Gamer Over – Iacobelli: “Lavezzi è un campione, solisti così ce ne sono pochi”

3
53

gameover

Appuntamento con "GAME OVER", la rubrica settimanale di approfondimento e di analisi curata da mister Agostino Iacobelli per Napolisoccer.NET.
 
Finalmente una vittoria da provinciale. Il Napoli di ieri ha saputo soffrire e vincere una partita pur giocando male. E se anche uno come Mazzarri, spesso restio a riconoscere i meriti altrui, ammette di non aver meritato la vittoria, bisogna proprio dirlo, è il Parma ad uscire defraudato dal match.
Ma come spesso è accaduto durante l'anno a sfavore del Napoli così ieri tutto è girato a favore degli azzurri. a conferma di quanto ripeto dall'inizio della stagione: gli arbitri sbagliano da una parte e dall'altra; stavolta ci è andata bene.
A livello di singoli è inutile stare a ribadirlo: Lavezzi è un campione. Un solista così, in Italia, ce l'hanno in pochi, forse solo Ibrahimovic è più decisivo. E la partita di ieri ce lo ha dimostrato. Lavezzi porta sempre la superiorità, è in grado di saltare l'uomo con una facilità disarmante. Peccato per la rete sbagliata praticamente a porta vuota. Degna spalla dell'argentino, ovviamente è Cavani. Grande partita la sua, bravo a ribadire in rete il rigore parato da Mirante e a lanciare il Pocho verso la rete della vittoria. Male invece Gargano, mai entrato realmente in partita.
A livello tattico devo fare i complimenti a mister Mazzarri. Persi Dossena e Maggio perché impegnati a difendere su Biabiany e Modesto, ha saputo sfruttare meglio la zona centrale del campo. In particolare ottimo è stato l'inserimento di Inler subito dopo l'ingresso di Valdes. Il cileno, agendo fra le due linee, avrebbe potuto fare molto male ai partenopei, ma Inler ha saputo contenerlo, limitandone le potenziali azioni ed i relativi danni. Sono molto contento del ritorno a buoni livelli dello svizzero, unico vero metronomo nel centrocampo azzurro.
Il pareggio dell'Atalanta ad Udine è un vero toccasana. Guardando la classifica la Champions sembra sempre meno un miraggio. Peccato che quest'anno siano solo tre i posti utili per la coppa dalle grandi orecchie. La Lazio, che ha certamente meno campioni del Napoli ma una solidità da fare invidia anche a Milan e Juve, dista sempre 5 punti, ma questo Napoli è capace di tutto.
E adesso venerdì al San Paolo arriverà un Cagliari arrabbiato per la sconfitta con il Siena. Non sarà facile imporre il nostro gioca alla squadra di Ballardini, che soprattutto fuoricasa ha colto risultati importanti, come il pareggio con la Juventus.
 
Agostino Iacobelli per Napolisoccer.NET

Condividi
Articolo precedenteMarino (DG Atalanta): “Per Lavezzi 31 milioni sono pochi”
Prossimo articoloInler: “Lottiamo su 3 fronti e dobbiamo ottenere il massimo”
Giornalista sportivo, appassionato di calcio e, da sempre, tifoso del Napoli. Dal 2004 partecipo al progetto Napolisoccer.NET condividendone obiettivi e speranze, con l'unica finalità di fornire ai lettori un'informazione corretta e neutrale, scevra da pregiudizi e fuori da ogni logica di interesse. Napoletano convinto, nutro amore e passione incondizionata per "Terra mia", "Napul'è" e per la maglia azzurra.


3 Commenti

  1. finalmente una vittoria non meritata,finalmente una partita dove a recriminare sono gli altri. La partita del Tardini andava vinta, non era importante come, gli azzurri ci sono riusciti inanellando la quarta vittoria consecutiva, un filotto che ci permette di avvicinarci alla zona champions. Di solito le squadre di Mazzarri finiscono la stagione sempre in crescendo e quindi se questo accade anche quest’anno allora ne vedremo ancora delle belle.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here