Mazzarri: “Serata storta, gli episodi non ci sono stati favorevoli. E’ mancata l’esperienza”

6
14

mazzarri2-champions-2011-12

Il Napoli è uscito sconfitto dallo Stamford Bridge e deve abbandonare i sogni di gloria in Champions League. Queste l’analisi di Walter Mazzarri ai microfoni di Sky al termine dell’incontro: “Dall’inizio si è capito che è stata una partita difficile dal punto di vista degli episodi. Abbiamo creato più di loro, abbiamo sbagliato delle palle gol che di solito segniamo, abbiamo perso il miglior uomo fino a quel momento che si è fatto male e mentre lo cambiavo abbiamo preso gol proprio da quel settore, così la partita si è messa in salita. Sugli angoli sapevo che loro erano micidiali visto che come stazza fisica siamo inferiori. 

La squadra ha giocato bene, ha creato tanto, si vede che era una serata storta dal punto di vista degli episodi e non ci è girata come all’andata altrimenti un paio di gol in più li avremmo fatti. Poi si è fatta qualche ingenuità, il secondo gol potevamo far sfilare la palla che sarebbe andata a finire tra le braccia di Morgan e invece abbiamo concesso il calcio d’angolo.
Noi abbiamo cercato di fare il nostro gioco e ci eravamo anche galvanizzati, ma quando loro rientravano in possesso palla facevano il gioco di sponda sui bravi attaccanti che hanno e lì non potevamo fare molto di più se non stare più attenti sui calci d’angolo. Poi il terzo gol è arrivato su calcio di rigore e poteva essere evitato. Dossena dice che gli è stata data una manata in faccia prima del fallo di mano. Se non ci fosse stato il rigore il gol di sicuro non l’avremmo preso.
L’avevamo preparata uguale alla gara contro il City. Alcune volte hanno lanciato la palla da dietro con Drogba che è un fenomeno a fare da sponda con gli altri che gli giravano intorno. Credo che di azioni pulite ne abbiamo fatte di più noi ed il rammarico è per non aver fatto qualche gol in più e di non aver evitato qualche gol che potevamo evitare.
La coperta deve essere giusta, se poi gli attaccanti non lavorano la difesa va in difficoltà. Non ci dimentichiamo anche il livello delle squadre che affrontiamo e da dove veniamo. Edy e il Pocho lavorano sempre tanto e si esaltano quando partono da dietro, oggi sono stati un po’ meno lucidi e fortunati in fase di realizzazione e di rifinitura. Credo che proprio oggi abbiamo perso per inesperienza. Ci sono state tante occasioni dove di solito facciamo gol.
Anche i nostri campioni sono molto giovani e sono cresciuti negli ultimi tempi senza aver mai lottato per i vertici. Sono campioni che devono crescere e quando hai il dovere di passare il turno perché all’andata hai vinto 3-1 ci vuole anche un po’ di esperienza”. 
Redazione NapoliSoccer.NET

6 Commenti

  1. Solita giustificazione. Mai ammettesse una volta che ha impostato male la partita. Oramai non lo sopporto più, lui e la sua difesa a tre.
    Anziché alzare i ritmi di gioco, ci siamo adattati al loro ritmo blando e, di conseguenza, possedendo un minor tasso tecnico abbiamo perso. E’ tutta qua la sintesi della gara, bastava accellerare i primi minuti che avremmo subito segnato, tramortendoli definitivamente. Invece……il grande mazzarri dalla difesa a tre ha permesso loro di giocare costantemente nella nostra area. Un po come chi gioca con il fuoco, prima o poi si scotta.
    Spero che l’anno prossimo vada via.

  2. Non x mettere il dito sulla piaga ma concordo pienamente con FORZA NAPOLI e aggiungerei che se è mancata l’esperienza dei giocatori è mancato pure il supporto del mister : scarso nel leggere la partita, scarsissimo nell’effettuare i cambi necessari ! A me me piace marekiaro ma uno che si accende solo x cinque minuti a partita va preso e sostituito e gli si deve far presente che in campo non bisogna levare la gambina perche’ è sinonimo di fifa !!!!

  3. @forza napoli
    anche se la tua analisi non fa una piega non mi sento di dare tutte le colpe a mazzarri…infatti devo aggiungere che ieri sera abbiamo visto la vera differenza tra una grande squadra e una fatta di pochi buoni calciatori e molti mediocri…senza nulla togliere all’impegno mostrato c’è da dire che la differenza di qualità si è sentita …a parte che mazzarri doveva farli pressare alto per limitare il loro gioco,c’è da dire che noi diverse azioni le abbiamo sprecate,loro invece hanno sfruttatto quasi tutte quelle che hanno avuto..ecco!!…ora spero che questa lezione serva alla società per capire che ad alti livello occorrono calciatori di alto livello …concludo dicendo che nn tutti i mali vengono per nuocere , infatti passare il turno ed uscire schiantati ai quarti da un real madrid o da un barcellona sarebbe servito a poco…ora almeno ci si può concentrare sul campionato e sulla coppa italia, mica avevamo la presunzione di poterla vincere questa champions?..

  4. il napoli ha giocato, mazzarri e i ragazzi non hanno commesso errori grossi. purtroppo bisogna solo ammettere che abbiamo perso contro una squadra più forte di noi… lo sapevamo al momento del sorteggio e l’incoraggiante risultato dell’andata ci ha fatto ben sperare nell’impresa ma ieri il chelsea è stato superiore a noi su tutta la linea, non hanno sbagliato nulla, hanno messo in campo tanta esperienza e tanta fisicità… e noi credo sinceramente che non siamo pronti per uscire indenni da partite così… peccato, cresceremo ma cmq sempre orgogliosi. forza napoli!

  5. per niente d’accordo con Kelsiko Mazzarri e` stato l’handicapp di questa squadra voleva difendere il 3 a 1…ridicolo anche perche` se lo vuoi difendere allora togli dal campo chi non mette la gamba acentrocampo ossia Hamsik che anche se nel primo tempo e` stato io migliore dei 3 tenori nel secondo tempoe supplementari era un fanstasma in campo. Con dzemailli ci sarebbe stato piu` forza attletica sia a centrocampo che in attacco.
    Ma aldila di tutto Mazzarri gli errori li fa proprio con la formazione di partenza, in difesa bisognava schierare i centimetri Britos e/o Fernadez cosi invece ogni pallone in area era una paura.
    troppo provinciale e ridicolo ha aspettao 106 minuti per fare una sostituzione e voleva recuperare nell ultimo 1/4 d’ora.

LASCIA UN COMMENTO