in una forma smagliante.Tatticamente e` sbagliato togliere un centrocampista offensivo per un mediano in casa dal primo minuto ma reja non si puo` sbilanciare Russotto, io lo schiererei dall’inizio, entrera` speriamo di no a 15 minuti dalla fine…dico speriamo di no perche se lo fa entrare vuol dire che stiamo perdendo.Poi penso che un’altro motivo per provare questo sistema tattico con 3 mediani ma spostando gargano al posto di hamsick lo fa anche perche` pazienza ha bisogno di giocare partite per dargli quella tonicita` che l’allenamento non puo` dare visto che Blasi e Gargano sono entrambi diffidati e giocando 5 partite in 14 giorni sono sicuro che tutti e due salteranno almeno una gara.per il resto sono d’accordo con te noi senza Lavezzi non abbiamo chance perche l’unico che puo giocare nel suo ruolo non viene mai schierato dall’inizio.
    Domani dipende da tutti ma in particolare dal rendimento di Pazienza se a Gargano gli tocchera` rincorre il pallone fino davanti alla nostra porta allora puo giogare un po piu` disinvolto sulla trequarti avversaria e magari far un gol come quello contro la Juve della scorsa stagione altrimenti abbiamo gia` visto cosa succede con i 3 mediani in campo ci facciamo pressare schiacciare nella nostra meta campo.
    In bocca al lupo e crepi il lupo che l’accir o ciuccio

  4. correggo.
    Domani dipende da tutti ma in particolare dal rendimento di Pazienza se a Gargano non gli tocchera` rincorre il pallone fino davanti alla nostra porta allora puo giogare un po piu` disinvolto sulla trequarti avversaria

LASCIA UN COMMENTO