Ferlaino venticinque anni dopo. Quel Napoli vincente costruito col tempo

0
21

Spero che il Napoli vinca tanti altri scudetti, belli come quello che vincemmo noi nell’87. Quel Napoli che vinse il campionato fu costruito anno dopo anno, mettendo insieme i pezzi che occorrevano. Non dimentichiamo anche il lavoro che fece anche Pierpaolo Marino, Romano per esempio fu acquistato perché mancava qualcosa a centrocampo e quel calciatore preso da Marino, copriva la zona alle spalle di Maradona. Le squadre si costruiscono man mano, col tempo.
In genere, non restavo mai per tutti i 90’ minuti allo stadio ma in quella partita in cui vincemmo il tricolore mi spostai nella zona dei distinti in cui si vedevano i risultati sugli altri campi. A noi interessava la Juventus e l’Inter e quando notai che bastava un pareggio, aspettavo con ansia quel risultato. Dopo il triplice fischio andai negli spogliatoi e, oltre ad aver avuto lo Champagne in testa, ne bevvi anche un bel po’
." Esordisce così Corrado Ferlaino, il presidente del Napoli più vincente della storia, quello dei due scudetti e della Coppa Uefa, parla a lungo ai microfoni di Radio CRC, nel corso della trasmissione "Si gonfia la rete" di Raffaele Auriemma. L'intervista continua con le considerazioni economiche: "La nostra battaglia era quella di resistere al gap tra entrata ed uscita. Allora incassavamo 200 miliardi complessivamente, il Napoli di oggi invece incassa 300 miliardi con Sky e Mediaset. Con 300 miliardi avrei preso un Maradona all’anno, se fosse nato. Il presidente del Marsiglia ricordo che mi offri un sacco di soldi per avere Maradona, ma non ci pensai affatto, Diego serviva al Napoli. Maradona non è mai stato attaccato ai soldi. Poi, è un genio e come tale è sregolato. Ottavio Bianchi gestì bene Maradona anche se al terzo anno consecutivo della sua gestione tecnica, si istaurò una ribellione della squadra nei confronti del tecnico. Ogni calciatore firmò contro Bianchi e mi trovai a difendere l’allenatore. Dovetti poi, cambiare l’allenatore e vincemmo il secondo scudetto. Un calciatore che mi sarebbe piaciuto vedere nel Napoli di allora è Lavezzi perché è uno scugnizzo e avrebbe fatto una bella coppia con Maradona. Non si può però paragonare un calciatore che gioca nel calcio di oggi.".
L'intervista continua con un retroscena che la dice lunga sul rapporto che quel Napoli vincente aveva con il "Palazzo": "Ricordo un Inter-Napoli in cui nel primo tempo l’arbitro espulse Burgnich (allora all'Inter) ma nella ripresa entrò Mazzola nello spogliatoio dell’Inter dicendo al direttore di gara che non lo avrebbe fatto più arbitrare se la partita non fosse andata in un certo modo ed ecco che nella ripresa fu assegnato un calcio di rigore a favore dell’Inter. Ad oggi però queste cose non accadono più perché con le televisioni tutto ciò che accade sul campo si può rivedere.
Nessun dirigente del nord si complimentò con me per quello scudetto vinto dal Napoli, neanche il presidente federale

Quando per l’ennesima volta feci l’amore con una donna e mi trovai a pensare ancora agli arbitri immaginai che stessi diventando gay
."
L'intervista si chiude con un pronostico: "Credo che anche quest’anno, il Napoli  vada in Champions League. Domenica credo che ci sarà una grande festa al San Paolo perché gli azzurri arriveranno terzi.
Il 20 maggio? Credo che si debba pensare al match di domenica prima di tutto e poi si penserà alla finale di coppa Italia, contro la Juventus
”.

Redazione Napolisoccer.NET

LEAVE A REPLY