Game Over – Iacobelli: “Napoli superlativo, doveva essere la partita perfetta, così è stato”

3
24

 

gameover

Appuntamento con "GAME OVER", la rubrica settimanale di approfondimento e di analisi curata da mister Agostino Iacobelli per Napolisoccer.NET.

Come cantava Pino Daniele: “A me me piace o’ BLUES…”. Anche a noi piacciono i blues di ieri sera, schiacciati dall’azzurro di una città, riversata in uno stadio che più che uno stadio sembrava un colosseo. Un Napoli superlativo, doveva essere la partita perfetta, così è stato. Napoli compatto, veloce, che ha dettato i ritmi e i tempi di gioco. Certo un piccolo errore c’è stato, quello di Cannavaro sull’azione del vantaggio inglese, ma si sa, gli errori individuali ci possono stare su un campo in non perfette condizioni. Ma quell'episodio sfortunato ha reso veemente il Napoli e, proprio grazie al gol subito, che abbiamo capito la grandezza di questo Napoli. Andare in svantaggio contro una squadra come il Chelsea non è facile per nessuno, figuriamoci per una Cenerentola come la squadra Partenopea. E invece no, grazie ai nostri gioielli Cavani e, soprattutto, Lavezzi siamo riusciti a ribaltare la situazione e a sbilanciare il pronostico dalla nostra parte, anche in vista del ritorno.

Tatticamente se possiamo gioire lo dobbiamo anche alle scelte discutibili di Villas Boas. Una difesa lenta come quella del Chelsea non può giocare così alta, soprattutto quando di fronte si trova un attacco veloce come quello azzurro. Lasciando spazi così ampi è normale che una squadra come il Napoli, con due giocatori come Hamsik e Lavezzi, abituati ad attaccare la profondità, ti faccia male.

A livello difensivo, invece, perfetto il pressing dei centrocampisti. Bene Inler che sembra stia tornando ai livelli di inizio campionato, quando il Napoli sembrava poter dire la sua in tutte le competizioni. Grandissimo Gargano, sempre pronto ad aggredire il centrocampo inglese composto da ottimi palleggiatori. Bene il terzetto difensivo che è sembrato sempre all'altezza della situazione. Complimenti a Mazzarri che ha saputo preparare il match in maniera perfetta.

La partita di ieri ha dimostrato che realmente questo Napoli può giocarsela a viso aperto con chiunque, questa squadra sa soffrire ma sa gettare anche il cuore al di là degli ostacoli. Un Napoli capace di stringere i denti e lottare su ogni pallone senza perdere la chiave tecnico/tattica dell'incontroanche e soprattutto quando il Chelsea, ad inizio ripresa, sembrava potesse riaprire la partita.

Da Napoletano e da Italiano non posso che gioire per questa splendida vittoria, ma sono oggettivo: ancora la strada verso i quarti di finale è lunga. Anche a Londra servirà una partita perfetta e soprattutto bisognerà tenere lo stesso atteggiamento spavaldo avuto a Manchester e Vila-real.

Domenica intanto al San Paolo arriva una diretta avversaria per il terzo posto, l’Inter di Ranieri. Vincere vorrebbe dire tagliare fuori i nerazzurri da qualsiasi competizione europea e, sperando in qualche passo falso di Roma, Udinese e Lazio, riaprire realmente il discorso terzo posto-qualificazione Champions League, insperato almeno un mese fa. Perchè dopo partite come quelle di ieri sera rivedere il Napoli in coppa campioni non è un diritto, ma un obbligo.
 
Agostino Iacobelli – Napolisoccer.NET

Condividi
Articolo precedenteIl battesimo della storia
Prossimo articoloIl Panini Tour 2012 fa tappa a Napoli
Giornalista sportivo, appassionato di calcio e, da sempre, tifoso del Napoli. Dal 2004 partecipo al progetto Napolisoccer.NET condividendone obiettivi e speranze, con l'unica finalità di fornire ai lettori un'informazione corretta e neutrale, scevra da pregiudizi e fuori da ogni logica di interesse. Napoletano convinto, nutro amore e passione incondizionata per "Terra mia", "Napul'è" e per la maglia azzurra.

3 Commenti

  1. Caro Mister, lungi da me il voler polemizzare con Lei, ma alla luce del risultato del S.Paolo, non crede di dover rivalutare il “brodino” della vittoria ottenuta contro il Chievo a Napoli.
    Questo suo parere, espresso dopo la partita con il clivensi, per carità più che legittimo, non era forse un pò troppo ruvido e riduttivo per una partita (in caso negativo) che poteva definivamente abbattere le possibilità del Napoli di poter fare qualcosa di positivo in campionato ed abbattere il morale della squadra in vista della partita al S.Paolo contro il Blues?
    Saluti.

  2. é stato un Napoli solare nella notte piovosa del San Paolo. Partite cosi restano per sempre nella mente dei veri tifosi. Dobbiamo ringraziare i nostri giocatori per l’impegno e il mister mazzarri per le scelte tecniche. Adesso bisogna continuare su questa strada, già domenica sera contro l’inter, riprendiamoci il terzo posto e giocando cosi nulla ci può sfuggire!!

  3. Io credo che la partita con il chievo fosse un brodino caldo in quella giornata, perché non era prevedibile una crisi di risultati per quanto riguarda Inter, Lazio e in parte Udinese. Grazie ai loro passi falsi che il Napoli oggi può ancora giocarsi la Champions. Per quanto riguarda la partita contro il Chelsea…goduria immensa.

LASCIA UN COMMENTO