Il Napoli vince e stacca il biglietto per la finale di Roma

11
30

pagelle_11-12

Le pagelle di Napolisoccer.NET: Napoli-Siena 2-0

 
De Sanctis: quasi mai impegnato, si limita all'ordinaria amministrazione. 6
 
Campagnaro
: si disimpegna con attenzione e continuità. Bravo nelle marcature quando c'è da soffrire non si tira indietro e stringe i denti difendendo il fortino soprattutto nel secondo tempo quando il Siena ha prodotto il massimo sforzo. 6
 
Cannavaro
: nel primo tempo dirige bene i compagni di difesa ed interviene con precisione sugli avversari e sui palloni vaganti nell'area azzurra. Nella ripresa il Siena costringe gli azzurri sulla difensiva e con l'arretramento generalizzato della squadra gli spazi si intasano e nelle mischie non riesce sempre ad agire in maniera pulita. Tutto sommato gioca una gara positiva riuscendo a limitare ai minimi termini gli attaccanti avversari. 6
 
Aronica
: dalle sue parti il Siena non trova spazi per sfondare, concede poco o nulla agli avversari e nel momento del bisogno chiude con precisione le diagonali difensiveaiutando i compagni a tirarsi fuori dai pasticci causati da un possesso palla non sempre preciso ed efficace. 6+
 
Maggio
: è in palla e si vede, peccato per l'ennesimo infortunio in pochi giorni che lo costringe ad uscire. 6
 
Gargano
: parte bene ma cede alla distanza palesando difficoltà fisiche. Sbaglia qualche appoggio ma chiude ovunque e su chiunque. Ammonito salterà la finale di Roma in quanto verrà squalificato. 6
 
Inler
: Propositivo e ben ispirato manovra a centrocampo con scrupolo e sagacia. Bene nei posizionamenti difensivi tenta anche il tiro da fuori nella fase offensiva ma non ha fortuna. 6,5

Zuniga: Chiamato ad operare prima sulla fascia sinistra dove lo si vede spesso proporsi anche in fase offensiva e poi, con l'uscita forzata di Maggio, su quella di destra, dove complice anche la stanchezza di tutta la squadra si limita più che altro a difendere. 6
 
Hamsik
: gioca una partita con il piglio del campione giostrando con personalità ed intelligenza tattica. E' bravo a gestire il possesso palla facendo ripartire con velocità la manovra. In occasione del gol del raddoppio, assieme a Cavani e Lavezzi esegue una ripartenza come da manuale del calcio servendo all'attaccante uruguaiano un cross al bacio. 7
 
Lavezzi
: non particolarmente ispirato ma sempre nel vivo della manovra d'attacco. Sistematicamente fermato con falli tattici soffre la rudezza degli avversari ma non fa mai mancare il suo apporto ai compagni anche in fase difensiva. E' protagonista in occasione del primo e del secondo gol. 7-
 
Cavani: grande goleador ed impagabile giocatore. Segna ancora lui terminando nel modo perfetto quella che è da considerare la più classica delle manovre di ripartenza. SI prodiga fino al termine della gara dimostrando tutta la sua volglia di guadagnare la finale. 7,5
 
SOSTITUZIONI
 
Dossena: entra per l'infortunio a Maggio ma anche stasera dimostra di non essere al top della forma. Cerca di proporsi ai compagni ma i suoi inserimenti sono incostanti e poco propositivi. 6-
 
Dzemaili
: sostituisce uno stanco Gargano apportando nuova linfa al centrocampo azzurro che stava subendo troppo le iniziative avversarie. In un paio di occasioni è bravo ad incunearsi nel vivo della difesa avversaria ma non ha la giusta lucidità per servire ai compagni l'assist vincente. 6
 
Pandev: pochi minuti di gioco ma ci mette anima, testa e volontà dimostrando di saper entrare nel vivo della partita anche partendo dalla panchina. Bravissimo nella gestione della palla, con classe ed esperienza aiuta i compagni e fa da collante tra i reparti favorendo le ripartenze di Hamsik e Cavani. 6,5
 
 
Allenatore Mazzarri: nel primo tempo i suoi ragazzi impongono ritmo e gioco al Siena che resta frastornato e porge sempre l'altra guancia. Nella ripresa, forse per stanchezza oppure per timore, i partenopei arretrano troppo fornendo il fianco al forcing degli avversari che fortunatamente non sono nè precisi nè ben ispirati negli ultimi 20 metri. Dop un ottimo primo tempo, quindi, la squadra paga dazio a livello di prestazione generale probabilmente perchè la scelta di gestire la palla e di congelare il gioco non è adatta per questa squadra: il Napoli non ha buoni palleggiatori (soprattutto in difesa) e quindi il possesso palla è deleterio perchè prima o poi il portatore di palla commette il malaugurato errore. Fortunatamente il Siena non è il Chelsea ed alla fine non ottiene altro che uno sterile possesso palla ed un forcing che tiene il Napoli in pressione per tutto il secondo tempo. Di certo Mazzarri dimostra di non aver tratto alcun insegnamento dalla gara/lezione di Londra! Un plauso a Sannino per come la sua squadra ha interpretato la ripresa scrollandosi di dosso tensioni e paure. 6

