Aggressione a Galliani, secondo il Riformista responsabili i tifosi milanisti

4
19

Secondo quanto scritto dal Riformista e poi riportato stamane dal Corriere del Mezzogiorno, gli autori dell’aggressione a Galliani sarebbero stati tifosi milanisti che protestavano per la mancata cessione di biglietti gratuiti ai gruppi organizzati rossoneri.
I responsabili dei quindici minuti di paura vissuti da Adriano Galliani all’esterno dello stadio San Paolo di Napoli potrebbero non essere napoletani, bensì milanisti. È solo una voce di corridoio proveniente da via Turati, la sede del Milan e riportata oggi in prima pagina dal «Riformista», ma questa nuova ipotesi è destinata a far molto discutere dopo le scuse accorate portate per l’aggressione all’amministratore delegato del Milan dal sindaco di Napoli Rosa Russo Iervolino e del presidente della società azzurra De Laurentiis.

Secondo questa nuova ricostruzione dei fatti (che la Digos di Napoli non smentisce), Adriano Galliani, a bordo di un Audi con l’amico e conduttore napoletano Gigi Marzullo, nel traffico verso la rampa della tangenziale di Fuorigrotta sarebbe stato aggredito da un gruppetto di tifosi rossoneri. Un piccolo assembramento, in dodici senza sciarpe né simboli di riconoscimento, eppure in numero sufficiente a bloccare per un brutto quarto d’ora Galliani tentando di infrangere i vetri e forando gli pneumatici dell’auto su cui viaggiava il vicepresidente del Milan. Una spedizione punitiva per un rapporto raffreddatosi da tempo con la curva rossonera. Rapporto incrinato dai contatti sempre più radi tra le parti e lo stop alla concessione di biglietti gratuiti per le partite ai gruppi del tifo organizzato. Divergenze acuite da striscioni di critica alle scelte della società esposti ultimamente dalla curva sud di San Siro.

Questa ricostruzione d’altra parte non collima con il racconto del grave episodio di teppismo fornito dallo stesso Galliani: «Non ce l’avevano con me per il risultato della partita con il Napoli. Non hanno mai nominato il gol annullato. Mi rinfacciavano di non poter più fare le trasferte – divieto imposto ai tifosi del Napoli dal ministero dell’Interno – come se fossi responsabile io delle restrizioni per i tifosi».
Salvatore Testa – Fonte: Corriere del Mezzogiorno

 

4 Commenti

  1. ma lo sai che forse è davvero cosi?? noi non abbiamo mai fatto ste cose contro dirigenti di altre squadre…quindi perche questa volta si? perche contro Galliani?come mai causare un polverone cosi per una partita che tra l altro è piaciuta a tutti noi tifosi??a tutti i tifosi del Napoli pero…non a quelli del milan,che non è la prima volta che criticano la squadra…a noi il pareggio in questo momento va piu che bene…al milan no….forse è per questo che ahnno reagito cosi….chi di dovere indaghi bene sulla faccenda….

LASCIA UN COMMENTO