Sfogo Zamparini: “Dopo calciopoli la situazione è peggiorata, tutto viene condizionato”

2
19

zamparini-maurizio-internet

Intervistato da Radio Radio il presidente del Palermo Maurizio Zamparini, è tornato a parlare degli errori arbitrali che hanno contraddistinto le due ultime stagioni della squadra rosanero. "Forse il problema sono io, perché do fastidio? Anche la squalifica che mi hanno comminato (1 anno per irregolarità nel tesseramento di Acquah e Pastore, ndr) è la conseguenza che do fastidio alle istituzioni. Perché non ci mandano arbitri giovani e smaliziati? Li preferirei al posto di fischietti come Gava o De Marco. Questo non è più calcio – ha proseguito il presidente del Palermo Maurizio Zamparini dalle parole evidenziate da Mediagol.it – tutto viene condizionato. Le istituzioni non funzionano, inutile prendersela con Moggi. Quando un presidente copre il cattivo operato di un arbitro dicendo: ha arbitrato bene. Cosa vuol dire? Mi danno del matto e non ne posso più. Se non fosse che amo così tanto la gente di Palermo, avrei già lasciato da un pezzo il mondo del calcio. Devo trovare qualcuno che mi sostituisca a Palermo, ripeto: io do fastidio, è con me che ce l’hanno”. 

 
"E’ da quando sono nel calcio che combatto questa crociata e ne ricavo squalifiche annuali. Questo sistema va bene ai grandi club, gli fa senz’altro comodo. Per diventare grande, al giorno d’oggi, è necessario ricevere qualche favore arbitrale. Era più rigore quello di Cannavaro su Ilicic rispetto a quello dato al Napoli. La partita di ieri è stata condizionata e con essa anche il campionato. Dopo calciopoli la situazione è peggiorata. Almeno, con calciopoli erano le istituzioni che controllavano il sistema arbitrale. Oggi ci troviamo di fronte ad un organo che sfugge a qualsiasi controllo. Nicchi non è sotto l’autorità di nessuno. L’intero sistema è sbagliato. Anziché revisionare le falle del sistema calcio, vengono da noi a darci un anno di squalifica".
 
Il presidente Maurizio Zamparini a Radio Radio è ritornato a parlare del presunto tifo per il Catania dell´ex fischietto Stefano Braschi durante il derby dello scorso 28 aprile. "Braschi nel nostro spogliatoio non è mai entrato, ve lo posso garantire. Quando ho sentito quello che era successo col Catania sono rimasto schifato. Se fossi stato io a fare una cosa del genere, Palazzi mi avrebbe sicuramente deferito. Sto combattendo per cambiare l’Italia, cambierò anche il calcio. Come diceva quel proverbio cinese: siediti e aspetta sulla riva del fiume… aspetterò chi vuol far male a questo calcio. Dopo i fatti di ieri siamo tutti sconcertati – ha proseguito Zamparini dalle parole evidenziate da Mediagol.it – Ciò nonostante tiferò ancora Napoli per la volata Champions, perché Aurelio De Laurentiis è un caro amico. Anche se, facendo così si fa male al calcio… ma penso siano indirizzi dettati dall’alto. Sono avvilito, il sistema peggiora notevolmente”.
 
Redazione NapoliSoccer.NET – Fonte: http://www.mediagol.it/

2 Commenti

  1. e meno male che fai il tifo per il NAPOLI…..e se ci odiavi cosa dicevi ???
    sei il portaborse di galliani agnelli e moratti e parli di complotti???
    suvvia come dice mughini—-

  2. Caro Zamparini, tu, come tutti i presidenti (nessuno escluso), siete nel sistema calcio non per beneficenza o passione, ma per guadagnare soldi(giustissimo per carità). Abbiate almeno la bontà di non parlare. Se sono anni che sei preso di mira, perchè non te ne vai?…………

LASCIA UN COMMENTO