 

 

 

Giovanni D'Oriano – Napolisoccer.NET

Condividi
Articolo precedentePer Maggio sospetta distrazione, possibile stop di un mese
Prossimo articoloBianchi (ex allenatore): “Mazzarri raggiungerà i miei livelli!”
Giornalista sportivo, appassionato di calcio e, da sempre, tifoso del Napoli. Dal 2004 partecipo al progetto Napolisoccer.NET condividendone obiettivi e speranze, con l'unica finalità di fornire ai lettori un'informazione corretta e neutrale, scevra da pregiudizi e fuori da ogni logica di interesse. Napoletano convinto, nutro amore e passione incondizionata per "Terra mia", "Napul'è" e per la maglia azzurra.

11 Commenti

  1. ma come si fa a dare un giudizio sufficiente malgrado mazzarri dimostri di non aver tratto alcun insegnamento dalla gara/lezione di Londra! x me è da 4 ! e sia chiaro che non ce l’ho con la persona mazzarri ma con la sua boria incompetente !!!!

  2. Onestamente, con tutta la gratitudine che è doveroso provare nei confronti di Lavezzi, ieri ha giocato decisamente sotto la sufficienza. O cominciamo a considerare i tre giocatori là davanti al pari degli altri, o la disparità di trattamento finirà per nuocere allo spogliatoio, specie quando il livello della squadra si alzerà, spero, con l’arrivo di giocatori che saranno, chiaramente, desiderosi di ricevere lo stesso trattamento

  3. Siamo in finaledi coppa Italia e questo è un bel successo, ma quanta sofferenza nel secondo tempo, in qualche occasione abbiamo rischiato di prendere goal, cpsa che ci avrebbe complicato enormemente la vita. Siamo alle solite il Napoli è quasi irresistibile quando gioca all’attacco ma se deve gestire il risultato fa venire i brividi. Il perché è semplice: il basso tasso tecnico dei difensori e di un centrocampista tipo Derossi o Pirlo che sappiano porsi davanti alla difesa difendere il possesso palla e far ripartire la squadra.

  4. Il 20 Maggio la difesa sarà composta da:
    Campagnaro, Cannavaro, Aronica.
    Avete qualche dubbio?
    Dopo morti Mazzarri li farà imbalsamare per poterli schierare in Champions.
    Pretendere difensori decenti è troppo?

  5. Quests volta devo dare ragione a Mazzarri. Infatti i giocatori sono cotti e stracotti. Fatta eccezione per i primi 40 minuti, dove il Napoli ha giocato da Napoli, per il resto abbiamo dovuto assistere ad un assalto del Siena ( che fortunatamente non si è reso veramente pericoloso) La stanchezza dei nostri giocatori era evidente altrimenti non è possibile che un Siena qualunque ci chiude in area per tutto il secondo tempo.

  6. Contentissimo per la vittoria e la prestazione fatta nel primo tempo.
    Questo, però, dimostra che il napoli per attuare il gioco di mazzarri ha la necessità di avere tutti gli uomini in campo in perfetta forma fisica.
    Ecco perché dovevamo avere una rosa ampia e di qualità, in grado di giocare bene con la palla a terra nei momenti di difficoltà.
    In più, si aggiunge la scarsa capacità tecnica dei nostri difensori che, se fossero capaci, darebbero un ulteriore valore aggiunto a questa squadra nella manovra di impostazione.
    De Laurentis, mi raccomando per il prossimo anno.
    Forza Napoli e battiamo la rubentus.

  7. Il napoli ieri ha chiuso la partita in 30 minuti; dopodicè si è limitato a gestirla. Cosa si può pretendere di più da una squadra? Nel secondo tempo è affiorata la stanchezza e nonostante questo, complice un attacco evanescente, il siena non ha fatto un tiro in porta decente.
    Ora possiamo giocarci un trofeo dopo ben 15 anni… eppure c’è gente che continua a lamentarsi invece di gioire e ringraziare chi ha dato tanto per arrivare sino a questo punto. I tifosi sono fondamentali per una squadra, ma alla fine in campo ci vanno i giocatori e non ho mai visto i nostri, seppur con tutti i limiti del caso, tirarsi indietro la gamba. Tanto di cappello.
    Molti dicono che i ns difensori non sono all’altezza, allora essi dovrebbero ringraziarli 100 volte per aver portato la squadra all’altezza.

  8. erano stanchi e non si poteva chiedere di più!

    era importante passare il turno e l’hanno fatto!are alla grande ma vincere!

    Ora l’importante è che recuperino in vista di domenica, il catanioa è in palla da un pò di tempo e dà filo da torcere mentre noi siamo col fiato corto x cui non è importante giocare alla grande ma ….vincere!!

    forza ragazziiiiiiiiiiiiiiiiiiiiii

LASCIA UN COMMENTO