Pagliari (proc.): “Ho parlato con il Napoli di Gabbiadini ma non sono gli unici interessati a lui”

0
84

Esclusiva Napolisoccer.NET – Ex direttore sportivo ed attualmente procuratore di tanti giovani in rampa di lancio (come Gabbiadini e Marilungo), Silvio Pagliari ha gentilmente concesso un’intervista in esclusiva a NapoliSoccer.NET, parlando del Napoli, della Nazionale e dei suoi assistiti, non escludendo a priori un possibile arrivo di Manolo Gabbiadini all’ombra del Vesuvio nel prossimo mercato di giugno.
 
La partita di ieri dimostra che l’obiettivo terzo posto è ancora possibile?
“L’obiettivo terzo posto è nuovamente raggiungibile, ora dista solo cinque punti anche tenuto conto dello stato attuale delle concorrenti. In casa Lazio il caos creato dal caso Reja potrebbe avere delle conseguenze in campionato mentre l’Udinese deve fare attenzione perchè non può più permettersi di incappare in passi falsi. Il Napoli potrebbe approfittare di tutto ciò. La partita di ieri ha fatto vedere un Napoli nuovamente pimpante, alla pari di Milan e Juve, peccato che ci sia stata la Champions, altrimenti gli azzurri sarebbero lì a lottare per lo scudetto. Mazzarri mi piace tantissimo come allenatore, poiché è tatticamente preparato e riesce sempre a trasmettere idee chiare alla squadra ed i giocatori riescono sempre ad attuarle sul terreno di gioco".
 
Questa settimana gli arbitri hanno avuto non pochi problemi. Lei è pro o contro l'uso di strumenti tecnologici?
“Assolutamente si! Purtroppo in Italia chiudiamo il cancello quando sono già scappati i buoi. La tecnologia, intesa come moviola, monitor a bordo campo, sensori o quant’altro ben venga poiché aiuta il calcio, che è uno sport con regole vecchie, in vigore da quando esso è stato inventato, cioè 102 anni fa. Per quanto concerne l’aumento della quaterna arbitrale, non so quanto ciò possa essere conveniente. Mettere altri uomini in soccorso di quelli che già ci sono potrebbe non risolvere nulla poiché l’errore umano è sempre dietro l’angolo. Non mi spiego come mai nel calcio le regole sano sempre le stesse dagli albori mentre, ad esempio, nella formula 1 ogni anno ne vengono riscritte di nuove”.
 
Oltre Maggio e De Sanctis ci sono altri giocatori del Napoli utili per la Nazionale italiana?
“Si, ci sarebbero Cannavaro ed Aronica ad esempio. Se Prandelli convoca Bonucci allora potrebbe portare anche Cannavaro, che negli ultimi anni ha fatto un gran bene. Probabilmente il capitano azzurro non viene preso in considerazione per un discorso di età, fosse stato più giovane allora secondo me starebbe in pianta stabile in Nazionale. Lo stesso discorso si può estendere anche ad Aronica”.
 
A giugno ci saranno gli Europei, secondo lei cosa può fare l’Italia?
“L’Italia può vincere gli Europei! Prandelli sta facendo un ottimo lavoro, sta lavorando bene ed ha effettuato una rigenerazione totale della squadra. Di questo gli va dato il merito. Peccato che abbiamo perso per infortunio Cassano e Rossi, che in fase di finalizzazione sono giocatori dalle caratteristiche uniche, speriamo che i loro sostituti non li faranno rimpiangere”.
 
Prevede movimenti di mercato per i suoi assistiti?
"Nelle ultime sessioni di mercato con Bigon ho parlato di Gabbiadini, ma è ancora presto per parlare di mercato, siamo solo a febbraio, Marino lo cederebbe volentieri, dati i buoni rapporti che intercorrono tra lui e De Laurentiis. Manolo è un giocatore che sta facendo bene, finalmente sta trovando molto più spazio. Si è messo in evidenza e come ho detto in altre circostanze non c’è solo il Napoli su di lui. Non voglio aggiungere altro poiché temo che queste voci possano essere fuorvianti per tutti. Non vorrei parlare neanche di Guido Marilungo, che è costantemente al centro di voci di mercato. I due stanno facendo bene a Bergamo, facciamoli prima maturare poi si vedrà”.

Capano Vincenzo – NapoliSoccer.NET

 
Pubblicazione previa citazione della fonte: Napolisoccer.NET



LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here