Nuovamente allagato lo stadio San Paolo

0
18

Ma se il campionato fosse ripartito già in questo weekend, la gara sarebbe stata quasi certamente rinviata. E’ stata una notte difficile in tutta la Campania a causa delle forti piogge che si sono abbattute soprattutto sulle zone costiere. Diversi gli allagamenti a Napoli e provincia, ma anche nel Salernitano. E come sempre, non si è sottratto lo stadio San Paolo, costretto a convivere con il grave problema derivante dal dissesto idrogeologico nei quartieri Soccavo e Fuorigrotta. Stamattina nell’impianto sportivo è arrivato anche l’assessore Alfredo Ponticelli, probabilmente al suo ultimo impegno ufficiale se, come previsto, domani il sindaco Iervolino stravolgerà l’assetto della Giunta comunale. Si sono completamente allagati gli spogliatoi e le palestre. Sul posto, con il direttore Pierro, sono giunti i tecnici del Comune e della Napoli Servizi, che stanno procedendo allo svuotamento dei locali. Non si esclude che lunedì venga effettuato un nuovo sopralluogo per accertare eventuali danni strutturali. Non dovrebbe essere a rischio la partita dell’11 gennaio tra Napoli e Catania.  Il Comune ha avviato da qualche anno, con notevoli ritardi, i lavori di rifacimento del collettore fognario Arena Sant’Antonio. Tuttavia, nonostante qualche miglioramento, i disagi si ripetono. L’ultima partita rinviata, nel settembre 2005, era stata Napoli-Torres. Lo scorso anno, la partita Napoli-Genoa si giocò solo grazie ai rapidi interventi dei tecnici.
Redazione NapoliSoccer.NET – fonte: Calciocampano.com

LASCIA UN COMMENTO