Game Over – Iacobelli: “La Coppa Italia sia come trofeo che come porta per l’Europa”

2
86

gameover

Appuntamento con "GAME OVER", la rubrica settimanale di approfondimento e di analisi curata da mister Agostino Iacobelli per Napolisoccer.NET.
Si doveva vincere e così è stato. Non è stata una bellissima partita quella del Napoli contro l'Inter, ma almeno abbiamo raggiunto le semifinali. Un anno fa proprio l'Inter buttò fuori i partenopei dalla coppa; giustizia è fatta grazie ad un grande Edinson Cavani e ad un Gargano stellare. Un Gargano che è tornato allo splendore dei primi anni azzurri. Splendore che invece non riesce più a ritrovare Inler, ancora deludente dopo un inizio promettente.
La prossima sfida con il Siena non sarà così facile, come già appurato domenica scorsa, quella toscana infatti è una squadra ben organizzata e tatticamente duttile. Sannino è un allenatore che conosce bene il calcio e che sa adattare i suoi schemi ai giocatori che si ritrova. Ha cominciato il campionato con un 4-4-2, ma nelle emergenze ha saputo cambiare sia a centrocampo che in difesa, passando ad un più prudente 3-5-2. A differenza di Mazzarri che sembra stancamente arroccato sul suo solito modulo, ma tant'è!
Detto questo il Napoli è sicuramente superiore al Siena e sarà obbligato a vincere perchè centrare la finale di Coppa Italia significa avere il placet per l'Europa League. L'unica ipotesi che non permetterebbe l'automatico accesso, infatti, sarebbe giocare in finale contro la Lazio, in tal caso la vittoria sarebbe d'obbligo. Vittoria che comunque servirebbe agli azzurri per portare un trofeo a casa, cosa che manca da troppo tempo. L'ultima volta fu nel '97, quando ci arrivammo veramente vicino ma il Vicenza riuscì a ribaltare l' 1-0 del San Paolo. Altri tempi, altro Napoli.
Tornando a ieri sera, parlare degli episodi arbitrali non ha senso. Ci poteva essere un rigore per il Napoli, più probabile quello per l'Inter. Ma come al solito Mazzarri non riesce a giudicare obiettivamente gli episodi arbitrali.
MA alla fine, bando alle chiacchiere, l'importante è essersi qualificati per queste semifinali: visto che siamo da settimo posto, come ha detto qualcuno, vediamo di andare in Europa per il tramite della Coppa Italia ed in più portiamo a casa questo trofeo ampiamente alla portata del Napoli. E intanto domenica ci si rituffa in campionato (ormai obiettivo di ripiego) dove ci aspetta un Genoa col dente avvelenato per la brutta sconfitta rimediata un mese fa al San Paolo.
 
Agostino Iacobelli per Napolisoccer.NET

Condividi
Articolo precedenteFuria De Laurentiis: “Ho sempre sostenuto Mazzarri. Ma a Napoli cosa avete vinto?”
Prossimo articoloVox Populi: Lettera aperta a Mazzarri e De Laurentiis…
Giornalista sportivo, appassionato di calcio e, da sempre, tifoso del Napoli. Dal 2004 partecipo al progetto Napolisoccer.NET condividendone obiettivi e speranze, con l'unica finalità di fornire ai lettori un'informazione corretta e neutrale, scevra da pregiudizi e fuori da ogni logica di interesse. Napoletano convinto, nutro amore e passione incondizionata per "Terra mia", "Napul'è" e per la maglia azzurra.


2 Commenti

  1. Speriamo che l’articolo sia veritiero cosi’ il n/s “signor” presidente potra’ dire di aver vinto una Coppetta Algida pardon la Tim Cup e potra’ aggiungerla ai grandissimi trofei che ha vinto nel mondo del cortometraggio………..!!!!

  2. OK passaggio del turno e’ grande possibilita’ di finale pero ‘ resto dell idea che questo era l anno giusto x scudetto e un po’ mi rode ””” Caro pres ricordati che in questo stadio abbiamo ammirato e vinto con un certo MARADONA

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here