Il giudice sportivo ha chiuso un occhio su Atalanta, Roma e Lazio?

7
72

"Il pallone in confusione" ha pescato in fallo ancora una volta Gianpaolo Tosel che non ha sanzionato in modo più severo Atalanta, Roma e Lazio, le cui tifoserie si sono rese responsabili di analoghe violazioni già sanzionate in precedenza.
Proponiamo di seguito un interessante articolo di Marco Liguori pubblicato su "Il pallone in confusione", il portale dedicato a chi vuol capire gli aspetti sconosciuti, ma più devastanti del mondo del calcio nostrano.
Permettete una parola? La recidiva, pur essendo contemplata nel codice di giustizia sportivo, non è spesso applicata dal giudice sportivo Gianpaolo Tosel. La riflessione, la seconda in 15 giorni, è d’obbligo, visto che già una settimana fa abbiamo trattato della "dimenticanza" riguardo al Milan. Stavolta riguarda due casi: l’Atalanta e il duo Roma-Lazio. Premessa fondamentale: occorre innanzitutto capire il senso della parola "recidiva". Secondo il vocabolario Zingarelli significa: «Nuovo reato di chi ha subito precedente condanna o per colpa analoga (recidiva specifica) o per una d’altro genere (recidiva generica)».
E veniamo al primo caso, l’Atalanta: prima, durante e dopo la partita contro il Napoli di domenica scorsa è successo di tutto. Immaginiamo pure che i giornalisti napoletani, nonostante le chiare ed evidenti testimonianze esposte in modo particolare da quelli di Canale 9 di Radio Marte e de Il Mattino, si siano inventati le giaculatorie offensive del pubblico nerazzurro contro la squadra azzurra, la città e i suoi abitanti (incluso lo striscione di "benvenuto" a Reja e ai suoi uomini sabato scorso esposto durante l’allenamento a Osio Sotto), gli sputi e gli oggetti lanciati in sala stampa, i cori a fine partita contro di essi e i loro colleghi "nordisti" (cliccare qui per vedere il video). Rimuoviamo quindi tutto ciò e restiamo a quanto affermano i comunicati della Lega calcio sulle decisioni di Tosel. Riguardo alla società bergamasca, il numero 127 del 18 novembre recita testualmente: «Nel corso della gara Atalanta-Napoli sostenitori della Soc. Atalanta, nel proprio settore, accendevano un fumogeno e facevano esplodere un petardo». In merito, il giudice sportivo ha deciso «di non adottare provvedimenti sanzionatori». Inoltre, Tosel ha sanzionato con un ammenda di 1000 euro la «Soc. Atalanta per avere suoi sostenitori, al 30° del secondo tempo, intonato un coro ingiurioso nei confronti degli Ufficiali di gara». Facciamo scorrere all’indietro la moviola della giustizia sportiva e troviamo che la squadra nerazzurra è stata già sanzionata quattro volte per lancio di fumogeni e petardi, di cui uno il 27 ottobre contro i tifosi del Milan ospiti nello stadio "Atleti Azzurri d’Italia". Inoltre, nella stessa partita contro la squadra rossonera fu «al 28° del primo tempo intonato un coro ingiurioso nei confronti del Direttore di gara». Questi fatti costituiscono recidiva specifica prevista all’articolo 21 del codice di giustizia sportiva. Il quale recita: «Salvo che la materia non sia diversamente regolata, alle società, nonché ai dirigenti, ai tesserati delle società, ai soci e non soci di cui all’art. 1, comma 5 che abbiano subito una sanzione per fatti costituenti violazione dei regolamenti federali e che ricevano altra sanzione per fatti della stessa natura nella medesima stagione sportiva, è applicato un aumento della pena determinato secondo la gravità del fatto e la reiterazione delle infrazioni». Quindi, questa norma non prevede sconti e attenuanti: nel caso dell’Atalanta, la società avrebbe dovuto subire una sanzione più severa. Tosel, nel comunicato dell’8 settembre scorso, aveva stabilito la chiusura delle curve del San Paolo poiché «i tifosi napoletani, o sedicenti tali, procedevano ad un intenso lancio di oggetti vari (bottigliette, monete e così via), di bengala accesi e di petardi contro gli addetti alla sicurezza della società ospitante e nel settore occupato dalla tifoseria avversaria». Due pesi e due misure.
E veniamo alla coppia Roma-Lazio. In questo caso il giudice sportivo ha sanzionato la società giallorossa con 25mila euro e quella biancoceleste con 15mila per aver fatto esplodere una serie di petardi e acceso alcuni fumogeni. In più, si legge nel comunicato del 18 novembre scorso, i sostenitori di entrambe le società hanno «forzato il cordone degli stewards, ingaggiavano una violenta colluttazione, sedata dal pronto intervento delle Forze dell’Ordine, senza conseguenze lesive per alcuno». Anche in questo caso bisogna sottolineare che l’uso di bengala, fumogeni e petardi è stato ripetuto diverse volte da entrambe le tifoserie della Capitale: la Lazio è stata sanzionata tre volte, mentre la Roma due. Ma anche in questo caso l’articolo 21 sulla recidiva non è scattato, analogamente al caso del Milan. E come una settimana fa ripetiamo il nostro appello: qualcuno ci dia spiegazioni per favore, ne va del credito della giustizia sportiva.
Marco Liguori
Leggi gli altri articoli dello stesso autore su "
Il pallone in confusione"



7 Commenti

  1. Qui non si tratta di sudditanza ne tanto meno partigianeria, ma il problema e´che tosel e´*****!, **** viminale, che al Napoli ed ai suoi tifosi non perdona nulla, e gli imputa anche cose non realmente accadute. La cosa piu´triste e´la deriva che ha preso ormai questo paese, dove il razzismo e´ormai istituzionale e,che chi li ha portati al governo o non si rende conto del guaio che ha combinato, oppure e cosi´masochista che gode di questi trattamenti, gente aprite gli occhi adesso subiamo apertamente soprusi a livello calcistico,ma tra poco incominceremo ad accorgerci delle disparita`anche a livello sociale, e sara´troppo tardi, per risolvere la cosa democraticamente.Meditate e ravvedetevi. PS gia´so che saro´censurato
    *** (insulti e termini volgari non sono tollerati, ed alcuni commenti vengono così censurati in automatico dal sistema antispam) ***

  2. La verità è che sia a Bergamo che a Roma il morto non c’è stato, il nostro amato ministro Maroni non ha detto niente(forse era impegnato in qualche comizio leghista a raccontare p*****),figuratevi se Tosel si pigliava la briga di alzare polvere.Tutto tace,multa alla Roma,multa alla Lazio,e tutto va bene o quasi…….

  3. Mai scaricare colpe sugli arbitri e sul giudice sportivo o fare confronti discriminatori nei confronti della sana tifoseria napoletana. Il Napoli perde quando gioca male. Così come è accaduto a Milano ed a Bergamo che nei secondi tempi si è avuto netta l’impressione che in campo esistesse una sola squadra: gli avversari! Non ricordo che il Napoli sin dalla serie C abbia mai segnato su calcio piazzato, ne tanto meno Marino, fra i tanti acquisti, abbia cercato qualche calciatore con tali capacità. Il Catania, ricorrendo, talvolta, anche a sistemi al limite della sportività riesce a far segnare l’anziano Mascara!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here