Coppa Italia: Il Napoli sbriga senza affanni la formalità Salernitana.

3
69

Le pagelle di Napolisoccer.NET: Napoli-Salernitana, Coppa Italia Tim 2008/2009.
Navarro: per nulla impegnato non ha colpe sul gol dei granata. SV
Grava:
serata tranquilla per il rientrante difensore partenopeo. Si destreggia senza affanni. 6
Rinaudo:
garantisce tranquillità alla fase difensiva. Chiude i varchi senza grossi patemi dominando nel gioco aereo. 6,5
Aronica:
preciso nella marcatura, bravo negli sganciamenti, gioca una gara intelligente limitando ai minimi termini gli avversari. 6,5
Montervino:
nel primo tempo si dedica maggiormente alla fase difensiva, nella ripresa – spostato sulla fascia sinistra – si propone soprattutto nelle incursioni offensive riuscendo a creare non poche difficoltà al suo marcatore. 6
Pazienza:
mostra determinazione e condizione atletica nell’arco dell’intera partita. Preciso nella fase di copertura e propositivo nella costruzione del gioco, fornisce sempre una valida alternativa ai compagni muovendosi in maniera ottimale anche senza palla. 6,5
Gargano:
è lo stakanovista del centrocampo azzurro ma il suo rendimento è sempre elevato. Anche oggi suda le classiche sette camicie sobbarcandosi sia il lavoro in fase di contenimento che quello della costruzione della manovra. 6,5
Hamisk:
con pregevoli passaggi filtranti oggi si incorona uomo assist. Mette in mostra le sue doti di rigorista calciando il primo penalty a favore del Napoli in maniera egregia. Altruista in più occasioni fornisce palle gol ai compagni. 6,5
Mannini:
duetta con Hamsik sulla fascia prendendo di infilata la retroguardia avversaria. Fornisce a Pià un perfetto assist in occasione del secondo gol dopo aver triangolato in velocità con Hamsik. Bravo nella fase di copertura esuberante in quella offensiva prova anche ad andare in rete ma il bravo portiere avversario gli nega la soddisfazione. 6,5
Pià:
spesso avulso dalla manovra alterna lunghe pause a giocate in velocità che mettono in difficoltà la retroguardia granata. E’ bravo a siglare il secondo gol del Napoli facendosi trovare libero al centro dell’area piccola e meno fortunato nella ripresa quando il portiere salernitano compie l’ennessimo intervento prodigioso. 6
Zalayeta:
gioca a tutto campo facendo da raccordo tra i reparti. partecipa molto alla manovra ma è anche bravo nel posizionarsi all’interno dell’area. Colpisce una traversa dando prova di aver recuperato oltre alla condizione atletica anche quella possenza fisica che ultimamente sembrava aver smarrito. 6,5

Sostituti
Maggio: i suoi veloci inserimenti fanno saltare gli schemi della retroguardia salernitana. Procura un calcio di rigore ed un suo pregevole tiro viene deviato dall’ottimo Pinna. 6,5
Bogliacino:
un lieto ritorno dopo un lungo e fastidioso infortunio. L’uruguaiano dimostra di essere sulla strada del completo recupero e Mister Reja dimostra di credere in lui e nelle doti di centrocampista tuttofare schierandolo prima come interno di sinistra e poi come regista. 6
Russotto:
qualche piccolo spunto ma poco tempo per meritare un voto. SV

Reja: cambiano gli uomini in campo ma lo spirito di questo Napoli è sempre quello battagliero e voglioso a cui ci siamo abituati in questo scorcio di stagione. La squadra segue le disposizioni del tecnico ed alcune azioni in velocità sulle fasce, con conseguenti inserimenti dei centrocampisti, sono da manuale del calcio così come le contnue e ben orchestrate sovrapposizioni. E’ pur vero che la Salernitana, che lamentava anche alcune assenze, è una squadra ampiamente inferiore al Napoli ma di certo i partenopei hanno dimostrato di aver raggiunto un grado di maturità superiore allo scorso anno, dove palesavano grosse difficoltà nelle gare contro squadre di levatura minore.
Il Napoli questa sera ha reso facile quella che poteva essere una partita complicata ed il merito è di Reja e dello staff tecnico che hanno saputo mantenere alta l’attenzione. Segnali positivi in vista della prossima trasferta in terra bergamasca, dove lo scorso anno il Napoli subì una roboante cinquina. 7

