Posillipo all’esame Savona

0
27

Quinta giornata di campionato, seconda trasferta consecutiva, secondo esame di maturità. Sì, una bella sfida e una bella prova, ma senza ansia sia chiaro. E allora, il programma: Savona-Posillipo, ore 16, piscina scoperta di Luceto (arbitri Riccitelli e De Meo). E peggio non poteva capitare, considerando l’ondata di maltempo che ha investito la penisola: stando ai bollettini meteo, a questo punto elementi di fondamentale importanza se si gioca in un’arena a cielo aperto, dovrebbe essere il vento il nemico numero uno dei giocatori in vasca. La pioggia, invece, non dovrebbe complicare ulteriormente la sfida. Pioggia, incredibilmente copiosa quella che il 17 maggio 2005 bagnò Savona e Posillipo in occasione della quinta gara scudetto persa poi dai napoletani allora allenati da Pino Porzio nella piscina scoperta di corso Colombo: un acquazzone che obbligò anche alla sospensione temporanea. Brutti ricordi, insomma, evoca l’equazione maltempo-Savona: il tecnico Silipo (allora capitano), Scotti Galletta, Buonocore, Gallo e Zlokovic sono i reduci di quella assurda giornata. Zsolt Varga, invece, è l’ex di turno in calottina rossoverde, a fronte del ligure Onofrietti, 2 scudetti conquistati con il Posillipo nel 2000 e nel 2001. L’ungherese naturalizzato, ancora idolo del popolo di Savona dopo le quattro stagioni trascorse in riviera (2000-2004), è doppiamente legato alla città: sua moglie Tania, sorella della moglie dell’olimpionico Alessandro Bovo, compagno di Silipo nella dorata spedizione di Barcellona ’92, è infatti nata proprio a Savona. I sentimenti contano? «In vasca no». Ovvio caro Zsolt, suonatore di sassofono e uomo d’esperienza che del giovane gruppo di Mergellina è diventato subito chioccia: «Mi trovo bene in questo ruolo – dice il 36enne centro mancino nato a Budapest -. Stiamo crescendo gradualmente e credo che questa sfida sia un’ottima opportunità per confermare i progressi». Il Savona è a punteggio pieno, 12 punti in 4 partite, il Posillipo invece insegue a 9 dopo la sconfitta di Brescia: «Siamo due squadre simili, che si equivalgono: anche loro puntano sui giovani, ma probabilmente sono favoriti perché giocano in casa – continua Varga -. A Luceto è difficile vincere in condizioni normali, figuriamoci con il maltempo». Il test, comunque, sarà utile in vista dell’andata degli ottavi di Coppa Len in programma mercoledì alle 20.30 alla Scandone con il Rijeka: «Sì, e vi dirò di più: possiamo vincere». Se lo dice il saggio sassofonista bisogna crederci.

 

Il Mattino

Condividi
Articolo precedenteAtalanta e Parthenope si sfidano nel segno del mito
Prossimo articoloCalcio, Butcher: Maradona? Non lo perdono
Giornalista e Vice Direttore di Napolisoccer.NET . Tifoso del Napoli, coniugo l'amore e la passione per gli azzurri alla deontologia propria del lavoro di giornalista. Il piacere di raccontare le vicende azzurre, con i suoi risvolti sociologici, con criticità e romanticismo quando ci vuole. Pratico la libertà d'informazione senza condizionamenti.

LASCIA UN COMMENTO