Lavezzi-Denis vs Cassano-Bellucci, lustriamoci gli occhi

1
96

I prossimi avversari: la Sampdoria di mister Mazzarri.
Nell’undicesima giornata di campionato la Sampdoria di mister Mazzarri se la vedrà contro il Napoli. I blucerchiati si apprestano a vivere questa partita consci di aver superato il momento difficile che ha caratterizzato il loro inizio di campionato.
I doriani, infatti, anche per colpa dei vari infortuni occorsi a giocatori di primo piano, hanno finora racimolato dieci punti, frutto di un gioco non entusiasmante e completamente opposto a quello che gli uomini di mister Mazzarri hanno saputo mettere in mostra lo scorso campionato. Però le vittorie contro il Bologna ed il Torino ed il rientro del cannoniere Bellucci hanno ridato morale e vigore ai blucerchiati, che scendono a Napoli per far risultato potendo contare su un Cassano in grande spolvero.
Il tecnico blucerchiato, come sua abitudine, schiererà i suoi secondo il modulo 3-5-2 (speculare a quello degli azzurri) ma dovrà fare a meno di Palombo (fulcro del gioco della squadra ligure), Lucchini (risentimento muscolare) e Bottinelli (problemi familiari). Proprio l’assenza degli ultimi due comporta per il tecnico un grosso problema per la difesa da tamponare con l’affrettato (ed eventuale) recupero di Campagnaro.
In porta, dovrebbe essere titolare Castellazzi. La linea a tre della difesa dovrebbe essere composta da Gastaldello ed Accardi ed uno da recuperare tra Campagnaro e Lucchini, fermo restando che saranno impiegati dal tecnico solo se in grado di garantire un buon stato fisico.
La linea dei centrocampisti sarà, invece, composta da Padalino (esterno destro molto offensivo) e Pieri (in ballottaggio con Ziegler) sulle due corsie laterali, con al centro Del Vecchio (bravo negli inserimenti e nelle proposizioni offensive, buon goleador), Franceschini (centrocampista di ottime prospettive) e Dessena (anche se la speranza di recuperare Sammarco è grande per il tecnico blucerchiato).
In attacco nessun problema per Mazzarri, Cassano e Bellucci sono certi di una maglia di titolare e saranno coloro su cui punterà la squadra per sbancare il San Paolo. Non è un mistero, infatti, che il fulcro dell gioco della Sampdoria è il talento di Bari vecchia mentre il romano (ed ex azzurro) Bellucci è il finalizzatore per eccellenza.
Non a caso, i due formano una delle coppie d’attacco meglio assortite del campionato ed in quello passato hanno dato ampia prova della loro imprevedibilità e bravura. La peculiarità dei due è il continuo movimento, fatto di ripiegamenti verso il centrocampo e spostamenti sulle corsie laterali, che crea imbarazzo ai difensori avversari che, per seguirli sguarniscono la loro zona di competenza favorendo gli inserimenti dei centrocampisti (uno su tutti Del Vecchio). A questo, vanno aggiunte sia le capacità tecniche che l’estro, qualità di cui non difettano di sicuro.
Al San Paolo quindi sarà di scena una Sampdoria vogliosa di dare continuità ed un senso al proprio campionato, partito con ben altri obiettivi. Di fronte avrà un Napoli assetato di punti de con dentro l’amarezza dell’immeritata sconfitta contro il Milan. Lo spettacolo non dovrebbe mancare visti i protagonisti, da un lato e dall’altro, che di certo allieteranno gli amanti del calcio.

Gianni Doriano

 

Condividi
Articolo precedenteIezzo: “Spero di essere in campo quando si vincerà”
Prossimo articoloSampdoria: Lucchini non recupera, ok per Sammarco e Pieri
Giornalista sportivo, appassionato di calcio e, da sempre, tifoso del Napoli. Dal 2004 partecipo al progetto Napolisoccer.NET condividendone obiettivi e speranze, con l'unica finalità di fornire ai lettori un'informazione corretta e neutrale, scevra da pregiudizi e fuori da ogni logica di interesse. Napoletano convinto, nutro amore e passione incondizionata per "Terra mia", "Napul'è" e per la maglia azzurra.


1 COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here