Tutti al Napoli, è la squadra dei desideri

0
66

«Mi piacerebbe giocare nel Napoli». Nikola Kalinic, 21 anni compiuti il 5 gennaio, attaccante dell’Hajduk Spalato, è solo l’ultimo in ordine di tempo a manifestare il suo desiderio di vestire l’azzurro del Napoli. E nel giorno in cui Kalinic esprime la sua voglia di Napoli, Belen Rodriguez fa sapere, sul settimanale «Chi» che sarà la protagonista del prossimo film di Natale di De Laurentiis. Tutti vogliono il Napoli e chi ci sta non vuole andare via. Dal 2004 c’è stata una totale inversione di tendenza. Prima del fallimento della società di Naldi, era difficile far firmare un contratto a qualcuno con il Napoli. Eppure, spesso si trattava di calciatori alla frutta. Per dire sì pretendevano rapporti lunghi ed onerosi. Adesso, è diverso. Per il prestigio di De Laurentiis e per la solidità della società; per i risultati sinora ottenuti durante la gestione di Marino; per la regolarità con la quale vengono pagati gli stipendi; per il fascino che Napoli esercita su tutti; per il futuro del club. Dunque, non c’è da meravigliarsi se dall’Europa e dal Sudamerica arrivano attestati di stima per il Napoli e diventa sempre più lunga la lista di coloro che sono pronti a dire sì a Marino. Non è da escludere che ben presto la società sarà costretta a mettere sul cancello del centro di Castelvolturno la scritta che di solito si legge al fuori dei cantieri: personale al completo. Da tempo è stata registrata la disponibilità di ottimi calciatori a venire a giocare nel Napoli: Diego Buonanotte del River Plate, Jesus Datolo del Boca Juniors, Fernando Cavenaghi del Bordeaux, Fabio Cannavaro del Real Madrid. Con l’apertura del mercato di gennaio, più di un calciatore ha espresso il desiderio di vestire l’azzurro. Dal difensore Jodlowiech che gioca nel Polonia Varsavia e si prenota per giugno prossimo, allo sloveno Dedic, uno che con il Frosinone si è messo in evidenza; dal giovane difensore dell’Ascoli Bellusci, che è seguito anche dalla Fiorentina, al tedesco del Brescia Savio Nsereko; dal trequartista Eduardo Salvio, che milita nel Lanus in Argentina sino all’attaccante croato Kalinic. «Mi è stato riferito che tre importanti club quali il Napoli, il Palermo e il Valencia sono interessati al mio cartellino», ha detto Kalinic in un’intervista a calciomercato.web. Il bomber che ha affrontato gli azzurri in una partita amichevole disputata l’11 luglio dello scorso anno a Spalato e vinta dall’Hajduk per 1-0 (ma con un gol regolare di Denis annullato), appare imbarazzato: «Davvero difficile scegliere tra città importanti, tra società prestigiose. Al Napoli, però, troverei Reja, l’allenatore che parla sloveno. Sarei avvantaggiato dal punto di vista della lingua». Intanto, sembra essersi raffreddato l’interessamento del Parma per Bogliacino. Per il costo dell’operazione e per le perplessità del calciatore: esiguo (solo 20mila euro) l’aumento dell’ingaggio offertogli per giocare in serie B. Oltre al Lecce e al Palermo, si è rifatto avanti il Cagliari.

Fonte: Il Mattino

 

Condividi
Articolo precedenteRinaudo: “Abbiamo l’occasione di fare un gran campionato”
Prossimo articoloReja prova gli schemi anti Catania
Giornalista e Vice Direttore di Napolisoccer.NET . Tifoso del Napoli, coniugo l'amore e la passione per gli azzurri alla deontologia propria del lavoro di giornalista. Il piacere di raccontare le vicende azzurre, con i suoi risvolti sociologici, con criticità e romanticismo quando ci vuole. Pratico la libertà d'informazione senza condizionamenti.


LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here