Bravo Napoli, l’umiltà mette la mer..la alle spalle.

2
100

ideepartenopee-pocho-fio-nap

 

Venerdì 17: i viola da battere. La Champions alle porte. Tutto lasciava presagire che la trasferta di Firenze potesse restare indigesta. Nessuno si aspettava i 3 punti. Tutti però eravamo convinti di quanto potessero anestetizzare il periodo di mer..la che aveva gettato fango e sconforto sui sogni azzurri.
 
Quello di Firenze è un Napoli cinico come contro il Chievo, ma più autoritario. Ancora una volta in pochi minuti si capisce la direzione della gara: Lavezzi, Hamsik e verticalizzazione per lo spietato Matador che non perdona Boruc. Cavani quando vede il Franchi e il viola si esalta. Ed è lui a firmare il 2-0 e il suo 15esimo sigillo stagionale. Alla faccia di chi diceva che difficilmente si sarebbe potuto ripetere. Prudenza di giudizion condivisibile. Ma Edinson ha già fatto 22 in questa stagione (15 in campionato, 4 in Champions e 3 in Coppa Italia). E siamo a 55 in 78 gare. Non serve commentare. E’ l’attaccante più forte degli ultimi 20 anni. E se continua così rischia di mettere alle spalle campioni come Careca. Senza ofessa (alla Totò)
 
Lavezzi ancora una volta instancabile. Scappa, sfugge, non lo prendi, sciupa ma poi si fa perdonare con un’azione che mostra le sue grandi doti: velocità e imprevedibilità. Vedere 3 maglie viola eluse dalla sua leggerezza è il sintomo di quanto possa far male agli avversari quando il Pocho è in serata. Porta inviolata per la quarta gara consecutiva. Rosati impeccabile nel non far rimpiangere De Sanctis . Così come ampiamente previsto dalla moglie Elena in diretta radio.
 
Non esaltiamoci, sia chiaro. Non pensiamo che adesso tutto è in discesa. Anzi. Ora inzia la vera salita: Chelsea, Inter. Due grandi dal’orgoglio ferito. Villas Boas e Ranieri sull’orlo di una crisi di nervi. In 5 giorni il Napoli chiairirà bene a se stesso la capacità di andare fino in fondo in due dei 3 obiettivi. Al San Paolo non aspettiamoci regali dai blues e dai nerazzurri. Anzi, forse è il momento peggiore per una reazione contraria. Quindi alta concentrazione, e massima determinazione per giocarsela. In 5 giorni possiamo definitivamente mettere alle spalle critiche, incertezze, sconfitte, polemiche e riaccendere la passione su questa parte finale di stagione. Intensa emotivamente. Forse più di tutti gli ultimi 20 anni. E scusate se è poco.
 
Vi aspetto su Radio Crc Targato Italia tutti i pomeriggi dalle 17 alle 19, con “Sorrisi e Palloni”. E dalle 18 scendono in campo i tifosi, che possono prenotare un intervento telefonico chiamando allo 081-5711969, inviando un sms al 338-2222777 oppure scrivendo sulla pagina facebook “Bruno Gaipa”.
 
Un saluto azzurro a chi nel cuore ha il Napoli e nella mente Idee Partenopee.

 
Bruno Gaipa – Idee Partenopee

Condividi
Articolo precedenteBergomi (ex calciatore): “Il Napoli ha conquistato tre punti importantissimi”
Prossimo articoloRiviviamo le emozioni di Fiorentina-Napoli
Giornalista sportivo, appassionato di calcio e, da sempre, tifoso del Napoli. Dal 2004 partecipo al progetto Napolisoccer.NET condividendone obiettivi e speranze, con l'unica finalità di fornire ai lettori un'informazione corretta e neutrale, scevra da pregiudizi e fuori da ogni logica di interesse. Napoletano convinto, nutro amore e passione incondizionata per "Terra mia", "Napul'è" e per la maglia azzurra.


2 Commenti

  1. l´umilta mette la merla alle spalle, fine questo titolo e doppio senso, non in linea con la volgarita´insita nella maggior parte dell´ informazione del nostro paese.

    Questo autore rasenta la poesia.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here