Solito obbrobrioso Napoli da trasferta

24
100

Le pagelle di Napolisoccer.NET: Chievo V. – Napoli
Gianello
: poco convinto nelle uscite, abbastanza sicuro tra i pali. Troppo precipitosi i tuffi in occasione di entrambi i calci di rigore. 6    
Cannavaro: ferreo nelle marcature e preciso negli interventi, limita ai minimi termini Pellissier. 6
Rinaudo: scomposto negli interventi, a disagio nella marcatura sullo sgusciante Esposito, lento ed impreciso nei rilanci. Partita marchiata da un errore pacchiano (ormai una costante in ogni gara) in occasione del secondo rigore, quando mette in mostra tutti i suoi limiti tecnici mal stoppando una palla che andava rinviata,  troppo spesso i suoi interventi sono impacciati. 5
Contini
: è stato recuperato all’ultimo minuto, forse era meglio lasciarlo in tribuna a riposare. In evidente stato confusionale commette errori a ripetizione soprattutto nel primo tempo. Due suoi interventi sono da brivido ed il terzo, inutile ed intempestivo, causa il rigore del vantaggio clivense. 4,5
Maggio: c’è ma si vede poco e male. Non riesce mai a superare il suo marcatore in dribbling, gioca troppo arretrato e non partecipa alla manovra. Impreciso in varie circostanze è lo specchio del Napoli double face. 5
Blasi: prova a reggere la barca ma il peso è eccessivo anche per lui, tampona bene gli avversari ma in fase di costruzione troppo spesso affida la palla ai difensori. Sul finire della gara gli saltano i nervi ed inizia a sciorinare i suoi soliti interventi da ammonizione. Ricevuta l’ammonizione di giornata, prima di guai peggiori, viene mandato da Reja – miracolosamente illuminatosi – a calmare i bollenti spiriti sotto la doccia. 6
Gargano
: è vero sbaglia tanti passaggi ma è l’unico che cerca di farli, inoltre corre come un forsennato e recupera tanti palloni. Molto utile anche in fase di copertura, salva il Napoli in almeno 3 circostanze sradicando il pallone dai piedi dell’avversario ormai lanciato verso la porta. 6
Hamsik
: irriconoscibile, svogliato, impreciso addirittura ai margini della squadra e della manovra: ma cosa succede? Non c’è nè con la testa nè con i piedi, gioca una partita assurdamente insufficiente ed ancora più incredibilmente perde la testa facendosi espellere e mettendo la squadra nuovamente in difficoltà. La società ha il diritto-dovere di capire qual è il problema, ora non si può più parlare di calo estemporaneo! 4
Vitale
: è giovane ed inesperto ed è evidente che non ha la capacità caratteriale di assumere iniziative diverse rispetto ai compiti che gli vengono affidati. Si limita a tenere la posizione (anche male), non attacca, non è propositivo e spesso si fa saltare in velocità. 5
Lavezzi: inefficace nella prima frazione di gioco (anche ben marcato) gioca la ripresa con il piglio del leader. Si carica la squadra sulle spalle e la conduce al pareggio. Purtroppo oggi sia i compagni (Hamsik, Rinaudo e Contini in primis) che la dea bendata (traversa nei minuti di recupero) gli remano contro ed oltre ad un buon voto nulla stringe. 7
Denis: se non supportato dalla squadra difficilmente potrà rendere alla causa azzurra. Oggi gioca una partita anonima, abbandonato a se stesso si posiziona a ridosso dei difensori avversari che lo surclassano sia sulle palle alte che su quelle basse. Poche palle giocate, nessuna occasione degna di tal nome sono la sintesi della mediocre partita dell’attaccante argentino che, sostituito, si imbufalisce. Ci fa piacere pensare che l’arrabbiatura sia per la scadente prestazione e non per la inopinabile sostituzione, visto che i suoi "cingoli" arrancavano pesantemente sul terreno di gioco. 5,5

Sostituzioni
Zalayeta: si mette a disposizione della squadra e riesce, sicuramente meglio di Denis, a creare difficoltà alla difesa avversaria. Prova anche la via del gol ma il portiere gli nega la gioia . 6
Russotto: non è decisivo come contro il Catania, mette in mostra buona tecnica ma i difensori avversari lo marcano attentamente ed i compagni non lo coadiuvano. SV
Pazienza
: sostituisce Blasi per evitargli l’espulsione, incespica sul pallone in area veronese vanificando una fortunosa palla pericolosa capitatagli tra i piedi. SV