Gianni Doriano

Condividi
Articolo precedenteReja: “Non ho seconde linee. Gara chiusa dopo 20 minuti”
Prossimo articoloMarino: Questo Napoli è una ‘Premiata Ditta’
Giornalista sportivo, appassionato di calcio e, da sempre, tifoso del Napoli. Dal 2004 partecipo al progetto Napolisoccer.NET condividendone obiettivi e speranze, con l'unica finalità di fornire ai lettori un'informazione corretta e neutrale, scevra da pregiudizi e fuori da ogni logica di interesse. Napoletano convinto, nutro amore e passione incondizionata per "Terra mia", "Napul'è" e per la maglia azzurra.


3 Commenti

  1. Avanti così!!!… Va bene, era solo la Salernitana però abbiamo dimostrato che stiamo bene… Bravi tutti.. Gargano ogni volta fa il pieno di benzina, è davvero forte, se migliora ancora nella fase di impostazione (a volte è ancora un pò troppo lento) diventa un fenomeno.. Molto utile anche Pazienza, valida alternativa a Blasi… E poi le accelerazioni di Maggio sono devastanti e Mannini dimostra di saperci stare molto bene su quella fascia… E abbiamo anche trovato il rigorista, bravo Marechiaro e non solo per il penalty!!!.. Bentornato a Tom Tom Bogliacino, sarà preziosissimo il suo apporto… Il direttore nell’intervista di fine primo tempo aveva ragione: difficile in questo momento comprare qualcuno per sottrarre il posto ai titolari.. A parere mio mancano due sole pedine: servono due rincalzi di Lavezzi e Gargano, ma ovviamente El Pocho e Uragano sono titolari inamovibili!!!.. Ora sotto con l’Atalanta, dobbiamo riscattare quel 5-1 ma soprattutto continuare a stare lassù!!!… Forza ragazzi!!!!!!!!!!!!!!..

  2. Speriamo nel pieno recupero di Boglia. Almeno avremo presto uno che sappia sfruttare al meglio i calci piazzati,visto che è l’unico che riesce a frenare Gargano dall’idea di batterli 🙂 . Non dico segnare direttamente,ma quantomeno riuscire a mettere qualche palla decente in mezzo. Si dice che l’80% dei gol realizzati nel calcio moderno vengano da palla inattiva… il Napoli in questo è una eccezione. Ieri la traversa di Zalayeta ne è stata la conferma. Continuo sempre a dire la stessa cosa… non è una critica nei confronti di Gargano, che nel suo ruolo è fondamentale per il Napoli,ma quando lo vedo andare sui calci da fermo è più forte di me,non si può vedere. Non dico assurdità se affermo che è un’ottimo centrocampista di contenimento è di ripartenza,è ripeto fondamentale nel gioco del Napoli,ma non idoneo a sfruttare al meglio i calci da fermo. Forza Napoli!

  3. Quella dei calci da piazzato e` valida ma si gioca in undici e per giocare Boglia non deve giocare uno fra Hamsick e Lavezzi a meno che non lo si usi sulla fascia al posto di Mannini Maggio o Vitale comunque sono sicuro che un goalprima o poi Gargano lo fa` su punizione nei calci d’angolo ne ha gia` fatti fare diversi vedi l’anno scorso a Roma Gol di Zalayeta e quest’anno a Bologna gol di denis. Vitale dicono che era in serie C incaricato delle punizioni e che io sappia le porte e le barriere sono uguali alla serie A anche se i portieri sono diversi ma questo e` un altro discorso.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here