Reja: “Se il Napoli vola in Champions vado a piedi sul Vesuvio”

5
85

E’ al settimo cielo Edi Reja, mai tanto felice, soddisfatto, raggiante e caricatissimo al punto da impegnarsi totalmente in un proposito straordinario, un’impresa senza precedenti, lui che qualche mese fa in bicicletta e pedalata su pedalata è arrivato alle falde del Vesuvio, non fin sopra. Adesso conta di fare di più, cioè salire fino al cratere, a piedi però, se le cose andranno per il verso giusto. Sulle ali dell’entusiasmo dopo la vittoria sul Lecce e nel ventre del San Paolo, il mister azzurro ha alzato una mano in segno di giuramento solenne, con l’altra appoggiata sul petto: «Se il Napoli concluderà il campionato come tutti vogliamo, pensiamo e speriamo, farò una cosa mai fatta. Sul Vesuvio ci sono andato in bici ma non fin su, partendo da lì sotto. Ebbene lo prometto e lo manterrò, andrò a pieni fino al cratere ma partendo dal centro di Napoli, piazza dei Martiri o piazza Plebiscito, fate voi, non mi spavento mica. D’altra parte sono uno che mantiene gli impegni e sono pronto a tutto. Immaginate quante e quante persone verrebbero con me per lo stesso motivo?», il traguardo che ha fatto scattare il giuramento e che determinerà il rispetto dell’esplosivo proposito è la qualificazione del Napoli in zona Champions. Adesso Reja ci crede, l’impresa è possibile, ad una sola condizione: «La squadra è forte e sa di esserlo. Insisto però, bisogna dare continuità ai risultati e crederci sino in fondo».  In altre parole a Torino si andrà con un solo obiettivo, quello di vincere, malgrado le assenze di capitan Cannavaro e del Pocho Lavezzi, entrambi in diffida e ammoniti domenica al San Paolo durante il match con il Lecce. Reja tuttavia non se ne è fatto un particolare problema: certo, le qualità dei due non si discutono. In difesa il tecnico potrà tuttavia contare su Santacroce, Rinaudo e Contini, oltre che su Aronica. In prima linea appare invece scontato il rientro di Zalayeta che comporrà il tandem offensivo con Denis. Toccherà a loro due non far rimpiangere il Pocho Lavezzi.

Fonte: Leggo

 



5 Commenti

  1. Anche io lo accompagno e quando siamo in cima… lo butto nel cratere!Ahahahah!!
    Grande stima per il grande uomo che è Reja,ma come allenatore proprio non lo gradisco!
    Saluti mister!;-)

  2. salsero..ora come ora nn ci sono allenatori disponibili in giro..bisogna aspettare e sperare che chi verrà al suo posto abbia le idee chiare su come allenare il NAPOLI..per ora va bene cosi..saluti e buone feste!

  3. rejia allora incomincia a metterti leggero ke sul vesuvio fa caldo! xD…raga anke se forse nn è il migliore degli allenatori ma pensate dove ha fatto arrivare questo napoli da serie C ai posti + alti della classifika…nonostante tutto è riuscito a portare questo napoli molto in su dopo 4 anni (il quarto è questo ora vedremo dove siamo capaci di arrivare!!)….per me rejaè comunque un allenatore d rispetto, non dei migliori ma di RISPETTO!

    BeLLa MisTeR

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here