 

Allenatore, Reja: è difficile giudicare una squadra che sale e scende dall’ottovolante a seconda se gioca in casa oppure in trasferta; ma lui è il trainer e di conseguenza è a lui che vanno addossate determinate colpe. Purtroppo il Napoli oggi – per l’ennesima volta – ha dimostrato di essere una squadra che in trasferta non sa che pesci prendere. Sin dai minuti iniziali è apparso chiaro che la squadra non era scesa in campo, i giocatori erano confusi e confusionari e questo, giocoforza, non può prescindere dalle responsabilità dell’allenatore. Alcuni giocatori sono apparsi fuori forma e psicologicamente in difficoltà. La scelta di schierare a tutti i costi Contini oltre che azzardata si è mostrata deficitaria, Aronica avrebbe garantito pari livello prestazionale. Inoltre il tecnico fatica a capire che anche fuori casa, perso per perso, bisogna sfruttare la forza offensiva dei giocatori di fascia e non costringerli ad un lavoro – ancorchè fallimentare – puramente difensivo. Da segnalare l’inutilità del forcing finale, fa solo arrabbiare di più!
Per divenire grandi e maturare tutti, allenatore compreso, bisogna capire che gli altri devono temere noi e non viceversa; fintanto che lontano dal San Paolo temeremo anche l’ultima in classifica continueremo ad inghiottire bocconi amari: "Pe’ nuje ca ce chiagnimmo ‘o cielo ‘e Napule, comm’è amaro stu ppane". 5

Gianni Doriano – Redazione Napolisoccer.NET

Condividi
Articolo precedenteReja: “Abbiamo giochicchiato regalando un tempo al Chievo”
Prossimo articoloMarino: “La Champions è una bestemmia, puntiamo alla Uefa”
Giornalista sportivo, appassionato di calcio e, da sempre, tifoso del Napoli. Dal 2004 partecipo al progetto Napolisoccer.NET condividendone obiettivi e speranze, con l'unica finalità di fornire ai lettori un'informazione corretta e neutrale, scevra da pregiudizi e fuori da ogni logica di interesse. Napoletano convinto, nutro amore e passione incondizionata per "Terra mia", "Napul'è" e per la maglia azzurra.


24 Commenti

  1. Gianni doriano per una volta sono d’accordo… quasi d’accordo mi rifrenerei un po su Hamsick il passaggio a Lavezzi dove poi ha fatto gol era suo, il fallo su Lavezzi che lui ha contestato e Lavezzi ha preso il giallo c’era, Il rosso su una protesta mi sembra esagerato.Non sono d’accordo sulla sostituzione di Denis, Zala doveva entrare al posto di Vitale anche se avrei preferito Russotto Zala a ha si fatto qualcosina ma piu che una punta mi sembre un rifinitore quest’anno e` troppo lento per essere una punta.Per il resto d’accordo con tutta la pagella Reja se vuole cambiare la mentalita del Napoli in transferta deve cambiare prima la sua.

  2. Finchè il presidente non spende i soldi per acquistare calciatori di un certo livello il Napoli non andrà mai da nessuna parte.Secondo me con questo tecnico e con questa rosa il napoli sta facendo già il massimo,ma non può andare oltre il 7° posto.Come organico e come monte ingaggi siamo inferiori a Inter,Juventus,Milan,Roma,Fiorentina e Genoa.Smettiamola di parlare sempre di giovani,a me sembra solo una scusa per non spendere i soldi,perchè i giocatori affermati costano e il Presidente e Marino lo sanno bene.Non è vero che a Gennaio i giocatori migliori non si muovono(Kakà e il massimo esempio) dipende solo dal prezzo dell’offerta,ma noi riusciamo a prendere solo giocatori polacchi a 1,5 milioni di euro che arrivano perfino a giugno.

