Dossena: “un sogno giocare al San Paolo”

6
26

Liverpool è sommersa da una bufera di neve: «Credetemi, sono in mezzo a una tormenta: scusatemi ma non riesco proprio a parlare». Una trattativa lunga e tormentata, del resto, non poteva che essere baciata e benedetta da una tormenta di neve. Non fa una piega, signori.

Andrea Dossena, il nuovo acquisto del Napoli (non ancora ufficializzato per questioni burocratiche), è felice ma trafelato: insieme con la moglie Debora, senz’acca come la compagna di Lavezzi, organizza in fretta e furia il primo trasloco dall’Inghilterra, ma tra l’Italia e il mancino dei Reds c’è ancora il maltempo.

Un ostacolo più rognoso di qualsiasi avversario del campo. Il viaggio In Inghilterra funziona così: quando comincia a piovere e a nevicare, e la temperatura oscilla tra lo zero e il meno sei, come ieri a Liverpoool, è difficile che le attività proseguano con regolarità.

Parola a lady Dossena: «Ci stiamo organizzando per partire – spiega la signora Debora -: Andrea è uscito un attimo, e tra l’altro qui nevica molto. Il volo è stato cancellato e saremo costretti a cambiare itinerario e a prendere un treno». La lunga corsa verso Napoli è appena cominciata. Prima tappa? «Milano, sempre che riusciamo a raggiungerla in giornata».

Un auspicio sommerso dai cinquanta centimetri di neve che obbligano la chiusura degli aereoporti e delle ferrovie di Liverpool e Manchester, e il rinvio del viaggio a oggi (tempo permettendo). Per la rabbia di Andrea. «Non vedo l’ora di abbracciare Napoli e di provare l’emozione del San Paolo – dice l’esterno sinistro -. Manca l’ufficialità, e dunque non posso dilungarmi, ma sono in attesa: ringrazio il Napoli e sono felice di ritrovare amici come De Sanctis, Quagliarella e Maggio».

I quattro moschettieri del Mondiale: l’obiettivo è rientrare stabilmente nella lista dei convocati di Lippi, dopo un inizio di stagione con i Reds limitato a 2 presenze in Premier e 2 in Champions, e in questo senso Napoli dovrà essere il suo trampolino. La telefonata Ieri, nel frattempo, si è dovuto accontentare di una giornata casalinga (nell’ex appartamento di Kuyt, per la precisione): niente allenamento e niente Milano, dove in un primo momento il Napoli aveva pensato di fargli fare le visite mediche.

Poco male: a fargli compagnia i suoi cani, due labrador che lo seguiranno anche in riva al Golfo, e le telefonate del padre e dei tre fratelli. Famiglia numerosa, quella dei Dossena, titolari di un’azienda agricola nel Lodigiano e uniti come un clan scozzese. Provera a partire oggi, con itinerario da definire. A proposito: ieri mattina è arrivata anche la telefonata di Mazzarri, mentre De Laurentiis gli ha recapitato i complimenti tramite Bigon.

Complimenti meritati anche perché Dossena, pur di arrivare a Napoli, si è decurtato l’ingaggio di circa 600.000 euro (premi compresi): in azzurro, dove potrebbe scegliere il numero 3, percepirà più o meno un milione e duecentomila euro fino al 2014.

Fonte: IlMattino.it

 

Condividi
Articolo precedenteVittoria per l’Europa
Prossimo articoloLodeiro: “Voglio finire l’anno nel Nacional”
Giornalista sportivo, appassionato di calcio e, da sempre, tifoso del Napoli. Dal 2004 partecipo al progetto Napolisoccer.NET condividendone obiettivi e speranze, con l'unica finalità di fornire ai lettori un'informazione corretta e neutrale, scevra da pregiudizi e fuori da ogni logica di interesse. Napoletano convinto, nutro amore e passione incondizionata per "Terra mia", "Napul'è" e per la maglia azzurra.

6 Commenti

  1. si ora e un sogno giocare al san paolo!!!!……..prima non voleva venire x l ingaggio poi x un altra cosa e ora e un sogno??????a chi vuoi porendere in giro!!!!!!!……..la verita che nel liverpol non giocavi mai!!!!!! ma va va!!io ti farei rimanere li dove sei………………………….in panchina!!!

  2. raggi spero ce scherzate dossena e un grande giocatore che mancava al napoli altro che aronica poi nn era lui per l’ingaggio se ricordi bene era muntari a lui nn anno fatto piu niente perche lo volevano dare in prestito e il napoli lo voleva comprare guardate il calcio e imparate il napoli sara veramente grande con lui poi se arriva ledesma e un grande napoli

  3. Come dissi che Modesto era un depistaggio per non far salire la tensione attorno a Dossena, cosi’ dico che ci dovrebbe essere un interessamento per d’agostino, nel caso che cigarini voglia trovare piu’ spazio in un’altra squadra. Riguardo all’attaccamento dei giocatori alla maglia ed ai colori, ormai l’ho detto molte volte…smettetela di comportarvi come delle fidanzatine offese, questo e’ il mondo del calcio ed il calcio e’ fatto di interessi economici e di certo non per colpa dei giocatori….Dossena e’ molto forte accogliamolo come uno che puo’ far crescere la squadra…che e’ gia’ forte.

  4. Il calcio é fatto di interessi economici, ma questo si é decurtato lo stipendio di 600.000 euro, perció prima di criticare un calciatore che adesso é nostro andateci piano.

LASCIA UN COMMENTO