Calcio:Palermo; Miccoli,Gilardino dichiarazioni irritanti

0
48

E’ gia proiettato alla partita con il suo Lecce ma non riesce a dimenticare l’amarezza per la sconfitta di ieri. Fabrizio Miccoli, salentino doc, entrera’ nello stadio Via del mare, con quell’emozione in piu’ che caratterizza i grandi scontri. ”A Lecce abbiamo un’occasione per fare un’altra buona prestazione – ha detto – Ovviamente e’ la mia partita, l’incontro che sento di piu’. Piu’ che con Real o il Manchester. E’ come se un tifoso della curva sud o della curva nord rosanero giocasse contro la propria squadra del cuore. Io sono di Lecce, sono nato li’, conosco tutti i ragazzi che vanno in curva e da leccese sono molto contento che ci sia il gemellaggio tra le due tifoserie”. Difficile pero’ mandare giu’ la furbata di Gilardino e la sconfitta contro la Fiorentina, che ieri sera nel posticipo si e’ imposta al Barbera per 3-1. ”Sicuramente Gila non ha fatto una bella figura. Mi ha dato fastidio soprattutto l’esultanza che poteva sicuramente evitare – ha spiegato il salentino – Anche le dichiarazioni del post partita sono state irritanti. Mi ricordo perfettamente l’episodio di De Rossi in un Roma-Messina di qualche anno fa quando il centrocampista giallorosso ammise di aver toccato con la mano e il direttore di gara annullo’ la rete. Si parla tanto di fair play e poi succedono queste cose. Non dico che abbiamo perso per l’arbitro, pero’ questo gesto ci ha dato molto fastidio. Ci ha preso in giro due volte, prima durante la partita e dopo negando davanti le telecamere”. In vista della sfida a Lecce, nel turno infrasettimanale di mercoledi’ prossimo, Miccoli spera di recuperare la forma. ”Ieri non stavo benissimo, nel secondo tempo ero stanco ed infatti ho preferito agire piu’ da trequartista che non da punta, andando verso il pallone in modo da evitare scatti ed eccessivi allunghi – ha spiegato – A questo punto ci sono solo due alternative: o mi fermo per un mese e recupero al cento per cento oppure cerco di gestirmi fisicamente assieme allo staff medico cercando di guarire partita dopo partita”. ”Mi aspetto un buon Lecce – ha proseguito il bomber rosanero – Si tratta di una squadra guidata da un buon allenatore e che in casa si esprime al meglio. Avranno sicuramente grande voglia di riscatto dopo la sconfitta di ieri contro la Reggina ma anche noi vogliamo confermare quanto di buono fatto nelle ultime due partite nonostante non siamo riusciti a portare dei punti a casa”. Contro il Lecce, il Palermo ritrovera’ Caserta, forse ceduto troppo frettolosamente in estate dalla societa’ di Viale del Fante. ”E’ il miglior Caserta che io abbia mai visto – ha detto Miccoli – Ho consigliato io a Fabio di andare a giocare a Lecce perche’ conosco l’ambiente e sapevo che poteva tornare ad essere protagonista. Sono contento per lui e’ un bravissimo ragazzo un ottimo giocatore e mi fa piacere notare che ormai sia uno dei pilastri della squadra”.

fonte:ansa



LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here