Un apatico Napoli sconfitto a Bergamo, Reja perde il confronto con Del Neri

4
17

Le pagelle di Napolisoccer.NET: Atalanta-Napoli.
Iezzo
: poche colpe e poche occasioni per mettersi in mostra. Di certo poteva fare qualcosa in più sul gol del raddoppio atalantino, certo c’è stata una deviazione ma il tiro era tutt’altro che imprendibile. 5,5
Santacroce
: buona gara anche se non mette in mostra le sue capacità di anticipo. 6
Cannavaro
: marca bene gli attaccanti avversari che poche volte riescono ad avere la meglio, nel finale cerca invano fortuna in attacco. 6
Contini
: gioca una gara decisa ed attenta, in occasione del primo gol atalantino è troppo precipitoso nella chiusura in scivolata lasciando campo libero al tiro di ferreira Pinto. 6
Maggio
: troppo rinunciatario lascia campo e spazio al suo avversario limitandosi a coprire gli spazi e neanche tanto bene. Non riesce mai ad imporre la superiorità numerica e spesso i compagni – evidentemente capendone la giornata negativa – spesso lo ignorano. Abituato a creare problemi agli avversari, oggi viene tenuto al palo dall’impostazione difensiva della squadra. 5
Blasi
: calmo, anche troppo, gioca una partita senza nerbo limitandosi all’azione di copertura. 5,5
Gargano
: corre in maniera infruttuosa, non è propositivo nè tantomeno appoggia i compagni nella manovra d’attacco. Evidentemente si attiene troppo alle disposizioni del tecnico schiacciandosi a ridosso della difesa pur di limitare l’azione di Doni. 5,5
Hamsik
: un paio di palle portate avanti e la rete su calcio di rigore sono gli unici squilli del centrocampista partenopeo. E’ in campo per onor di presenza, niente di che! 5
Vitale
: dopo un avvio promettente si perde nella zona difensiva lasciando ai suoi dirimpettai la padronanza della fascia e del gioco. Se il suo impiego, nell’idea di reja, doveva servire a dare apporto alla difesa… esperimento sbagliato: Ferreira Pinto, nella ripresa, lo salta e lo semina come un birillo. 5
Lavezzi
: giornata di ferie per il pocho, se non fosse per il rigore procurato – che ha ridato speranze al Napoli – nessuno si sarebbe accorto della sua presenza. Inconcludente ed irritante nel portar palla, è stato dominato in lungo e largo dagli avversari che addirittura lo hanno anticipato in più occasioni. Una giornata storta capita a tutti, speriamo che non ce ne siano altre! Desaparecido. 5
Denis
: con un Napoli intenzionato a giocare solo in difesa il suo apporto è nullo! Si infortuna ed esce anzitempo senza aver lasciato alcun segno. In bocca al lupo per la mano. 5

Sostituti 
Zalayeta: ha dato spirito alla manovra offensiva cercando in tutti i modi di risvegliare il pisolo… ehm il pocho, ma giocare da solo in attacco – vista la tattica rinunciataria voluta da Reja? – e senza gli scatti brucianti dell’argentino è inutile affannarsi. Con due falli inutili ed ingenui si becca l’espulsione lasciando la squadra in 10 ed in svantaggio. Qualcuno spieghi ai giocatori che una volta ammoniti devono fare ATTENZIONE!!! Un voto in meno per le ingenuità. 5
Pià
: non c’era nessun altro da schierare in attacco, il suo ingresso non crea alcuna difficoltà ai bergamaschi nè utilità agli azzurri. 5
Rinaudo: quando c’è lui la difesa azzurra sembra andare sempre in confusione, sarà un caso? Si posiziona al centro della difesa ma è come se non ci fosse! 5

