Cannavaro: “Del 2008 ricorderò il sorriso dei napoletani”

0
22

Paolo Cannavaro, attraverso un’intervista pubblicata sul sito ufficiale del club, ha voluto raccontare l’anno che sta per concludersi, del quale dice: "Del 2008 ricorderò il sorriso dei napoletani".
Ecco le sensazioni del difensore azzurro:
Paolo un aggettivo per questi 12 mesi…
"Importanti. E’ stato un 2008 da ricordare. Per ciò che abbiamo ottenuto ma anche ad ampio spettro storico. Io conosco gli umori di questa città sin da bambino e devo dire che girare per strada e vedere rifiorito l’entusiasmo dei napoletani rappresenta il traguardo più grande raggiunto in quest’anno solare".

Scegli la partita del 2008…

"La vittoria sul Milan. Vedere il San Paolo fare la ola contro i campioni del Mondo è stata una sensazione inesprimibile".

Il momento più brutto…

"Il palo di Lisbona. Potevo fare gol e cambiare le sorti della qualificazione. Peccato, ma spero che ci ricapiti l’opportunità di giocare ancora in Europa. E stavolta, magari, sarà un’avventura più lunga".

Se finisse adesso il campionato ci sareste in Europa…

"Beh, stiamo andando molto bene e speriamo di proseguire così. Certo siamo in una posizione ottima ma non facciamo calcoli. Il girone di ritorno da sempre è quello più duro. Ma noi lotteremo per difendere le posizioni guadagnate e magari progredire ancora".

Sognando sognando, però, il popolo azzurro vi chiede sempre di più. Una promessa per il 2009?

"Che ci sia un ideale prolungamento del 2008. In un anno solo siamo cresciuti in maniera esponenziale e vogliamo completare il processo di maturazione. Poi nel calcio si può vincere e si può perdere. Ciò che ci sentiamo di promettere è che saremo duri a morire".

Da napoletano e capitano: un tuo desiderio per l’anno che verrà…

"Null’altro che il sogno di una vita. Alzare un trofeo con il Napoli. Poi se dovesse succedere nel 2009 sarebbe ancora meglio. Ma in qualsiasi momento dovesse capitare spero di esserci sempre io con la maglia azzurra addosso…".

Redazione NapoliSoccer.NET – Intervista tratta da SscNapoli.it

LASCIA UN COMMENTO