Denis, l’argentino che più piace a Reja

0
22

L’attaccante ha segnato contro il Siena un gol decisivo entrando dalla panchina, come già era successo a Bologna. Ma il Tanque accetta le scelte del tecnico senza polemiche: "Sono sempre pronto quando l’allenatore mi chiama. Conta solo il Napoli"
È già la seconda volta in maglia azzurra che German Denis segna partendo dalla panchina. La dimostrazione che il Tanque sa "schiacciare" gli avversari anche entrando in corsa. Domenica, come già era successo a Bologna, il suo ingresso ha fruttato altri 3 punti pesantissimi per l’ottima classifica del Napoli. Sì, perché se il suo gol ha blindato il risultato, più importante è stato il primo tocco – appena entrato – per smarcare Hamsik al cross decisivo.
UMILTA’ E INTELLIGENZA – Questo significa che German è persona intelligente che sa aspettare il suo momento concentrato. Sa mettere il suo ego da parte, per dare alla squadra il meglio di sé. E questo è un qualcosa che lo rende assai affidabile agli occhi di un Reja, che con altri sudamericani ha problemi per via di caratterini meno malleabili e poco avvezzi al rispetto delle regole di gruppo.
DUALISMO CON ZALAYETA – Tutto sommato finora il tecnico goriziano ha indovinato il mix giusto nell’alternanza dei suoi centravanti: mal sopportata dall’uruguaiano (ha anche lasciato il ritiro quando ha capito di non giocare contro la Fiorentina) e accettata come male minore dall’argentino. I numeri danno ragione all’allenatore: dal centravanti il Napoli ha avuto 8 gol (6 di Denis, 2 del Panterone), in media con il rendimento delle grandi come l’Inter (Ibra 8) e la Juve (Amauri 8). Questo conta, ma naturalmente il dualismo rischia di corrodere un po’, l’uno o l’altro che sia. Perché se è vero che Denis, con Gargano, è l’unico sempre presente, è altrettanto vero che il Tanque per 5 volte è partito dalla panchina.
CHE MEDIA GOL – avendo giocato 924’, significa che è capace di segnare ogni 154’. E se Milito al momento è irraggiungibile (102,2’), comunque restando alla media gol-minuti l’argentino ha fatto meglio di Ibrahimovic (174,6’) ed è quasi alla pari con Amauri (151,1’). Numeri che inorgogliscono l’ultimo acquisto del Napoli: "È la dimostrazione che io sono sempre pronto, quando l’allenatore chiama. Sono venuto in azzurro per mettermi a disposizione della squadra e della società che mi ha voluto qui". I mugugni e l’amarezza per qualche panchina di troppo (un quarto d’ora scarso contro l’Inter a San Siro) rimangono lontani dalle dichiarazioni ufficiali. E qui sta l’intelligenza e la maturità del soldato Denis, tutto un altro giocatore rispetto al 21enne arrivato 6 anni fa a Cesena, dove non riuscì a lasciare il segno (solo 3 gol) in un campionato e mezzo di C1.
REJA SFOGLIA LA MARGHERITA – E da oggi a Castelvolturno, ricomincia il dilemma. Meglio far partire titolare Zalayeta, che per il tecnico ha miglior intesa con Lavezzi e fa giocare meglio la squadra? Oppure Denis, che non sarà un fuoriclasse, ma che dà sempre il massimo di quello che può? L’importante è che ci guadagni questo Napoli, che se riuscirà a continuare così vede la Champions non più come miraggio.
fonte: gazzetta.it

SHARE
Previous articleF1, Perry (Williams): Dopo la Honda altri ritiri
Next articleOk al mercato di gennaio, Marino punta Salvio
Giornalista e Vice Direttore di Napolisoccer.NET . Tifoso del Napoli, coniugo l'amore e la passione per gli azzurri alla deontologia propria del lavoro di giornalista. Il piacere di raccontare le vicende azzurre, con i suoi risvolti sociologici, con criticità e romanticismo quando ci vuole. Pratico la libertà d'informazione senza condizionamenti.

LEAVE A REPLY