Allenatore Reja: Ennesima sconfitta in quel di Bergamo, ancora perdente il suo confronto con Del Neri. Il tecnico partenopeo – ingessato nel suo modulo tattico – oggi non riesce a dare un senso compiuto alla squadra. Giocatori poco convinti, schierati per svolgere una mera partita di contenimento, perdono la tramontana quando l’Atalanta decide di pigiare sull’accelleratore. Sulle corsie laterali, ancora una volta, il Napoli perde il confronto con gli atalantini; giocatori come Maggio, riconosciuti da tutti come abili costruttori di gioco e fini realizzatori, non possono essere sacrificati a svolgere unicamente compiti difensivi. Spesso il prima non prenderle sarebbe da sostituire con la miglior difesa è l’attacco ma il tecnico goriziano ha le sue idee calcistiche e auspica ad inutili pareggi contro squadre di cui il Napoli potrebbe far un sol boccone. Inutile è deleterio, inoltre, è apparso l’ingresso di Rinaudo, l’Atalanta scossa per il gol subito ed innervosita da alcune decisioni arbitrali sembrava in balia dei contropiedi del Napoli e Hamsik è uno di quelli che è in grado di imbastire l’azione. L’ingresso del difensore, secondo Reja, doveva blindare la difesa ma il goriziano non ha tenuto in debito conto che l’uscita di Hamsik (che pure stava giocando maluccio) ha scatenato gli atalantini che, sulla fascia sinistra, hanno costruito la loro vittoria. Alla squadra (ed ai tifosi) diamo il bentornati sulla terra; le squadre che ambiscono ai primi posti, devono avere anche la giusta mentalità per perseguire questo tipo di obiettivo: il Napoli di oggi ha dimostrato l’esatto contrario. Forza, non vi vogliamo così! 5

Condividi
Articolo precedenteReja: “Oggi non è stato il solito Napoli”
Prossimo articoloMarino: “Napoli con il cuore ma l’Atalanta ha meritato di più”
Giornalista sportivo, appassionato di calcio e, da sempre, tifoso del Napoli. Dal 2004 partecipo al progetto Napolisoccer.NET condividendone obiettivi e speranze, con l'unica finalità di fornire ai lettori un'informazione corretta e neutrale, scevra da pregiudizi e fuori da ogni logica di interesse. Napoletano convinto, nutro amore e passione incondizionata per "Terra mia", "Napul'è" e per la maglia azzurra.

4 Commenti

  1. Credo che la partita sia stata condizionata in maniera decisiva dall’arbitro. A quel punto la gara non aveva più motivo di essere giocata… anzi dopo il rigore assegnato al Napoli,ho avuto la netta sensazione che non si aspettasse altro che il gol dell’Atatlanta… che poi è arrivato. A parte la prova deludente dell’intera squadra. Ci terrei a sottolineare le cose che sono state più evidenti in questa partita.
    1) La mancanza di esperienza di Vitale. In prospettiva è buono,ma per ora se si va a giocare fuori soffre troppo.
    2) La mancanza di una persona di carisma che nelle situazioni difficili sappia far ragionare la squadra. Perchè ad un certo punto sembravano tutti sbandati. Vitale che correva dietro al pallone con la testa bassa… sembrava la versione giovanile di Montervino;Gragano e Blasi che facevano lanci inutili,anche dopo l’uscita di Zalayeta; Hamsik che non ho capito se non ha voglia di giocare,sembra che stia facendo il piacere a qualcuno..
    3) Ed infine il fatto che Zalyeta al momento è IMPROPONIBILE,Vieri al confronto sembrava veloce… e Pià che è tutt’altro che un giocatore di Seria A.
    Ciao a tutti e Forza Napoli!

  2. Analisi perfetta, la partita l’ha persa il nostro allenatore. L’Atalanta non ha niente di chè, voglio solo aggiungere: non schierare Mannini è stato un grosso errore, anche al posto di Hamsik ad inizio ripresa, con la copertura un pò più attenta di Vitale avrebbe fatto la differenza contro Garics. Peccato, occasione persa, ma la mentalità di Reja è sempre stata quella.
    Vorrei vedere questa squadra con un altro allenatore !!!!
    Sempre forza azzurri

  3. Non si può regalare e relegare in panchina un Mannini così in forma. La domenica precedente aveva segnato e salvato un gol oltre ad essere uomo partita sky. Ci voleva qualcuno più esperto, non era proprio la partita per Vitale, visto che con la Reggina non è entrato nemmeno a partita chiusa. Comunque pure Vitale è fortissimo, ma per fare esperienza non ci voleva questa partita. Comunque non ci piangiamo addosso più di tanto, perchè il campionato è lungo e nelle ultime 5 partite di andata possiamo portare parecchia farina al nostro mulino. Questo è il momento di raccogliere e non di lagnarci. FORZA NAPOLI sempre e comunque.

LASCIA UN COMMENTO