Calcio: Pasqualin (proc.) “Sarà Pazzini l’uomo-mercato”

0
39

”Sara’ Pazzini l’uomo-chiave del prossimo Calciomercato, che sara’ caratterizzato dagli scambi senza soldi. Tanti movimenti a costo zero”. Ne e’ sicuro Claudio Pasqualin, procuratore di diversi calciatori ed esperto di Calciomercato. Mercoledi’ riaprira’ la fiera delle illusioni e saranno tanti i club a scendere in campo per ‘aggiustare qualcosa’ nei propri organici. ”La crisi, pero’, comincera’ a farsi sentire – e’ il parere di Pasqualin – Le societa’ medie baderanno prima di tutto a salvaguardare i bilanci. Ci sono presidenti che, al giorno d’oggi, sono pure disposti a non vincere pur di non naufragare”Liquidita’ poca, movimenti tanti. Scambi piu’ o meno alla pari di calciatori a costo zero. La crisi economica comincia a farsi sentire e molti presidenti preferiscono stringere la cinghia. Mercoledi’ partira’ l’ultima trance di Calciomercato, una specie di festival delle illusioni, e chi ha sbagliato indirizzo avra’ la possibilita’ di rimediare. Anche le grandi cercheranno di rimescolare le carte, a cominciare dall’Inter. Parola di Claudio Pasqualin, procuratore di diversi calciatori e grande esperto di mercato. ”La storia con Adriano, per la societa’ nerazzurra, e’ destinata a continuare; se dovesse cederlo, e vederlo segnare magari con un’altra maglia, Moratti rischierebbe l’infarto. Resisterebbe solo a vederlo segnare in Brasile. Se Adriano dovesse tornare nel proprio Paese, bene. Siccome Moratti se lo puo’ permettere, credo che Adriano restera’ all’Inter e questo metterebbe in discussione la posizione di Crespo, che magari e’ tagliato fuori dalla Champions, ma ad alcune buone squadre della Liga tornerebbe utile”. Il bello e il brutto del Calciomercato, secondo Pasqualin, e’ che vi sono ”considerazioni extra-economiche che lo determinano”. L’aspetto economico oggi e’ troppo importante per certi club e ”mette in secondo piano anche la voglia di successo”. ”Qualche presidente – sottolinea – pensa di poter vincere di meno, o di non vincere affatto, e preserva i bilanci del proprio club da pericolosi harakiri. La crisi si fara’ sentire ma, siccome la fame aguzza l’ingegno, ci saranno tantissimi scambi. Andra’ via Pazzini, ma e’ difficile che la Fiorentina possa pretendere soldi liquidi: al posto di Pazzini arrivera’ qualcun altro”. Dunque, scambi o al massimo cessioni con diritto di riscatto ”che non verra’ mai esercitato – spiega Pasqualin – e intanto si tira a campare”. L’uomo-mercato? Il procuratore non ha dubbi: ”Non ci saranno grossi nomi. Potrebbe essere proprio Pazzini. Per il resto non ci sono giocatori in grado di accendere la fantasia dei tifosi. Anche dietro il possibile interessamento del Milan per il difensore Agger, ci potrebbe essere una manovra del suo procuratore, per ottenere un rinnovo dell’ingaggio. Il Milan fa bene a puntare su Alex, per aumentare il numero dei suoi giocatori brasiliani. Il Milan ormai e’ una squadra dalla forte connotazione brasiliana”. In prima fila fra le squadre attive anche la Roma. ”Il problema dei giallorossi non e’ Totti – osserva Pasqualin – Nei giorni scorsi ho parlato con il ds Prade’, che mi ha manifestato la volonta’ di fare qualcosa. Mi auguro che il club giallorosso si muova. Fontana del Palermo come secondo portiere andrebbe benissimo, anche se e’ ancora presto per parlarne. Uno che invece non ha fatto breccia nel cuore di Spalletti sembra essere Cicinho: se dovesse andar via, si potrebbero realizzare delle operazioni. Lo scambio Okaka-Bogdani? Gioverebbe solo al Chievo. La Roma cerchera’ di cedere Montella, che ha un ingaggio importante”. All’estero la situazione cambia: ”Se ne fregano degli scambi, vogliono solo i soldi. Sento parlare di Owen, ma ci vogliono i soldi, non giocatori in cambio. La gente partira’ per Milano con la voglia di fare tante cose e le fara’, ma ci saranno tanti scambi, i giornali comunque avranno di che scrivere”

 

fonte:ansa



LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here