Montervino: “Orgoglioso del mio ruolo, ringrazio l’allenatore”

4
59

Il centrocampista azzurro Francesco Montervino, è intervenuto ai microfoni di Radio Marte ed ha rilasciato dichiarazioni a 360° sul Napoli e su se stesso. Di seguito le parti salienti dell’intervista a cura di Napolisoccer.NET.

Riguardo al prossimo impegno di campionato, in trasferta all’Olimpico contro la Lazio, ha dichiarato: "Domenica affronteremo una grande squadra ma credo che il Napoli sia avvantaggiato psicologicamente. Noi siamo caricati dopo la vittoria contro la Juve mentre la Lazio deve smaltire la sconfitta contro il Bologna. Per quanto ci riguarda, le prossime tre partite di campionato sono importanti per il nostro cammino ed è importante fare più punti possibile. E’ ovvio che se contro la Lazio dovessimo fare un risultato positivo, anche le gare contro la Reggina ed il Milan si affronteranno con uno spirito diverso. A mio parere, però,  dobbiamo pensare ad un match alla volta. sperando  di ottenere un piazzamento migliore di quello di Intertoto dello scorso anno. Riguardo alla Champions penso che andarci subito sarebbe un sogno, l’importante è superare la soglia dei 50 punti,  se verrà la Champions, meglio!".

Sul suo ruolo all’interno dello spogliatoio ed ai rapporti con i compagni ha spiegato: "Ringrazio il mister per la considerazione che ha di me. Sono un pò l’uomo spogliatoio e mi fa veramente piacere. L’addio di Sosa ha lasciato un grande vuoto, ma Paolo (Cannavaro – nda) lo ha saputo colmare alla grande. Sono felice del ruolo ma non dimentichiamo che sono un calciatore ed ogni volta che sono stato chiamato in causa ho sempre dato il massimo. Sono a piena disposizione dell’allenatore e della squadra e continuo ad allenarmi seriamente. Con Sosa ci dividevamo i compiti, anche se spesso ci siamo scontrati. Io accoglievo gli europei, mentre lui pensava ai sudamericani. Nello spogliatoio è aumentata la personalità di Hamsik, Lavezzi e Gargano. Sono giovani e possono crescere ancora tanto per questo dico che possono soltanto migliorare".

Sui traguardi e sulle priorità del Napoli ha, invece, precisato: "Coppa Italia? Noi come competizione non la snobbiamo, non facciamo come le altre squadre. Vincere questa competizione ti apre le porte per l’Europa, quindi non va sottovalutata, perchè potrebbe essere il mezzo per il ritorno in Uefa".

Gianni Doriano – Redazione Napolisoccer.NET (Fonte Radio Marte)
 

Condividi
Articolo precedenteBallotta: “Troppe critiche nei confronti di Carrizo”
Prossimo articoloConvocati per Roma, non ci sono Cannavaro e Gianello
Giornalista sportivo, appassionato di calcio e, da sempre, tifoso del Napoli. Dal 2004 partecipo al progetto Napolisoccer.NET condividendone obiettivi e speranze, con l'unica finalità di fornire ai lettori un'informazione corretta e neutrale, scevra da pregiudizi e fuori da ogni logica di interesse. Napoletano convinto, nutro amore e passione incondizionata per "Terra mia", "Napul'è" e per la maglia azzurra.


4 Commenti

  1. Mi pare a me ……….. io sarei più contento per la metà dei soldi che prende montervino ……… se non ricordo male guadagna 400 K€ annui.
    Poi si vede le partite allo stadio e anche quando i tifosi non vanno in trasferta lui entra lo stesso a vedere la partita.
    Che vita. Beato lui, però lo apprezzo molto per essere rimasto qui insieme con montesanto e con sosa per andare a comprare il pallone per allenarsi nel 2004.

  2. bhe penso che montervino in serie c faceva la differenza……in serie b……tanta quantità e qualità….in serie a tanto cuoree ciò lo rende un buon giocatore e un grande uomo……ciao francesco….ti auguro di segnar anche un goll vittoria

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here