Napoli, un pò ruggine e un pò Manchester

16
30

napoli-lazio-2011-2012-01-lavezzi-disperato

S’annunciava una partita importante dopo la lunga sosta, in parte forzata, che ha visto gli azzurri inoperosi dalla partita con il Bayern del 2 novembre. La Lazio rappresentava l’occasione per tornare alla vittoria ed accorciare sulla vetta ed invece il Napoli raccoglie solo un pari che sta molto stretto viste le numerose occasioni capitate sui piedi di Cavani, Maggio ed in particolar modo di Lavezzi che ingaggia un duello quasi personale con l’eccellente Marchetti. Reja si è ripresentato davanti al suo ex pubblico del San Paolo senza Dias e Klose, due pedine importanti in settori altrettanto strategici e dopo aver accarezzato l’idea di schierare una difesa a tre opta per un 4-2-3-1 che in realtà offrirebbe spazi sulle corsie laterali che Maggio e Dossena non riescono a sfruttare al meglio. Mazzarri schiera i suoi uomini migliori con la sola variante di Dzemaili in luogo di Gargano, reduce da un fastidioso infortunio, ma dei tenori è solo Lavezzi a cantare. Ancora in ombra, invece, ed al di sotto dei loro standard naturali, Hamsik e Cavani.

napoli-lazio-2011-2012-02Ad onor del vero va però segnalato che Cavani con la sua nazionale è stato comunque autore di prestazioni superiori, probabile che Mazzarri dovrà trovare quelle soluzioni tattiche che ne esaltino al meglio le caratteristiche e che aiutino il matador ad uscire dal tunnel del digiuno.
Ma è la prestazione generale della squadra a lasciare perplessi, nel senso che ci si aspettava una maggior reattività dei singoli che hanno regalato agli ospiti la prima parte di gara nella quale non c’è stato il dovuto movimento senza palla, solo poche idee a condire trame spesso compassate. La velocità, l’arma letale dei partenopei, non si è mai innescata. Anche se Reja conosce bene le caratteristiche dei suoi ex ragazzi, gli azzurri ci hanno messo del loro, probabilmente diciassette giorni senza calcio hanno prodotto una certa ruggine iniziale che nella ripresa però è andata man mano levigandosi grazie alla verve del solito Lavezzi che ha provato a dare una scrollata ai suoi compagni aprendo una partita nella partita con l’estremo biancazzurro Marchetti, bravo in almeno tre occasioni a negargli la via della rete. Il Napoli di Mazzarri ha sempre avuto la caratteristica di giocarsela fino all’ultimo secondo di gioco, esercitando una pressione costante ed asfissiante, senza mai mollare, con una spregiudicatezza temuta da tutte le avversarie, eppure questa peculiarità sembra essersi leggermente smarrita. Ciò non deve togliere il merito agli uomini del tecnico toscano di aver negato alla prima della classe ogni spiraglio di tiro davanti a De Sanctis, quasi del tutto inoperoso grazie ad una buona prestazione del pacchetto difensivo nel quale ha spiccato la lucidità di capitan Cannavaro, anche se il Cissè di stasera è apparso lontano parente di quello apprezzato a Liverpool e ultimamente in Grecia.
napoli-lazio-2011-2012-03-scenografia-pro-genovaCi sarebbe anche da recriminare per un gol del tutto regolare che invece trova l’ingiusta scure di Rizzoli che fischia un fuorigioco visto e segnalato soltanto dal suo collaboratore. 
Per la cabala pesa la maledizione della vigilia da Champions che non ha mai visto gli azzurri esprimersi bene: escluso Cesena, non sono riusciti più a vincere nelle altre successive occasioni. Ormai la partita della vita è alle porte, tra qualche giorno il Manchester ci dirà qual è la vera caratura di questo Napoli, riducendo o ampliando le ambizioni di un gruppo che fin ora ha visto il campionato con gli occhi dell’Europa.

Antonello Greco – Redazione NapoliSoccer.Net
 

Condividi
Articolo precedenteInler: “Un grande Marchetti ha salvato la Lazio”
Prossimo articoloLutto in casa Maradona
Giornalista e Vice Direttore di Napolisoccer.NET . Tifoso del Napoli, coniugo l'amore e la passione per gli azzurri alla deontologia propria del lavoro di giornalista. Il piacere di raccontare le vicende azzurre, con i suoi risvolti sociologici, con criticità e romanticismo quando ci vuole. Pratico la libertà d'informazione senza condizionamenti.