  3. certo che se dovessimo giudicare questa squadra da partite come quella contro il torino e questa di oggi siamo da serie B altro che uefa, cmq ci sono altre 9 trasferte se si perdono tutte e 9 come ormai abitudine ,e considerando che non si potrà sempre vincere in casa, la zona uefa è l’unico obiettivo valido e ci sarà anche da sperare

  4. io torno a ripetere che questo modulo non è giusto in base ai giocatori che ha il napoli. SERVE UN REGISTA CHE A CENTROCAMPO FACCIA GIRARE LA PALLA! Gargano non può fare questoo! lui è un recuperatore di palloniii! Per quanto riguarda la difesa, vabeh si può sbagliare… è ovvio. Ma anche in attacco, Denis, non può fare molto se non ci sono le occasioni. lui è un giocatore che la mette dentro ma se non gli arriva nulla che deve fare!! Denis nel 3-5-2 di Reja non ci azzecca proprio nulla!

    Marino concordo il fatto di fare una squadra giovane, ma una bella offerta per un regista di esperienza la puoi faree! Tipo un ledesma! chi dice che abbiamo bisogno di attaccanti secondo me sbaglia. Non sono gli attaccanti il problema! ma il modulo e il ruolo che reja dice di fare a hamsik.

    Io sono per il cambio di tattica e l’atteggiamento:

    1) più professionale e cioè non continuare a fare alcuni falli inutili, di distrazione o di nervosismo da terza categoria.

    2)atteggiamento più offensivo e quindi un bel cambio di tattica…

    3) per la campagna acquisti iniziare a pensare a giocatori già con una certa esperienza… sennò il salto di qualità non lo si fa mai..

    detto questo, io per il futuro non vedo Reja sulla panchina del napoli. Si è vero, ha fatto gruppo, ma per ambire a diventare una “squadra” di alti livelli ( e ciò non vuol dire solo una fortuita qualificazione in Champions) bisogna che ci sia un allenatore pronto che sappia variare e riplasmare questo gruppo a seconda delle situazioni.

    CI VUOLE UN REGISTA! E BAASTA

  5. Se non andiamo in Champions e questo vuol dire che la squadra non si e` rinforzata ho cambiato faccia in transferta preferisco star fuori dalle coppe cosi almeno non ci sono scuse si cambia allenatore.perche la perdere per perdere fuori casa tanto vale la pena partire con un 3-4-3 dal”inizio con Zala o Russoto e Lavezzi dietro Denis.

  6. Non ho parole quello che ho visto, se Zio Aurelio non cambia ****** ( Reja ) si giocherà sempre così. I giocatori sono di valore e ********* non li valorizza, questo è il punto.

  7. BSOGNA FARE ACQUISTI Ma KI VOJONO PRENDERE X IL CULO QUANDO DICONO KE LA SQUADRA GIà COMPETITIVA BISOGNA COMPRARE UN CENTROCAPISTA E UN ATTACCANTE KE LA BUTTI DENTRO BISOGNA COMPRARE GIOCATORI GIà AFFERMATI E NON 19ENNI KE DEVONO CRESCERE ORA BASTA NN SI PUò PERDERE CON L’ULTIMA E LA PENULTIMA DEL CAMPIONATO TUTT SI SONO POTENZIATI TRANNE NOI E CON QUESTO INIZIO 2009 SIAMO DA SERIE B PRESIDE CACC E SORD

  8. Ragazzi se una squadra in 4 anni con lo stesso tecnico non riesce a dimostrare un minimo di gioco, senza dipendere in maniera assoluta da Lavezzi, mi sapete dire il valore di Reja QUAL’E’??? .. Non mi sento di criticare nessun giocatore,perchè in trasferta conta il gioco di squadra,ma la nostra squadra non lo ha MAI AVUTO!!!… ma dico solo che qualunque allenatore pagherebbe oro per poter guidare una squadra per 4 anni!!!… Noi abbiamo una squadra non da champions ma sicuramente non degna di fare delle vere e proprie figure di cacca con chiunque… temendo qualsiasi squadra!!!… E facendo i cambi sempre in funzione dell’avversario!!! … MARINO SVEGLIATI!!!! …. ABBIAMO BISOGNO DI VEDERE GIOCARE QUESTO NAPOLI!!!!… e non deve dipendere SOLO da LAVEZZI!!!

