Mondogol:Bene Barcellona e Lione,rallenta il Bayern

0
21

Allungano al vertice Barcellona e Lione mentre in Germania e Inghilterra i rallentamenti delle piu’ immediate inseguitrici consentono alle due battistrada di consolidare il loro primato. Grazie a Lionel Messi e Seydou Keita il Barcellona vola e contro il Recreativo Huelva incamera la nona vittoria consecutiva in Liga. Ora sono tre le lunghezze di vantaggio della squadra di Pep Guardiola sul Villarreal che nonostante un super Giuseppe Rossi deve accontentarsi del pari a Malaga. All’Estadio La Rosaleda sblocca il risultato l’attaccante italiano prima del raddoppio di Joseba Llorente. Ma prima Sergio Duda quindi Helder Rosario a tempo scaduto ristabiliscono la parita’. Dietro due lunghezze, il terzetto composto dal Valencia, sorpreso al Mestalla dallo Sporting Gijon (nonostante la 100/a rete per i Los Che di David Villa), il Siviglia, d’autorita’ sul Getafe (Luis Fabiano e Tom De Mul) e il Real Madrid, ufficialmente in crisi. Sempre piu’ difficile la posizione di Bernd Schuster dopo la sconfitta contro il Real Valladolid (rete di Fabian Cannobio). In Francia, salgono a sette, dopo 14 giornate, i punti di vantaggio del Lione sul Marsiglia, secondo. Prezioso il successo della squadra di Claude Puel sul Bordeaux. Tutto nel primo tempo: Karim Benzema e Kim Kallstrom ipotecano il risultato. Troppo tardi la rete di Fernando Cavenaghi. Alle spalle della capolista cade in casa il Marsiglia, opposto al Lorient. Nonostante il doppio vantaggio dopo un’ora di gioco (Karim Ziani e Mamadou Niang) l’OM viene sorpreso dalle reti di Morgan Amalfitano, Fabrice Abriel e Kevin Gameiro. Sul terzo gradino, staccate una lunghezza, inseguono Rennes, Nizza e Toulouse, tutte vincenti nell’ultima giornata. Vincono e si involano le prime due della Bundesliga, Bayer Leverkusen e Hoffenheim. Importante la vittoria del Bayer contro una diretta avversaria, il Schalke: Stefan Kiessling sblocca il risultato, Patrick Helmes raddoppia. In inferiorita’ numerica (espulso Gonzalo Castro) la capolista subisce la rete di Kevin Kuranyi. Vince anche la matricola terribile, per due volte raggiunta dal Wolfsburg, prima della stoccata vincente di Chinedu Obasi. In gol anche Vedad Ibisevic, sempre piu’ capocannoniere in Germania con 14 reti. Solo un pari per il Bayern Monaco sul campo del Borussia Monchengladbach: apre le marcature Luca Toni, Franck Ribery illude i bavaresi. Ma con due gol in tre minuti (Rob Friend e Michael Bradley) il Borussia torna in partita. Chelsea e Liverpool in vetta a braccetto in Premiership. Al successo dei Reds di Rafa Benitez sul campo del Bolton (Dirk Kuyt e Steven Gerrard), replicano i Blues che ipotecano i tre punti con il West Bromwich gia’ nel primo tempo. A The Hawthorns sblocca il risultato Jose Bosingwa poco prima della mezz’ora. Prima dell’intervallo arriva la doppietta firmato da Nicolas Anelka (11 reti in campionato). Seconda sconfitta in casa, la quarta in totale, per l’Arsenal che si deve piegare all’Aston Villa (autogol di Gael Clichy e Gabriel Agbonlahor. Sale sul terzo gradino il Manchester United, trascinati da Cristiano Ronaldo che supera quota 100 gol con la maglia dello United. All’Old Trafford la resistenza dello Stoke dura tre minuti, il tempo per il portoghese di andare a segno su punizione. Sempre Ronaldo confeziona il raddoppio di Michael Carrick. Nella ripresa c’e’ gloria anche per Dimitar Berbatov, il debuttante Danny Welbeck e ancora il talento di Madeira. Il regalo migliore per Sir Alex Ferguson che festeggia i primi 50 anni nel calcio: lo scozzese ha debuttato a 16 anni nella sconfitta del Queens Park a Stranraer.

 

fonte:ansa

LASCIA UN COMMENTO