16 Commenti

  1. ……altri tempi il napoli queste partite le portava a casa , …. lo ripeto fino alla nausea , bisogna fare delle scelte , champions più campionato vuol dire , metà claasifica ., è più su possibile in alto in champions …, come immagine e gratificazione ., altrimenti uscire dalla coppa e viaggiare in campionato , anche perchè mai come questanno ,ho sentito commenti da più parti che il napoli è seriamete candidato a vincere il campionato …dunque………… a noi la scelta . chiaramente spero vivamente di essere smentito alpiù presto ………

  2. x jean ma x che bisogna scegliere tra champions e campionato quando ci solo squadre come lazio ed udinese(che non hanno di certo un organico superiore al napoli) che vanno avanti sia in europa che in campionato??

  3. Vorrei che mazzarri spiegasse a noi tifosi, in termini tattici, che utilità
    ha la difesa a tre. Non sono uno dei 50 milioni di allenatori, ma a me sembra, guardando le partite, che il terzo in difesa è solo un uomo sprecato per due motivi: 1) nella fase di impostazione, stando dietro, non partecipa alla spinta propulsiva; 2) nella fase difensiva i tre hanno sempre bisogno dei laterali per la copertura, con il danno che devono invevitabilmente scoprire il centrocampo. La prova che la difesa a tre è oramai superata, è data dal fatto che in campo europeo non è più attuato dai grandi club.
    Mazzarri fatti un bagno di umiltà ogni tanto.

  4. Ebbene si, la champions league ci ha flippato di brutto!
    non mi entusiasmo piu a guardare il napoli se non nelle partite di champions e tutto questo succede perche avendo lo stadio strapieno,la squadra risponde molto meglio, ma con poche decine di migliaia di tifosi il napoli si trasforma in una squadretta di meta classifica! e del branco di cannibali,manco l ombra!

    Il nostro obbiettivo quest anno doveva essere lo scudetto, sembra piu alla portata, e invece questi si sono flippati per la champions! roba da matti! tanto quella non la vinciamo,e quando usciremo dalla competizione sara tardi per risalire la china!
    Spero almeno che questo faccia capire a Mr. Mazzarri che non e’ lui ad essere un fenomeno da grandi club, ma solo merito dei napoletani che con il loro entusiasmo spingono la squadra a dare sempre il max!
    Ieri lo stadio era quasi vuoto, mi ha messo tristezza!!!

  5. Gli scudetti e la vetta della classifica si guadagnano con una campagna acquisti accorta e di qualità. Il Napoli ha speso più di 40 mil per avere gente che non ha migliorato l’organico (io escludo da questa disastrosa campagna acquisti solo Fernandez) anzi qualcuno quando ha giocato ha creato solo problemi (Santana e Dzemail), la Lazio invece ha preso Klose a parametro zero e altri ottimi calciatori a pochi euro morale della storia la Lazio è prima in classifica e il Napoli è 7 punti sotto! Per non parlare di Mazzarri che nel prepartita dichiara di avere timore della Lazio (gravissimo!) e tale timore si è visto anche in campo nel primo tempo, infatti ha preteso il ripiegamento a centrocampo di Cavani e Lavezzi lasciando così il Napoli tutto il primo tempo senza attacco di fronte ad una squadra che ironia della sorte non aveva attaccanti! Non parliamo dell’involuzione che ha creato in Inler grandissima fonte di gioco quando era ad Udine ora è diventato quasi un difensore schierato sempre appena dopo l’area di rigore e mette Gargano a costruire le azioni! Siamo proprio alle comiche…

  6. Diciamola tutta. Questa squadra lo scorso campionato ha ottenuto un risultato troppo alto rispetto alla sue reali potenzialità. Lo scorso anno molte partite, venivano vinte all’ultimo anche con molta FOR…za di volontà … (diciamo così)… Quest’anno le partite devono essere vinte sul campo e non con gli arrembaggi!!!…
    Probabilmente è difficile farlo con calciatori che già si vedono con un’altra maglia, o probabilmente è difficile farlo con un allenatore che in quanto a gioco lascia più di qualche dubbio!

  7. Caro “Forza napoli”
    Il bagno di umilta’ lo devi fare tu che ti sostituisci agli allenatori che fanno la professione da anni e anni senza contare che il 3 5 2 era adottato anche da reja il quale si trova in testa alla classifica….dipende dagli uomini che hai a disposizione. Se hai laterali di destra e sinistra molto veloci e instancabili , come zuniga , maggio e dossena ti conviene giocare con il 3 5 2 perche nella fase difensiva difendi a 5 e quando attacchi i due laterali di difesa diventano dei cursori di centrocampo…dove sono i guai del napoli? Il guaio e che tutti hanno capito che il napoli e’ micidiale in contropiede, con questo modulo, e si rintanano nella propria area mettendo i nostri in seria difficolta’…soluzione? Prendere giocatori forti e adatti al modulo alternativo il 4 3 2 1 o 4 4 2
    ma cio’ dipende da aurelio.