  9. Ragazzi ma diciamo la verità,questa squadra non è da champions perchè mancano mentalità e mancano un paio di giocatori che possano farci fare il salto di qualità.Non voglio criticare nessuno perchè la squadra è ottima e sta facendo cmq benissimo,quinta con 9 punti in + dello scorso anno ma forse noi tifosi c stiamo facendo prendere un po la mano; invece dobbiamo essere + realistici;Premesso che in champions 3 posti sono gia assegnati,c è ne manca uno e davanti a noi c sono squadre + attrezzate e + esperte vedi roma,fiorentina la stessa lazio e un gradino sotto il genoa che vedo superiore al napoli.Noi siamo una squadra a cui inanziatutto manca una punta forte perchè denis non è paragonabile nemmeno con il binocolo a milito,gilardino,baptista pandev,cioè quelle che sono le prime punte delle nostre dirette concorrenti;vi dirò che secondo me è meglio zalayeta che è sicuramente + utile alla squadra anche se neanche lui è un vero bomber.Ci manca poi un regista,un metrono di centrocampo che sappia dare il ritmo alla squadra e la sappia prendere per mano;finchè marino non acquista questo tipo di giocatori sarà difficilissimo salire in alto a meno che la squadra non stia sempre bene fisicamente cosa che nel corso di un intero campionato è impossibile.
    Se l’obiettivo è arrivare nei primi 4 posti qlc acquisto inportante bisogna perchè questa squadra cosi com è sicurmente c regalerà belle soddisfazioni,ma non potrà essere competitiva al massimo

  10. Io invece sulla critica all’allenatore non sono d’accordo. E’ evidente che non è lui la colpa se la squadra in trasferta è troppo impaurita dipende dai ragazzi. Reja dice le stesse cose sia in casa che in trasferta. Non da mai la sensazione di volersi accontentare (in 10 contro 11 ha cambiato una punta con una punta). Questa volta come a Bergamo ci si è messo anche l’arbitro. Non si è mai visto nella storia del calcio italiano che la quarta in classifica beccasse due rigori contro ed una espulsione giocando con la quarta. Questa è la dura realtà. Dobbiamo arrivare in champions contro tutto e tutti altrimenti non usufruiremo dei favori che hanno altre compagini. Lo so non piace neanche a me ma è così che si vince quando si è in difficoltà.

  11. I giocatori del Chievo, presi singolarmente sono tutti tecnicamente inferiori a quelli del Napoli. Eppure anche questa domenica abbiamo subito una lezione di gioco oltre che una sconfitta. E non è la prima volta che subiamo tatticamente gli avversari. Il Napoli rende quando pensa principalmente a difendersi e a giocare di rimessa. Non è in grado di imporre il proprio gioco, perchè forse non lo ha. I nostri successi discendono quasi sempre da giocate individuali e non da schemi. Basta con questo 3-5-2.

  12. Volevo dire a tutti una semplice cosa . .Il campionato Italiano è molto difficile ed imprevedibile.Quando abbiamo perso a Bergamo si fece un 48 . .L’Inter ne ha prese 3.Abbiamo una squadra da 5-6 posto con delle alcune in difesa e in attacco . .Il gioco in serie A non mi sembra di vederlo spesso . .I giovani che abbiamo noi non sono campioni e si vede dalla paura che hanno lontano da casa .Questa è il solo grande problema . .

  13. Incredibile ma cm si fà a dare 6 a Gargano….ma chi se ne frega se corre 90 minuti( la metà a vuoto) ma lo vedete che alcune partite tipo oggi nn ne azzecca una….adesso nn voglio scaricare tutte le colpe su di lui ma ha commesso degli errorri in fase di appoggio davvero enormi…roba che insegnano alla scuola calcio!!!

  14. gargano ha caratteristiche da interditore e tale compito lo svolge egregiamente se poi è l’unico che prova ad impostare è anche normale che ha un tasso di errore superiore agli altri. Non ci vedo niente di esagerato nel 6 che poi ha anche salvato la porta 2 o 3 volte dal contropiede. quindi sommando i pro ed i contro sono d’accordo per il 6. Sono d’accordo anche per gli altri voti, forse avrei dato 5 a denis e 5,5 a cannavaro perchè ha perso anche lui la bussola sulla fine della gara

  15. nessuno dice anche che gragano non può battere le punizioni e soprattutto i calci d’angolo… non è cosa sua!!! ma quando lo capisce reja? l’unico era el boglia ma reja l’ha sapientemente relegato in panchina/tribuna…

  16. ma come si fa a dare a gargano 6? per cortesia ma se ha fatto circa 30 passaggi sbagliati e non ha recuperato neanche una palla! certo quando e in forma tutto ok, ma quando lui è out? cmq so convinto ch e esempre colpa dell’ allenatore…m9i domando perche non ha messo mannini e perche non ha inserito subito uno tra zaza e russotto(che correva come un pazzo) magari giocare con il tridente..rischiare….schiffeggiati anceh dall’ultima in classifica. vergogna.

