Lavezzi resterà a vita, ma con un contratto nuovo.

4
26

Lavezzi ha lasciato un angolo libero sulla spalla sinistra. «Qui tatuerò lo scudetto del Napoli» e sarà il sedicesimo marchio sulla sua pelle. Il Pocho lo ha confidato a Eduardo Luis Rossetto e Alejandro Mazzoni, i suoi procuratori che in questi giorni hanno avuto due incontri con il direttore generale della società Pierpaolo Marino. Per parlare delle telefonate dei rappresentanti di tre prestigiosi club europei e di quel contratto da un milione di euro a stagione, scadenza 2013. «Lavezzi ha due obiettivi: rimanere a Napoli e partecipare con l’Argentina ai Mondiali 2010. Se resta qui, dipende dal Napoli e non dal giocatore, che desidera fermarsi per tutta la vita. Il contratto? Lavezzi deve guadagnare per quello che vale, non per quello che valeva o per quello che varrà», spiegano Rossetto e Mazzoni. Real Madrid, Manchester City e Chelsea (osservatori dei due club inglesi sono stati al Meazza per Milan-Napoli) hanno contattato gli agenti argentini. «Quanto vuole il Napoli? E il Pocho?». Rossetto e Mazzoni hanno chiesto di rivolgersi a De Laurentiis e Marino. «Non possiamo parlare noi: un’eventuale proposta deve essere indirizzata alla società titolare del cartellino di Lavezzi. Lui sente di essere nella città e nella squadra migliori, più giuste. Gli piace molto il progetto del club: Ezequiel sta bene, come dimostra puntualmente sul campo. Lavezzi e il Napoli sono una cosa sola. D’altra parte, lui è come Maradona e Tevez: entra subito in sintonia con l’ambiente e i compagni, è un leader in campo e fuori». De Laurentiis e Marino sono stati chiari: niente trattative, campioni come Lavezzi e Hamsik non si cedono. Che ne dice il Pocho, a cui il Manchester City e il Chelsea sono pronti a offrire un maxi-contratto, da tre milioni di euro in su? La posizione è chiara: «Lavezzi pensa al futuro suo e della famiglia, però anzitutto pensa che deve restare a Napoli. E sa che qui non potrà guadagnare quanto gli viene offerto da club inglesi. Se un giocatore valeva sei milioni e ora ne vale trenta, bisogna tenerne conto. Siamo tutti d’accordo, anche il Napoli. De Laurentiis e Marino sono due dirigenti intelligenti: il presidente è un businessman, il direttore generale ha un’esperienza di trent’anni e nei colloqui è stato sempre molto razionale. Noi e Lavezzi rispettiamo il contratto e la parola, non ci saranno problemi. Abbiamo parlato con Marino perché c’è la nuova realtà dei club interessati al giocatore». E quella dichiarazione di De Laurentiis sui campioni che hanno contratti pluriennali e rischiano di restare fermi se non li rispettano? «Il presidente lo ha detto con il cuore e non con la testa», replica l’avvocato Rossetto. Non sarebbe stata quantificata una richiesta contrattuale nei due incontri con Marino. «Le valutazioni spettano al Napoli, che ha sempre riconosciuto i meriti di Lavezzi». Rossetto e Mazzoni torneranno a Napoli in dicembre: sarà l’occasione per definire l’aumento di stipendio per il Pocho e firmare un nuovo contratto? «Nessuno di noi mette fretta, ma tutti conosciamo i tempi del calcio: quanto prima si blinda Lavezzi, un giocatore di 23 anni che ha un grande avvenire, meglio è. L’importante è che lui continui a lavorare serenamente, come sta facendo da diciassette mesi». Venne scelto dal Napoli per i gol salvezza nell’estate 2007, dopo aver vinto il titolo con il San Lorenzo, ed è riuscito a spingerlo al secondo posto. Intanto, a Napoli è scoppiata la Pochomania: le maglie numero 7 sono le più vendute. «Sugli aspetti commerciali lavoriamo insieme con il Napoli, il contratto di immagine non è un problema. Lavezzi non percepisce percentuali sulle maglie vendute: tutto va al club ed è il modo più logico per ammortizzare il contratto».
Fonte: Il Mattino

4 Commenti

  1. i love pocho… e se di Napoli città anche io (Napoletana) mi rammarico di tante cose negative e x tanta gente negativa..ci sono tante cose positive e tanta gente positiva. Il Napoli squadra è una cosa bella, soprattutto negli ultimi tempi ci dà tanto e fieri di questo miglioriamo il negativo che c’è…lo chiedo x noi e anche perchè magari così Lavezzi (a prescindere dalla posta in gioco) non avrà nessun motivo per lasciare la nostra città!

  2. il pocho deve ancora dimostrare quanto vale! e quando lo farà allora si che marino come altri aumenterà lo stipendio virtiginosamente! ma non si può dare uno stipendio di oltre due milioni di euro per un singolo calciatore, altrimenti ciò lo si dovrebbe fare con hamsik, santacroce ecc. E’ così che i progetti sani e coretti vanno in rovina, a causa di gente avara e attaccata al denaro come gli agenti, che a mio parere nn dovrebbero proprio esistere! e poi voi mica credete a quello che dicono i soliti “sapientoni” cioè che dela nn può permettersi di comprare un gran calciatore ecc. ma andate a fanculo che dela se vuole(e questo lo disse il nostro mitico pierpaolo) può fare ciò che fanno berlusconi e galliani, in sponda napoli ovviamente! quindi se abbiamo un presidente del genere potranno anche tartassarci di offerte ecc. ma il nostro patron non ha bisogno di soldi! forza magico napoli.

LASCIA UN COMMENTO