Mariano Grimaldi (procuratore): “Domenica peserà più l’assenza di Chiellini che quella di Gargano”

0
130

ESCLUSIVA – Il procuratore Mariano Grimaldi ha concesso un'intervista in esclusiva a NapoliSoccer.NET. 
Uno dei suoi assistiti, Diego Farias, quest'anno sta facendo molto bene con la Nocerina. Il 22enne talento brasiliano è pronto per il grande salto?
Il brasiliano ha fatto una stagione importante realizzando finora 5 gol, procurandosi 8 rigori e fornendo 16 assist. Un vero talento già pronto per il grande salto. La stagione comunque non è finita e quindi è prematuro parlare di mercato.
 
L'Udinese per il secondo anno consecutivo centra la qualificazione ai preliminari di Champions a discapito di squadre come Inter, Napoli e Lazio che hanno investito fior di milioni per rinforzare la rosa. E' la dimostrazione che più che spendere tanto bisogna spendere bene?
La qualità della società friulana è la programmazione. I dirigenti lavorano molto bene in prospettiva e ogni anno riescono a sostituire i migliori giocatori con giovani promettenti. Il prossimo anno Muriel e Cuadrado faranno la differenza. L'Udinese – ha spiegato Grimaldi a NapoliSoccer.NET – è una multinazionale che opera sul mercato nazionale, internazionale e mondiale. E' una società che lavora a 360°.
 
Fideleff, Fernández, Britos ed in ultimo Vargas si sono rivelati dei veri e propri flop di mercato. Più colpa di Bigon che li ha acquistati o di Mazzarri che li ha utilizzati poco?
Vargas è un ottimo giocatore e il prossimo anno spero lo possa dimostrare. Fernández non è adatto assolutamente al campionato italiano, mentre la stagione di Britos è stata condizionata dal grave infortunio. Fideleff ha fatto delle buone prestazioni anche se ha commesso qualche grossolano errore. Comunque penso sia un valido giocatore.
 
Una società che punta a grandi traguardi lo fa anche attraverso scelte di mercato ponderate sia in entrata che in uscita. Trattenere un giocatore come Lavezzi che ha voglia di cambiare aria potrebbe essere deleterio, ma cederlo ad una diretta concorrente non lo sarebbe ancor più?
Penso che Lavezzi vada al Paris Saint – Germain non per evitare di rinforzare una rivale, ma solo per una questione di soldi. L'argentino ha 27 anni e se il Napoli pensa ad una sua cessione è questo il momento propizio. Un'azienda le valutazioni di mercato le fa a largo raggio ponderando i pro e i contro ed è questo che deve fare la società di De Laurentiis. Per esempio, non penso sia stata una scelta azzeccata spendere tutti quei soldi per un giocatore 28enne come Inler.
 
Il passaggio dalla serie B alla serie A non è cosa da poco e poi notoriamente gli attaccanti nelle squadre allenate da Zeman esprimono il massimo delle loro potenzialità. Premesse queste cose, secondo lei, Insigne è pronto per il Napoli?
Sì, decisamente. E' un giocatore che merita ampiamente la serie A perché ha solo 21 anni e qualità da vendere e in questo campionato l'ha dimostrato.
 
Immobile, lo stesso Insigne e Verratti, convocato da Prandelli, sono solo alcuni dei giocatori valorizzati da Zeman in questa stagione. Perché altri allenatori a differenza del boemo fanno così fatica a puntare sui giovani?
In Italia deve cambiare la mentalità. Bisognerebbe fare come Zeman che non guarda in faccia a nessuno e fa giocare i giocatori che meritano indipendentemente dall'età. Non capisco come il calcio italiano possa perdere giovani campioni come Balotelli.

Sulla base della prima parte dell'inchiesta della procura di Cremona sul calcioscommesse sono state deferite Atalanta, Siena e Novara e non è finita. Anche le procure di Bari e Napoli sono al lavoro. C'è il rischio che la classifica finale di serie A sia riscritta dalle varie sentenze, cosa ne pensa della norma che prevede la responsabilità oggettiva delle società?
Io tendo sempre a fare un distinguo fra la giustizia ordinaria e quella sportiva. Nel calcio esistono tanti problemi normativi che andrebbero risolti. Chi sbaglia è giusto che paghi e anche salatamente, ma la norma sulla responsabilità oggettiva delle società è obsoleta e andrebbe rivista. Speriamo che in futuro cambi qualcosa.
 
Gargano per squalifica e Chiellini per infortunio salteranno la finale dell'Olimpico. Qual è la squadra più penalizzata da queste assenze?
Sicuramente la Juventus pagherà di più l'assenza del suo difensore perché l'infortunio di Chiellini costringerà Conte a cambiare l'assetto difensivo bianconero. Gargano per la squadra di Mazzarri è un calciatore importante, ma con Dzemaili il tecnico toscano non sarà costretto a cambi di modulo.
 
Pandev o Lavezzi, su chi punterà Mazzarri per battere la Juventus?
Giocherà chi è più in forma e in quest'ottica – ha concluso Grimaldi a NapoliSoccer.NET – penso che il macedone sia favorito.
 
Antonio Catapano – Redazione Napolisoccer.NET



LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here