  17. …se vi ricordate Gargano nella partita di Udine dello scorso anno dove vincemmo 5 a 0 fece dei passaggi illuminanti, lì tutti i tifosi del Napoli compreso io si è pensato: ” abbiamo acquistato finalmente un regista che corre anche”, mai errore più grande fu, abbiamo comprato un buon giocatore che si fa un sedere tanto in tutte le partite degno di ammirazione, ma purtroppo con notevoli limiti tecnici, il ruolo di Marekiaro inoltre è sbagliato, lui dovrebbe giocare dietro le punte da Trequartista puro, dove potrebbe sfruttare meglio la sua classe, con appunto Gargano che lo copre, il 3/5/2 in trasferta è un arma contro di noi perchè bastano due attacanti veloci che Rinaudo e Cannavaro vanno in bambola, (l’unico veloce è Santacroce) ma non gioca sempre…..bo e non si capisce perchè, inoltre far giocare Vitale (inesperto) in trasferta è un danno per tutta la squadra, tanto è vero che le sue partite migliori le ha fatte in casa…. quindi se non si capiscono questi errori non si andrà avanti soprattutto lontano da San Paolo. Comunque sia noi tifosi del Napoli nel bene e nel male saremo sempre vicino alla squadra.

  18. mi permetto di dare un consiglio tecnico a chi delle volte rimane ancorato a certe idee e a certi moduli, noi in rosa lo avevamo un regista, magari non sarà stato un giocatore da copertina o bello a vedersi è questo era Fabio Gatti che con molta umiltà ha fatto vedere quando è stato utilizzato di ciò che era capace, avevamo inoltre un giocatore come il Pampa che era un vero collante per la squadra, lui con la sua personalità e il suo carisma non avrebbe mai permesso a Denis di avere una reazione così dopo la sostituzione, in quanto Reja comunque sia è il mister è quindi deve essere rispettato anche se sbaglia. Ma è possibile che nessuno in società gli è venuto in mente di dare un ruolo al Pampa come dirigente, un po come Tare nella Lazio, in modo tale da tener a freno certi atteggiamenti….credetemi sarebbero stati soldi spesi bene.

  19. Secondo me se siamo arrivati in classifica a questo punto, e perchè abbiamo iniziato prima la preparazione e quindi eravamo più avanti delle altre squadre,
    se notate a 3/4 del campionato e fino a ieri abbiamo avuto un grosso calo.
    Non possiamo perdere partite come Torino e Verona.
    Mi viene da piangere!!!!!!!!!!!!!!

  20. Fabri tu dici che Denis non e` paragonabile a Milito …. Il Genoa senza Milito vince fuoricasa lo stesso,con questo non voglio dire che Denis e` il Migliore ma in Argentina ha fatto 27 goals in un anno il problema e` nel gioco di tutta la squadra che fuori casa cambia faccia per dargli una mentalita diversa Reja deve rischiare un po di piu` fuori un difensore dentro un attaccante.
    Lavezzi gioca tanto ma a volte non passa la palla, il tiro sulla traversa poteva passarla a Maggio da solo davanti alla porta. Anche sul gol fatto Maggio era li l’ha fatta entrare per generosita ma poteva metterla dentro lui, un rigore netto su Maggio non ci e` stato dato e qui entra l’arbitro. Gargano non si tocca d’accordo con merano.

  21. Io ho una domanda per tutti coloro che l’anno scorso dopo Napoli-Juve e Napoli-Torino si ersero a paladini della sportività: Il giocatore del Chievo (adesso mi sfugge il nome) verrà squalificato dall’integerrimo Giudice TOSEL per ave indotto l’arbitro in errore e per comportamento anti-sportivo, Come fece per Zalayeta l’anno scorso? Ai posteri l’ardua sentenza….

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here