Taglialatela: “A Torino c’è bisogno di una grandissima prestazione”

0
25

taglialatela-pino_0

Nel corso di  91° MINUTO in onda su RADIO CLUB 91 è intervenuto l'ex portiere del Napoli Pino Taglialatela che ha rilasciato alcune dichiarazioni: “Domenica il Napoli troverà un ambiente abbastanza caldo. A Torino stanno caricando la partita, ci tengono a vincere per restare in corsa per lo scudetto. Ci auguriamo che accada il contrario così da cullare il sogno 3° posto. La Champions doveva essere un’esperienza, la società ha creduto d’approdare ai quarti e l’eliminazione ha bruciato. La squadra penso non si sia ancora ripresa e lo dimostra il match di Catania Se fossero state disperse meno energie in Champions, gli azzurri potevano lottare per lo scudetto, ne sono veramente convinto”.

 
Da Torino tanti complimenti agli avversari. “I bianconeri temono il Napoli, forse più del Milan – ribadisce – Gli azzurri hanno un modo di giocare e dei campioni che possono metterli in difficoltà. La loro paura deve far piacere all’ambiente azzurro, ma bisogna comunque sfoderare una grandissima prestazione”.
 
La difesa azzurra non rende come gli altri reparti. Anche De Sanctis appare un poco stanco. “Quando hai Gargano e Pazienza che chiudono tutto ed i difensori sono al top anche il portiere ne trae giovamento. Quando la squadra commette errori in fase difensiva anche il portiere va in difficoltà. Tali errori sono frutto della stanchezza, ma non prediligo il turn over del portiere. La stanchezza mentale si recupera in pochi giorni. Qualche incertezza può capitare, ma nel caso di Morgan sono rare. Mi dispiace per Rosati che è molto valido, ma sta giocando poco. Personalmente lo avrei tesserato e, poi, girato in prestito in qualche altra formazione di massima serie. E’ un danno perché è maturo, pronto, per essere titolare ovunque. Ha un fisico da corazziere e per ritrovare la forma ha bisogno di tempo”.
 
Preferisci vincere domenica oppure nella finale di Coppa? “Sinceramente preferisco la Coppa. Alzare un trofeo è importantissimo, ancor più perché ti qualifichi per la Super Coppa Italia. Il successo sarebbe un punto di partenza importante per la crescita del progetto”.
 
Qual è il tuo Juventus – Napoli del cuore. “Ho esordito proprio contro la Juventus a Torino nel 1990/91. Avevo compagni del calibro di Ferrara, Crippa, De Napoli, Maradona. E’ un ricordo bellissimo, indelebile”.
 
Redazione NapoliSoccer.NET

LEAVE A REPLY