Su Radio Crc Targato Italia “Sorrisi e Palloni” da voce ai tifosi

0
17

A Radio Crc nel secondo tempo della trasmissione “Sorrisi e Palloni” condotta da Bruno Gaipa sono intervenuti gli ascoltatori, nonché tifosi azzurri, per commentare la tragedia che ha investito e fermato tutto il calcio italiano: la morte del 26enne centrocampista del Livorno Piermario Morosini, durante il match di serie B Pescara-Livorno. Una morte accidentale, come tante, ma che ha toccato la coscienza di tanti italiani e non, atteso che segnali di cordoglio sono addirittura arrivati da Wembley e dal Bernabeu, mentre a Levante i tifosi del Barça hanno omaggiato Morosini con uno striscione. Episodi come questo dovrebbero servire almeno bagnare la coscienza di tutti, per futura memoria. Ecco quanto raccolto da NapoliSoccer.Net:

Enzo da Valencia (Spagna), che ascolta la trasmissione in streaming, conviene sulla sospenzione dei campionati per l'improvvisa tragedia che ha colpito tutto il mondo del calcio nel quale i giocatori sono sempre più sottoposto ad enormi stress fisici e psicologici. Giocare di meno riporterebbe i ritmi del mondo del pallone su livelli più umani, magari riducendo le partite di Champions League e del Campionato. Il business ha ormai sconvolto un pò i tempi di fruibilità del prodotto calcio tanto da farci diventare per certi versi nostalgici verso l'unica partita settimanale che si è disputata fino agli anni '80. 

Stelvio, invece, facendo una riflessione sul calcio giocato, sostiene che qualcosa non funziona più nello spogliatoio azzurro fin dalla partita contro la Juventus. Tra l'altro il Napoli aveva già accusato partocolarmente la sconfitta subita a Londra, allo Stanford Bridge, contro il Chelsea in Champions e la conferma del contraccolpo psicologico è arrivata proprio con la Juve laddove gli azzurri persero un match praticamente senza giocarlo.

Massimo, tornando sull'argomento Morosini, sottolinea come adesso dai giornali alle tv c'è la tendenza a fare inutili supposizioni dalle quali trascendono giudizi spesso irresponsabili sulla vicenda, che non aiutano la ricerca della verità affidata attualmente agli esiti dell'autopsia. Sul Napoli, invece, io continuo a sperare nella Champions fin quando la matematica lo permette, essendo in questo caso principalmente un tifoso voglio guardare il tutto da un'angolazione diversa.

Livio incita i tifosi a star ancor più vicini alla squadra perchè anche i calciatori del Napoli ci credono ancora e vogliono centrare l'obiettivo Champions. E riconoscendo che si gioca troppo, ricorda che De Laurentiis su questo argomento è già stato più volte  foriero d'idee immaginando una coppa continentale armonizzata ai campionati nazionali, dove il nostro dovrebbe essere ridotto a sedici squadre proprio per ridurre gli impegni ed il conseguente stress.

Antonello Greco – Redazione NapoliSoccer.Net

SHARE
Previous articleSquadra affondata, mentre la città… – Da domani in edicola su Napolissimo
Next articleSerie A: si recupera il 25 aprile
Giornalista e Vice Direttore di Napolisoccer.NET . Tifoso del Napoli, coniugo l'amore e la passione per gli azzurri alla deontologia propria del lavoro di giornalista. Il piacere di raccontare le vicende azzurre, con i suoi risvolti sociologici, con criticità e romanticismo quando ci vuole. Pratico la libertà d'informazione senza condizionamenti.

LEAVE A REPLY