E. Mantovani: “La sfida con il Napoli evoca tanti ricordi”

0
95

"Cassano e Lavezzi sono due fuoriclasse entusiasmanti. Un altro scudetto a Napoli o alla Samp oggi è possibile solo con grandi investimenti. Tra Marino e Marotta preferisco il secondo, ma lo dico da tifoso"
Enrico Mantovani
, figlio dell’indimenticato Paolo Mantovani, proprietario storico della Sampdoria dello scudetto, è intervenuto in diretta a "Marte Sport Live" su Radio Marte, emittente ufficiale della SSC Napoli: "Quando penso a questa sfida a me viene in mente solo che ci sono tre punti in palio, sono molto concreto. I miei ricordi più belli, invece, non coincidono con i ricordi positivi del Napoli. Penso infatti ai due gol bellissimi di Mancini e Vialli che diedero lo scudetto alla Samp. Quanto è possibile che un club diverso da Milan, Inter e Juventus vinca lo scudetto oggi? Ai tempi, quando la Samdporia vinse tanto, si impose una squadra che non aveva grande blasone ma fece grossi investimenti. Vincere senza blasone è possibile, vincere senza capitali è invece praticamente impossibile. Si può – ha aggiunto all’emittente campana – in una stagione fare un miracolo, ma non si può pianificare un ciclo di vittorie senza soldi. Cassano-Lavezzi come Mancini-Maradona? A me piacciono sempre i grandi giocatori, ma paragonare un qualsiasi giocatore a Maradona è irriverente. Mancini è stato un eccezionale fuoriclasse, gli altri due devono consacrarsi ancora. Per quel poco che ho visto Lavezzi è davvero entusiasmante, noi abbiamo – ha detto Mantovani a Marte Sport Live – Cassano che è eccezionale da vedere, lascia a bocca aperta. Rispetto alla nostra epoca i presidenti sono molto cambiati, ma è normale rendersi conto, non si poteva pensare di avere lo stesso tipo di presidente, la struttura è molto cambiata. Per esempio il Napoli di Ferlaino e la Samp di Mantovani avevano una squadra con molti meno giocatori e quasi tutti senza procuratore, quindi più facili da gestire. Se è vero che mio padre cedette Vialli al Napoli? So che parlarono di questo, ma non posso confermare che arrivarono alla definizione dell’affare. De Laurentiis? Non si può che dire – ha sottolineato l’ex patron blucerchiato a Radio Marte – cose positive su di lui, chiunque prende una squadra dove l’ha presa lui e si trova a combattere per le posizioni alte della classifica in A in così poco tempo non può che essere elogiato; gli faccio i miei più sentiti complimenti. Chi è più bravo tra Marotta e Marino? Sono due ottimi dirigenti, ma io non posso che dire che è più bravo Marotta perchè è della Sampdoria".
Redazione NapoliSoccer.NET



LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here