Lazio-Napoli, l’obiettivo è la Champion’s League

0
16

Se Lazio-Napoli non è la partita del bivio, così come ha lasciato intendere Marino, rimane pur sempre il big match dell’ottava giornata di campionato, il cui esito modellerà giocoforza la griglia della classifica fra due squadre e due piazze che hanno la stessa ambizione: la qualificazione in Champion’s League. Per la Lazio potrebbe essere un obiettivo di vitale importanza, attesi i limiti economici dalla società per via della situazione debitoria contratta ed in rispetto ai principi economici e morali fissati da Lotito. Programmazione, valorizzazione del gruppo e “salary cup” sono ingredienti di gestione societaria cui si rifà anche Marino che in realtà gode rispetto alla compagine capitolina di maggior serenità economica, potendo contare sulla liquidità messa a disposizione da De Laurentiis. L’obiettivo della Champions perciò rappresenterebbe principalmente un salto di qualità tecnico, ma anche economico perché richiederebbe una rosa più ampia e qualificata per affrontare la prestigiosa stagione europea con la conseguente ricollocazione del tetto salariale. Per De Laurentiis l’appetito vien mangiando e la Coppa Uefa è diventata solo un ripiego avendone già assaporato la dimensione nello sfortunato doppio match col Benfica, così da uomo ambizioso qual è fissa il premio a 150 mila euro per ogni giocatore se il Napoli riuscirà a qualificarsi per la prossima Champion’s League. Ora che il Napoli mira al palcoscenico più prestigioso senza più nasconderlo, considerando l’Inter di un altro pianeta ed il Milan dei palloni d’oro in gran spolvero, deve difendere con i denti la posizione acquisita in classifica, respingendo l’assalto laziale e mantenendo a debita distanza Juventus e Roma, due squadre capaci alla lunga di ribaltare i valori sin qui espressi, senza dimenticare però la pragmaticità di Udinese e Fiorentina, squadre ben attrezzate che non disdegnano certamente assaltare l’ambizioso traguardo europeo. Ecco perché, a dispetto di quanto affermato dal “pompiere” Marino, Lazio-Napoli potrebbe rivelarsi uno spartiacque dopo il quale chi vince vedrebbe affermare sempre più la bontà e la coerenza del proprio progetto, chi perde, invece, rischierebbe di essere risucchiato dal corpo ancora informe di una classifica anomala, determinata oltre che per propri meriti dall’imprevedibile casualità di un computer.
Antonello Greco – Redazione NapoliSoccer.Net

LASCIA UN COMMENTO