Caro Napoli, prova a chiudere gli occhi …

9
15

Ennesima sconfitta. Ennesimo arrembaggio finale inutile. Dopo 20 gare di campionato, possiamo esserne certi: il Napoli 2011-2012 ci crede meno nelle sue capacità in campionato. I motivi sono un po’ tattici, un po’ fisici, ma soprattutto mentali. Chiaro che siamo di fronte ad un campionato che ha alzato l’asticella della sua qualità, e il livello della concorrenza. Ovvio che non tutte le stagioni possono ripetersi in modo eccezionale. Da questa premessa vanno fatte tutte le considerazioni del momento. C’è da considerare che la Champions ti ha risucchiato energie e sforzi. E ci siamo. Che la coppa Italia ti offre un canale preferenziale per anestetizzare le eventuali delusioni del campionato. E forse questo diventa più che un assicurazione, un rifugio, un ancora, un barlume di miglioramento nel processo di crescita. Al netto di queste considerazioni, credo che il Napoli di quest’anno paghi soprattutto la scarsa convinzione in se stessa. L’anno scorso sembrava quel ragazzino che con la forza dell’inconscio, e la determinazione della leggerezza di pensiero, portava a casa risultati stra-ordinari. Molto più di quanto ci si aspettasse. Non a caso eravamo matricola che ha conquistato tutti. Quest’anno il ragazzino è diventato un coscienzioso adulto che si chiede troppe cose prima di agire, che si complica il cammino bombardandosi di dubbi, alibi che permeano subdole nella mentalità del collettivo. Quella leggerezza dell’incoscienza che ci consentiva di prendere il volo, sembra appesantirsi quest’anno con la consapevolezza di essere una big, con oneri ed onori di tale ruolo. E dopo 20 gare ci si sveglia con la certezza di essere diventati adulti, ma non averne ancora la reale capacità. Il salto in avanti è stato troppo lungo. Meno graduale del previsto. Le aspettative si sono giustamente gonfiate. Ed ora nel ri-calibrarsi portano un alone di nostalgia, ed un senso di amarezza. In questo gioco dell’oca tutto partenopeo, si aprono voragini di critiche tattiche, fisiche, tecniche: perché Cavani non è partito dall’inizio, perché Vargas continua a sembrare un pesce fuor d’acqua, perché la difesa invece l’acqua la fa e da tutte le parti ultimamente, perché ci si è privati di Pazienza e Yebda che garantivano più equilibrio, perché Mazzarri continua a giustificare la poca lucidità con i troppi impegni quasi inculcando nella mente dei suoi un’incapacità aprioristica di affrontarli. Nel gioco sterile dei perché, si nascondono le reazioni di chi segue con affetto e passione la squadra. La stagione non è compromessa, sappiamo qual è la nostra dimensione. Provare ad andare avanti e nella storia in Champions. Usare la coppa Italia come catarsi del campionato , ma mai, e poi mai considerare i discorsi già fatti: il rischio di un tracollo è serio. Se si parte già sconfitti e ci si considera già fuori da ogni logica di vertice nel campionato, si rischia di ripetere le prestazioni di Verona, Catania, Novara, Genova, Siena ect.

Caro Napoli, prova a chiudere gli occhi, pensa di essere di nuovo un ragazzino sbarazzino: senza calcoli, senza tabelle, con un unico obiettivo: divertire e sorprendere i tuoi tifosi, che, nella buona e nella cattiva sorte sono sempre lì con te, a combattere, ad affilare le unghie, a sostenerti soprattutto nei momenti in cui ne hai più bisogno. Non disuniamoci. Non adesso. Compatti riusciremo a superare quest’ennesima mareggiata. Vi aspetto anche per questa nuova stagione su Radio Crc Targato Italia tutti i pomeriggi dalle 17 alle 19, con “Sorrisi e Palloni”. Da quest’anno l’ultima mezz’ora interamente dedicata ai tifosi, che possono prenotare un intervento telefonico chiamando allo 081-5711969, inviando un sms al 338-2222777
Un saluto azzurro a chi nel cuore ha il Napoli e nella mente Idee Partenopee.

Bruno Gaipa

9 Commenti

  1. Be, a parte i complimenti che sono doverosi in quanto e’ difficile trovare una persona che scrive quello che pensa e non quello che gli ordinano di scrivere, io invece proverei a cercare le motivazioni nelle intimidazioni, della malavita, ricevute dai giocatori del napoli e guarda caso tutte nello stretto periodo, dopo di esse il napoli ha incamerato una serie di risultati “inaspettati” per gli scommettitori..e cercherei di capire perche’ dei giocatori che eliminano il city dalla coppa campioni perde con le provinciali…

  2. Contro l’Inter è bastato abbassare Hamsik a centrocampo per dare più equilibrio in una sorta di 3 5 2. Poi si è ritornati al 3 4 2 1 Hamsik è scomparso, la squadra girava a vuoto e abbiamo perso. Cosa dire o Mazzarri ha la testa più dura del cemento oppure è un sadico

  3. Bravo Sergio e’ da un pezzo che dico cio’ che tu hai affermato, riguardo la malavita il calcio scommesse e le intimidazioni che alcuni calciatori sembrano avere avuto, ma tutti vanno su canali diversi! ragazzi ma… ci rendiamo conto che il Napoli in campionato sembra ed e’ un’altra squadra? Neanche se giocassero tutte le riserve si farebbe peggio! sembrano tutte partite amichevoli contro squadrette, dove il Napoli stesso stia cercando di capire nuovi schemi e tattiche di gioco, praticamente allenamento o non so cosa perche’ dai filmati di allenamenti veri, vedo che c’e’ grinta e agonismo, cosa che in campionato non si vede! è bastato vedere la partita di Genova dove il Napoli ha giocato dieci minuti e ha fatto due gol! gli anni scorsi, quando si perdeva giocando male, il presidente era furioso con i suoi, andava in sala stampa e sbottava il suo parere incavolandosi ora mi sembra taciturno, consenziente e rassegnato come se fosse accondiscendente boh. Anche se e’ brutto da dire, a me sembra che si stia giocando per un risultato gia’ scontato si perche’ i soldi si vincono anche in base ai gol segnati e subiti. Detto cio’, ed essendo un appassionato e tifoso, spero di sbagliarmi.

  4. complimenti x l’articolo a bocce ferme , è la cosa migliore e costruttiva ..avere dei pensieri (si critici) m a costruttivi così come l’atteggiamento …, iniziando da me … che spesso magari inconsciamente si scaricano su questi articoli fristrazioni personali …, un invito ad essere come suggerisce l’amico nell’ articolo …. più costruttivi ( per quanto possa contare quello che ha da dire tizio caio sempronio) …….. un grande forza napoli .
    PS…. QUESTO NON TOGLIE CHE IL PRESIDENTE MI STA SULLE @@!!

  5. buon articolo ..ma vorrei esprimere una mia opinione in merito ..spero condivisibile da molti…
    nn voglio affatto credere che la nostra squadra sia quella vista contro il genoa , contro la roma , contro il parma , catania , siena , atalanta, ecc..piuttosto voglio credere che il nostro napoli , quello vero , sia formato dagli 11 che ha distrutto manchester city , milan , villareal , inter , udinese ….quindi la debacle contro le piccole ha un solo colpevole !! mazzarri!! incapace di inculcare nelle menti dei calciatori la grinta e soprattutto il desiderio di distruggere qualsiasi ne ostacoli il cammino!! quane delusioni dovrem vivere ancora prima di capire che mazzarri non è da napoli..solo questa e la domanda che mi faccio!!!

LASCIA UN COMMENTO