Reja: “Sono peccati di inesperienza”

2
30

Il tecnico del Napoli Edy Reja, che oggi tagliato il traguardo delle cento panchine in serie A, ha commentato l’amaro pareggio degli azzurri con il Cagliari. Ecco quanto raccolto da NapoliSoccer.NET: “C’è stata poca attenzione, perché oggi non ci sono giocatori che non hanno corso. Forse dal punto di vista tecnico abbiamo sbagliato ma non puoi fare tutte le partite al cento per cento. A mio parere la prestazione i ragazzi oggi l’hanno fatta, abbiamo avuto due palle gol con Maggio, poi sul 2-1 la sfortuna di Lavezzi che ha toccato questa palla di Russotto. Un po’ di malizia nei momenti finali della partita ci sarebbe voluta. Sono peccati di inesperienza. Bisogna cercare di crescere, meditando su queste situazioni che ci capitano. Però questa è una squadra che attualmente sta dando tutto, non si può dire che oggi qualcuno non abbia corso. Dietro hanno fatto bene, lo stesso Maggio e Mannini sulle fasce, Blasi ha corso, Gargano ha corso… i gol sono questione di disattenzione. I ragazzi l’attenzione ce la mettono, poi ci sono anche degli episodi che ti girano male. Le opportunità per chiudere la gara le abbiamo avute. Loro nel finale avevano lasciato perdere la fase difensiva e si sono buttati in avanti, solo una circostanza sfavorevole ci ha impedito di arrivare sul 3-1. Io ho fatto i cambi che ritenevo opportuno, ma non posso preventivare certe situazioni. Sui calci di punizione dobbiamo ancora migliorare perché abbiamo il potenziale per poterlo fare. Bisogna allenarsi al fine di poter mettere le palle nel punto giusto. Su questo ci stiamo allenando dall’inizio del campionato.
Una partita come quella di oggi può capitare anche se io pensavo di averla già vinta. Dobbiamo cercare di migliorare certe situazioni, come le punizioni ed i finali delle gare. In casa puoi anche capitare di pareggiare qualche gara ma questa è una squadra che deve andare avanti a testa alta perchè sta dando tante soddisfazioni. Anche io alla fine ero arrabbiatissimo e voluto distruggere tutto perché quello che abbiamo preso era un gol da evitare assolutamente. In definitiva anche oggi, nonostante qualcosa l’abbiamo sbagliata, la prestazione i ragazzi l’hanno fatta contro un Cagliari che viene da un buon periodo di forma. Non posso dire niente ai ragazzi se non di far passare quanto prima questo momento. Secondo me dopo essere andati in vantaggio abbiamo rallentato, cercando di mantenere le posizioni. I ragazzi nell’intervallo si erano anche lamentati del terreno, avevano difficoltà nel controllare la palla. Comunque non si può dire niente a questa squadra che ha dato l’anima. Ieri ho visto Inter-Juve, i nerazzurri sono una squadra stellare che sta arrivando al top della forma. Questa è la squadra che vincerà il campionato, non ci sono dubbi. Ha mezzi fisici e tecnici straordinari”.
Redazione NapoliSoccer.NET
 

2 Commenti

  1. Caro Reja tu più di così non puoi fare e ti ringrazio a nome di tutti i tifosi del Napoli con un minimo di cervello in zucca. Anche la squadra non può correre più di così è senz’altro vero ci mette un pò i brividi quando gioca così prendenendosi delle pause ma è fisiologioco.
    Io vorrei porre l’attenzione su alcune problematiche e “perdonare” alcuni giocatori.
    1) Siamo troppo disattenti in difesa in alcune circostanze a volte ho l’impressione che i ragazzi credano fermamente nella vittoria che lasciano che il caso ci dia una mano..o il povero Iezzo (che sta facendo delle prestazioni incredibili, grazie Gennaro!)
    2) Russotto: questo ragazzo ha veramente delle qualità insospettate ma deve limare certi atteggiamenti in campo, ha 20 anni lo so, ma che si calmi altrimenti la prossima volta rimaniamo in 10, quindi al danno la beffa. Complimenti a Marino ha scovato un altro grande talento.
    3) Denis: urge una iniezione di maggiore fiducia nei suoi confronti, la squadra e la società lo devono aiutare, è la sua prima stagione e sono sicuro che maturerà in fretta, ma noi abbiamo bisogno di una punta di maggiore peso in questo momento, mi auguro che nel mercato di gennaio arrivi qualche altro elemento in attacco, ma già “rodato” ai palcoscenici della serie A. Lo so non si comprano vecchi, e allora prendiamone uno di 26-28 anni!
    4) La panchina: ragazzi mettiamoci in testa che i giocatori che abbiamo non bastano o alcuni elementi vanno sostituiti. Non è possibile che se manca una punta non sappiamo più chi far giocare! Reja i miracoli non li fa (qualche volta li ha anche fatti ora che ci ripenso), diamogli altri 3 giocatori di peso per cortesia;
    5) Pazienza: bisognerebbe dargli più spazio, noto che quando entra è sempre pronto, ogni tanto si potrebbe limitare l’impeto di Blasi facendo giocare lui oltretutto fa passaggi da geometra.
    6) Difensore: ci farebbe veramente comodo un Cannavaro o uno con una notevole esperienza ma anche non necessariamente un giocatore, qualcuno che i ragazzi giovani possano considerare un esempio da seguire (Ferrara?). Hanno bisogno di farsi spiegare certi meccanismi difensivi non ancora correttamente appresi;

  2. Secondo me i ns. giocatori devono mettersi in testa una volta per tutte che bisogna andare a letto presto la sera,invece di girare x locali notturni a Napoli.Sappiamo tutti che spesso vediamo in giro i vari Lavezzi,Gargano & Co.Se vuoi fare il calciatore,sai che alle 22,00 devi andare a letto,anche se hai 20 anni.Di giocatori,anzi,extraterrestri che potevano permettersi certe cose,ma poi andare in campo e fare la differenza,c’era e restera’ uno solo e sappiamo il suo nome.
    Tra l’altro la citta’ non aiuta.Troppo calore e li facciamo sentire troppo importanti.Un po’ piu’ di indifferenza farebbe bene a loro e a noi sugli spalti o a casa.

LASCIA UN COMMENTO