  8. …. per il semplice motivo che e la lazio , tanto meno l’udinese sono state canditate come possibili candidate allo scudetto ……, tutto quà in ultima analisi il puntoè che fino a ieri il napoli ha giocato anche con un pò di sana incoscenza , vedi partite vinte all ultimo secondo lavezzi era un bel giocatore da guardare , adesso con la responsabilità abbiamo messo in wvidenza tutti ilimiti ….. lavezzi non mi dice niente ,con i suoi piedi a banana .., non azzecca niente , inler ……………. ancora non l’ho visto , abbiamo criticato fideleff , pagato solo 2 milioni …. dzemail invece ……. per fino adesso un pacco ., forse ha ragione chi die che eravamo più forti l’anno scorso .

  9. Leggo di qua e di la’ che si devono fare scelte tra C.L. o campionato, se veramente in SOCIETA’ e stato fatto questo ragionamento beh allora signori miei siete pronti x essere ricoverati,anche il PRESIDENTE ha detto tempo fa che sognava la CHAMPIONS,ma con quali armi vuole competere con tutti questi SQUADRONI?x quando riguarda MAZZARRI ci ha riportato 2 anni indietro,e cioe’ ha liquidato calciatori come CIGARINI(pagato una cifra) DENIS (OGGI CAPOCANNONIERE IN SERIE A)YEBDA (un GRANDE COMBATTENTE)I giovani DUMITRU,MAIELLO, INSIGNE(se valeva qualcosa da ALLENATORE li avrebbe” VISTI”)lasciandoli andare via,se uno e FORTE va fatto giocare anche se e giovane l’esperienza si fa giocando,x questo dico piu’ presto possibile ci liberiamo di LUI meglio e,’ sono sicuro che ad allenatori invertiti il NAPOLI srebbe al posto della JUVE,anche giocando in C.L.P.S. Il BAYERN tanto x citarne una sola;gioca sempre con la stessa FORMAZIONE,e di NAZIONALI c’e ne ha piu’ del NAPOLI e sono sempre IMPEGNATI su tanti fronti.

  10. Allora: 2 riflessioni… DeLa ha sempre detto che c’è un progetto, che in 5 anni si andava in Champions e che sarbbe stata una cosa prograssiva ok? Poi il primo anno di Champions, con una squadra ottima x il campionato ma non attrezzata certamente x vincere la Champoions, dice che puntiamo alla CL, come se la potessimo vincere e intanto sprofondiamo in campionato! DeLa punta ai 25 o 35 nilioni di Euro, ora non ricordo, del passaggio di turno della Champions è questa la verità! Se almeno l’anno prox questi soldi li spendesse x prendere campioni…
    Altra riflessione: La Roma ha preso a paramtro 0 Heinze, fortissimo difensore di esperienza in campo internazionale, noi Donadel, La lazio Klose noi Santana, il MIlan con 500 mila euro Nocerino, noi Pandev in prestito! Poi 9 mln più Santacroce x Dzemaili, più di 14 x Inler ke ancora non si vede mentre la Juventus pre3ndeva Vidal a 11 e poi Fideleff… ^o)
    La Roma ha preso x 14 mln un talento giovanissimo come Pjanic centrocampista trequartista,assist e gol… e mi fermo qua! Ma gli osservatori del Napoli, cosa fanno???

  11. lasciatele dire ai tifosi certe cose, pure voi vi ci mettete pure voi? la partita della vita, se fossimo ad una semifinale, o addirittura alla finale del torneo europeo, lo potrei pure capire, ma per amor del cielo, vi rendete conto che il nostro napoli è ancora lontano da certi livelli, lo splendido napoli della passata stagione, andava rinforzato, cosi non è stato, tranne inler, il quale pero non st rendendo come ad udine, il modulo di mazzarri lo espone troppo e comunque cè sempre bisogno di gargano, e pensare che lo stavano vendendo. ma quale vita, magari con un colpo di fortuna passi il turno, e poi???????, sai le risate, magari con un bel 5 posto in campionato, ma fatela finita, e dite in modo chiaro che anche quest’anno la campagna acquisti è stata sbagliata, lo avete visto dzemaili, quasi 12 milioni di euro, cè da diventare matti, la partita della vita…….. smettetela

LASCIA UN COMMENTO