Lecce-Napoli, le probabili formazioni

9
33

 

Il Napoli sarà di scena in terra salentina dove affronterà il Lecce, alla disperata ricerca di punti per sperare ancora nella salvezza. La compagine azzurra è reduce da una settimana tribolata che ha visto il caso Zalayeta al centro dell’ attenzione, oltre alle solite speculazioni giornalistiche sui gioielli di casa. Come ormai noto, Donadoni dovrà fare a meno dei soliti Gargano, Maggio, Iezzo, Rinaudo e ancora di Lavezzi. Marcelo Zalayeta, nonostante sia stato convocato e aggregato al gruppo, sarà relegato in tribuna, a vantaggio di Denis che partirà titolare. Il tecnico azzurro riproporrà il 3-5-2 di domenica scorsa confermando l’opaco Hamsik a discapito di un Datolo che domenica dopo domenica sembra sempre più inserito nella realtà del calcio italiano. In attacco, Inacio Pià partirà nuovamente titolare, mentre questa volta Russotto andrà almeno in panchina.
Quindi, avanti a Navarro, i tre centrali di difesa saranno Santacroce, Cannavaro e Contini. Sugli esterni di centrocampo agiranno Montervino e Mannini, mentre al centro Amodio, Hamsik e Blasi. In attacco, come detto, il duo d’attacco sarà composto da Denis e Inacio Pià.
Dopo il buon pareggio strappato in casa della Juventus, il Lecce cerca punti fondamentali per sperare di strappare un’ insperata salvezza. Saranno tre gli indisponibili per i padroni di casa, infatti, non saranno della partita Antunes, Papa Waigo e Angelo. De Canio proporrà un 4-4-2 classico, dove, avanti al portiere Benussi, la linea difensiva prevederà Polenghi, Fabiano, Esposito ed Ariatti. A centrocampo ci saranno Giacomazzi, Edinho, Vives e Caserta, mentre il duo d’attacco sarà composto da Tiribocchi e Konan.

LECCE (4-4-2): 99 Benussi; 3 Polenghi, 14 Fabiano, 16 Esposito, 19 Ariatti; 18 Giacomazzi, 4 Edinho, 20 Vives, 10 Caserta; 25 Konan, 90 Tiribocchi.

Panchina: 1 Rosati, 23 Schiavi, 40 Giuliatto, 7 Zanchetta, 21 Ardito, 81 Papadopoulos, 11 Castillo. All. De Canio

NAPOLI (3-5-2): 30 Navarro; 13 Santacroce, 28 Cannavaro, 96 Contini; 4 Montervino, 8 Blasi, 32 Amodio, 17 Hamsik, 77 Mannini; 12 Pià, 9 Denis.

Panchina: 70 Bucci, 6 Aronica, 2 Grava, 5 Pazienza, 15 Datolo, 18 Bogliacino, 20 Russotto. All. Donadoni

Stefano Perna – Redazione NapoliSoccer.NET
 

9 Commenti

  1. Visto lo schifo che hanno fatto col Siena mi sembrava un’ottima occasione questa di cambiare modulo e provare qualche giocatore nuovo. Non posso credere che Donadoni non abbia coraggio, in questa fase di fare esperimenti utili nel futuro.

  2. ma perchè al posto di montervino pià non mette russotto datolo riusciremo prima o poi a vedere una partita intera di sti due oppure hanno paura che capiamo che se avessero giocato prima non eravamo in questa posizione

  3. io farei un 4-3-3 cosi:
    bucci
    grava santacroce contini aronica
    blasi amodio hamsik
    russotto dàtolo
    denis
    cosi potremmo anche puntare alla vittoria e provare altri giocatori

  4. donadoni è 1 allenatre di caratura… se ha deciso di giocare con questo modulo e questi uomini non l’ho fa tanto per fare ma avrà pure un progetto…
    in + dico che se nè reja nè donadoni si affidano mai a russotto un motivo ci sarà pure…

  5. Perchè si continua ad utilizzare giocatori che sono fuori forma o che non rendono nel ruolo che viene loro affidato?
    La debacle di Siena è dipesa anche da questo!
    Perchè non si provano adesso i nuovi schemi o i nuovi moduli di gioco preferiti dal nuovo allenatore?
    Cosa si aspetta?

  6. La formazione la puo decidere solo Donadoni li vede tutta la settimana, poi ognuno di noi tifosi ha la sua personalissima formazione, ma bisogna avere fiducia nel nuovo tecnico altrimenti non si va da nessuna parte, se i risultati non verranno allora potremmo anche contestare ma non subito diamo tempo, almeno vediamo la campagna acquisti , poi giudicheremo.
    Forza Napoli

  7. Perchè non gioca Russotto???? Domandiamolo a Donadoni!!! Quali fuoriclasse abbiamo in squadra che precludono l’inserimento di Russotto? Incomprensibile!!! E’ una vera pena….

  8. Dicendo delle ovvietà che non si discutono, perchè fanno parte del mio DNA di tifoso “speranzoso”, non si approderà mai a nulla.
    Non sono un “disfattista” e nè tanto meno uno stupido!
    Con le bufale che ci vengono quotidianamente propinate da giornalisti, dai media, dagli addetti ai settori, mi accorgo di essere continuamente nel … “pallone”.
    Desidero e mi auguro solo che, fra me tifoso ed il calcio napoli, si instauri un diverso rapporto improntato più alla serietà ed alla trasparenza!
    Forza, forza sempre Napoli.Carlo

LASCIA UN COMMENTO