Napoli, così per la Champions

1
16

Cinque settimane e mezzo per raggiungere l’obiettivo: il prossimo turno contro il Siena, poi la Roma in casa, un’altra sfida con una big che riempirà di nuovo lo stadio napoletano.
E ora, avanti un’altra big, vale a dire l’ultima, cioé la Roma, per­ché dal 18 ottobre in su, da quando è cominciata un’altra era, così poco gla­ciale e così assai rivoluzionaria, non ce n’è stato (quasi) per nessuna: 0-1 a Fi­renze, subito e per rompere il ghiac­cio; 2-2 con il Milan, venendo a capo d’una sfida ormai perduta; 2-3 a Tori­no, in casa di Madame per un secondo e fragoroso exploit esterno; 3-3 a Ca­gliari, attraverso la più rocambolesca delle partite stagionali; e poi, a segui­re, in ordine sparso: 1-0 alla Sampdo­ria, 0-0 con il Palermo e anche con il Genoa. La zona-Champions è lì ed il Napoli di ferro, quella squadra che Mazzarri ha disegnato a sua immagi­ne e somiglianza, l’inse­gue a fari spenti e con l’ennesima consapevolez­za d’una consistenza indi­scutibile: lo 0-0 anche con l’Inter, l’ennesima gran­de incapace di batterla, è la prova provata che c’è qualcosa di nuovo e che da qui a maggio, al di là delle frasi di circostanze, il traguardo sarà quel quarto posto che spalan­ca le porte sull’elite europea, quei pre­liminari da cogliere al volo e sull’onda emotiva d’uno stadio per amico.

MAI PERSO – Un solo passo falso, a Udi­ne, in diciassette giornate: il girone di Walter Mazzarri si consumerà tra Sie­na (domenica prossima) e Roma (il 28 febbraio), i primi pilastri della secon­da fase, quella che prevede l’allungo o la conferma d’una posizione di privi­legio, con vista Champions. Il calcio che conta, quel mini- esercito di pre­tendenti alla nobiltà assoluta, va dai 47 punti della Roma ai 31 della Fiorenti­na e nello score del Napoli alla livorne­se non ci sono macchie, né paure, men che meno sconfitte: in attesa di incro­ciare Claudio Ranieri, l’unico – con Malesani – che ancora manchi alla sua lista, Mazzarri rimette in ordine i ri­sultati e s’accorge che da Mourinho a Prandelli, ha messo assieme ben quin­dici punti, i figli di tre vittorie e sei pa­reggi, il frutto di due blitz imponenti (al Franchi e all’Olimpico torinese) e di una serie di recriminazioni.

SAN PAOLO – Il mese che verrà è una sfida con se stessi e con la concorren­za più agguerrita per guadagnarsi un futuro migliore e il piano-Champions si sviluppa in queste cinque settimane e mezzo in cui serviranno nervi diste­si e la serenità che a Mazzarri ha tra­smesso il pareggio con l’Inter: "Abbia­mo giocato da grande squadra". Si parte da Siena, ma poi il san Pao­lo sarà l’alleato di cui servirsi, il volano umano composto dai 56mila spettatori che hanno ab­battuto il record di pre­senze e di incasso del quinquennio di De Lau­rentiis e fornito una di­mostrazione di maturità: la Roma il 28 febbraio rappresenterà il primo test d’una trafila di esa­me per uomini veri, per­ché, a seguire, ci sarà la trasferta di Bologna e poi, sempre a Fuorigrotta la Fiorentina, l’antipasto del match di san Siro con il Milan e di quello in ca­sa con la Juventus.

Redazione NapoliSoccer.NET fonte: Corriere dello Sport
 

1 COMMENTO

  1. Siamo Grandi..diventermo grandissimi. SOlo noi e la Samp non giochiamo in coppa…quindi speriamo chen le italiane vadano avanti il più possibile..
    possiamo arrivare secondi oppure settimi..dipende solo da noi
    Forza Napoli Forever

LASCIA UN COMMENTO