“Napoli milionaria”, sul sito dell’Uefa si parla degli azzurri

2
99

Gli ottimi risultati del Napoli in questo scorcio di campionato portano la squadra agli onori della cronaca sportiva europea come non accadeva da anni. Di seguito, Napolisoccer.NET riporta per i propri lettori un articolo apparso sul sito Uefa.com.

Napoli milionaria – di Fabio Balaudo

Sono passati 20 anni dai tempi di Diego Armando Maradona, ma l’entusiasmo che si respira in città è lo stesso di allora: l’SSC Napoli è primo in classifica, sebbene in coabitazione con FC Internazionale Milano e Udinese Calcio, e i tifosi ora sono autorizzati a sognare in grande.

Rullo compressore
Il successo 1-0 ottenuto domenica in casa dell’S.S. Lazio, un’altra delle squadre rivelazione dell’inizio di campionato, ha proiettato i partenopei in vetta, risultato inimmaginabile soltanto qualche mese fa. Niente male per una squadra che la scorsa stagione era afflitta da un cronico mal di trasferta e che invece nelle prime otto giornate del campionato di Serie A 2008/09 ha collezionato otto dei suoi 17 punti lontano dal San Paolo.

Il nuovo che avanza
Il primo posto in classifica non è frutto del caso, bensì dell’accorto programma di potenziamento di una rosa che nel giro di di due anni ha portato il Napoli dalla Serie B al gotha del calcio nostrano. La squadra, già di competitiva la scorsa stagione, è stata rinforzata con innesti mirati – Christian Maggio e Denis su tutti – e i suoi elementi di maggior tasso tecnico, maturati di un anno, non hanno faticato a prendere per mano i compagni, trasformando in una straordinaria avventura la seconda parte del 2008. I giocatori in questione sono, naturalmente, Marek Hamsik ed Ezequiel Lavezzi, due in grado di far girare la testa a chiunque.

Attenti a quei due
Hamsik ha fin qui impressionato per continuità e maturità. Il 21enne centrocampista slovacco ha nella straordinaria facilità di inserimento in fase offensiva il suo punto di forza e il suo ottimo rapporto con il gol (già quattro quelli segnati in campionato), unito a doti tecniche non comuni, ha convinto molti ad accostarlo ad uno dei centrocampisti più forti in circolazione: Frank Lampard del Chelsea FC. Se Hamsik è l’incursore del Napoli, Lavezzi ne è la lama affilata. Il 23enne attaccante argentino – caschetto anni ’60 e tatuaggi in bella mostra – ha fatto impazzire i tifosi napoletani con le sue giocate fantasiose e spesso beffarde. Dribbling sopraffino, piede sensibilissimo e grande senso del gol ne fanno uno degli attaccanti più in voga del campionato italiano e sotto il Vesuvio c’è già chi sussurra paragoni con Maradona.

Il saggio timoniere
Le giocate dei singoli, naturalmente, non bastano a giustificare il momento magico del Napoli. Se i risultati ottenuti sono tanto lusinghieri, gran parte del merito va attribuito a chi nel corso degli anni, con pazienza e determinazione, ha saputo plasmare senza fretta un gruppo vincente. Quell’uomo è il tecnico Edoardo Reja. Da ormai cinque stagioni sulla panchina partenopea, l’allenatore friulano ha modellato la squadra a proria immagine nel corso degli anni, facendo della professionalità il suo marchio di fabbrica e riuscendo nell’impresa di riportare ai fasti del passato una piazza da sempre difficile da gestire. Dopo il successo contro la Lazio, anche il pacato Reja si è però lasciato contagiare dall’entusiasmo generale e smessi per un attimo i panni di saggio timoniere, ha voluto lanciare un messaggio forte.

Napoli milionaria?
"Gli ultimi due successi in campionato [contro Lazio e Juventus] dicono che il Napoli può essere protagonista fino in fondo – ha ammesso il tecnico 63enne -. La squadra è maturata rispetto alla scorsa stagione e oggi è più forte e competitiva. Abbiamo imparato a soffrire, continuando a lavorare duro e rimanendo concentrati potremo lottare per traguardi importanti". Che sia l’anno giusto per sbancare la ruota di Napoli?

Fonte: Uefa.com
 

Condividi
Articolo precedenteTennis: in centinaia al funerale di Luzzi
Prossimo articoloBlasi e Cirillo squalificati, salteranno Napoli-Reggina
Giornalista sportivo, appassionato di calcio e, da sempre, tifoso del Napoli. Dal 2004 partecipo al progetto Napolisoccer.NET condividendone obiettivi e speranze, con l'unica finalità di fornire ai lettori un'informazione corretta e neutrale, scevra da pregiudizi e fuori da ogni logica di interesse. Napoletano convinto, nutro amore e passione incondizionata per "Terra mia", "Napul'è" e per la maglia azzurra.


2 Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here