Lazio-Napoli, il futuro è oggi

0
22

Dopo le tempeste del loro passato recente, le due società sono tornate protagoniste.

LAZIO – Dal coma irreversibile al pia­no di rilancio: 1070 miliardi di debiti in vecchie lire. Lotito snocciola i numeri a memoria ogni volta che interviene in qualsiasi trasmis­sione per ricordare che situazione ave­va trovato nell’esta­te 2004. La storia, però, l’ha salva­guardata, conservando il titolo nobiliare di una società nata nel 1900. Tre anni per completare il risanamento della Lazio, uno per ripartire. Lotito l’ha presa evitan­do il fallimento ma accollandosi il peso delle passate gestioni, da Cragnotti a Capitalia, che aveva­no creato la voragine. Il debito è consolidato: resta la rata annuale da pagare al Fisco, è stato trova­to un accordo con l’ex Banca di Roma per un vecchio finanzia­mento in aumento di capitale, il famoso Piano Baraldi è stato estinto. Ha aperto i negozi, rilan­ciando il marketing della società. La prossima sfida di Lotito ri­guarderà lo stadio di proprietà. I contatti con il sindaco Alemanno si stanno intensificando.

NAPOLI – Quel che resta del Na­poli, ad agosto 2004, è un cumu­lo di macerie, sotto forma di debiti, che il Tri­bunale Fallimen­tare si ritrova tra le mani, dopo aver ricevuto i libri contabili da Salvatore Naldi. Quel che emerge del Napoli, a quattro anni di distanza, è la scalata imperiosa che l’ha tra­scinata alle spalle dell’Inter, eleggendo quell’esercito d’uo­mini rastrellati ovunque da Pierpaolo Marino a tanti pic­coli special one del calcio ita­liano. Il progetto è nei numeri im­pressionanti che il Napoli snocciola attraverso i succes­si: due promozioni consecuti­ve – dalla C alla A – poi l’otta­vo posto nella prima stagione tra le grandi, poi la conferma nelle prime sette giornante, pareggiando a Roma e Udine, vincendo con Fiorentina, Pa­lermo, Juventus e a Bologna, perdendo solo a Marassi, con­tro il Genoa.

Fonte: corrieredellosport.it

SHARE
Previous articleIl Napoli si prepara per la sfida dell’Olimpico
Next articleGhirardi: “Ci aspettiamo la totale assoluzione del giocatore”
Giornalista sportivo, appassionato di calcio e, da sempre, tifoso del Napoli. Dal 2004 partecipo al progetto Napolisoccer.NET condividendone obiettivi e speranze, con l'unica finalità di fornire ai lettori un'informazione corretta e neutrale, scevra da pregiudizi e fuori da ogni logica di interesse. Napoletano convinto, nutro amore e passione incondizionata per "Terra mia", "Napul'è" e per la maglia azzurra.

LEAVE A REPLY