Champions e Lavezzi, thrilling finale. In edicola su Napolissimo

0
22

Sarà un finale di campionato da vivere tutto d’un fiato. Emozionante come raramente è capitato negli ultimi anni. Merito, anzi demerito delle squadre in lotta per il terzo posto che significa preliminari di Champions. Napoli, Udinese, Lazio e Inter a quota 55 punti: in quattro sognano di approdare nell’Europa che conta pur avendo un cammino discontinuo. La banda Mazzarri, reduce dal blitz al Via del Mare, sfiora il bis all’Olimpico, ma nel finale – causa la solita disattenzione difensiva – subisce la rete di Simplicio per un 2-2 che lascia l’amaro in bocca. «Sarà una battaglia durissima – dichiara in esclusiva Giuseppe Bruscolotti, bandiera del Napoli degli Anni ’80 -. Resta il rammarico per il mercato di gennaio: se fosse arrivato qualche calciatore già pronto oltre al solo Vargas, magari non si sarebbero persi troppi punti». Il saturday night capitolino ha posto in evidenza il caso Lavezzi, tenuto inizialmente in panchina da Mazzarri e mandato in campo solo a fine partita. Potrebbero essere le ultime settimane del Pocho a Napoli, ma sono troppi 32 milioni per un attaccante che non ha mai raggiunto la doppia cifra. A Moratti piace, l’offerta, però, è bassa. L’unica vera minaccia, al momento, arriva da Parigi. Dalla Senna al Tamigi: approdiamo a Londra, dove Antonietta Di Martino non intende sfigurare ai Giochi. Fede e famiglia sono i due pilastri della saltatrice cavese: «L’Olimpiade è il grande sogno per ogni atleta». Il sogno per gli assi napoletani del calcio da tavolo si chiama Champions League. Ottenuta la qualificazione alla massima rassegna continentale, gli Eagles di Massimo Bolognino candidano la città del Golfo come prossima sede del prestigioso trofeo. Napoli capitale del subbuteo, ma ancora indietro per quanto riguarda la questione sicurezza. La morte di Morosini ha scosso il mondo del calcio e tanto s’è discusso sulla necessità di dotare gli stadi di defibrillatori. In regola solo un impianto su dieci in Campania, ma Coni e Federazione si stanno spendendo con tutte le risorse possibili per assicurare il massimo della prevenzione agli oltre 230mila atleti campani, che ad oggi si dividono in oltre 4.400 società. Da non perdere l’appuntamento fisso con la rubrica Napoli Story, a cura della redazione di NapoliSoccer.Net. Questa settimana vi presentiamo Eraldo Monzeglio, laureatosi campione del Mondo nel ’34 e nel ‘38 con la maglia della Nazionale, e che diventerà l’allenatore più longevo sulla panchina azzurra essendovi rimasto per ben sette stagioni dal ‘49 al ’56.

Redazione NapoliSoccer.Net – Comunicato Napolissimo

 

 

 

SHARE
Previous articleLe 7 Note Azzurrissime
Next articleAvv. Chiacchio: “Ricorso della Lazio infondato”
Giornalista e Vice Direttore di Napolisoccer.NET . Tifoso del Napoli, coniugo l'amore e la passione per gli azzurri alla deontologia propria del lavoro di giornalista. Il piacere di raccontare le vicende azzurre, con i suoi risvolti sociologici, con criticità e romanticismo quando ci vuole. Pratico la libertà d'informazione senza condizionamenti.

LEAVE A REPLY