Calcio:Juve è crisi; ma Blanc da fiducia a Ranieri

1
75

E adesso c’e’ il Real Madrid per salvare la stagione. E non e’ certo una prospettiva confortante per la Juventus, crollata anche a Napoli e vittima di se stessa, visto che ha regalato due gol all’avversario e perso una partita che stava rischiando di vincere. La posizione di Claudio Ranieri esce ulteriormente indebolita dal San Paolo, con il cervellotico cambio di Del Piero con De Ceglie e altre decisioni discutibili. Ma Jean Claude Blanc esclude rivoluzioni, almeno per il momento: ”La fiducia si da’ una volta sola – taglia corto l’ad bianconero – non e’ il momento di tornare sull’argomento”. Con il Real alla porta, ci sono talmente tanti problemi da affrontare che non e’ il caso di mettere altra carne al fuoco: ”Ranieri ha la fiducia della societa’ – ribadisce l’AD al termine dell’allenamento odierno – andiamo avanti cercando di migliorare”. Le difficolta’ da risolvere sono tante: dalla difesa, che ha dimostrato di non avere un organico all’altezza, ai dubbi sullo staff dei preparatori atletici, visto che al San Paolo si e’ registrato il ventesimo infortunio muscolare in due mesi , quello di Poulsen. Il centrocampista ha riportato uno stiramento al muscolo retto anteriore della coscia destra. Domani sara’ sottoposto a ulteriori accertamenti, ma e’ probabile che per lui lo stop sara’ di tre settimane. ”Negli ultimi quindici giorni – ammette lo stesso Blanc – abbiamo perso alcuni giocatori e anche alcuni dettagli che fanno la differenza tra vincere e non vincere. E’ un momento difficile – continua – volevamo tornare subito a conquistare i tre punti, perche’ la fiducia si alimenta anche grazie alle vittorie, ma non ci siamo riusciti. Dobbiamo quindi cercare di capire bene, di analizzare la situazione e di prendere le decisioni giuste per modificare alcuni elementi”. Quali, pero’, non e’ dato sapere. ”Siamo una squadra di professionisti – si limita a dire l’ad juventino – cerchiamo di lavorare insieme per trovare i punti giusti da andare a toccare per poter ribaltare questa situazione. Abbiamo gli uomini adatti per uscire da questa crisi”. Uno e’ senza dubbio Del Piero, nonostante l’anagrafe e un palmares che potrebbe rovinare l’appetito a qualsiasi giocatore. Alex ha dato una grande dimostrazione di essere uomo spogliatoio, sorridendo a Ranieri al momento di una sostituzione che in tanti – compreso lui, forse – non hanno compreso. Sostituire un attaccante, che per di piu’ stava giocando bene, per inserire un terzino non riflette quella mentalita’ vincente che dovrebbe far parte del dna della Juve. Lo strano, infatti, e’ che De Ceglie sarebbe servito eccome, ma al posto dell’ inguardabile Molinaro, che ha regalato a Maggio e Lavezzi una serata trionfale e ha sbagliato anche la diagonale sul pareggio azzurro. E’ dal numero dieci, che sul suo sito Internet si ritrae con una foto che lo rappresenta con una smorfia di dolore, che la Juve deve ripartire contro il Real. Ranieri ha undici titolari contati e solo Primavera in panchina. La situazione peggiore per affrontare gli impegni internazionali che l’attendono. E si teme anche una reazione negativa della tifoseria, che su Internet chiede a gran voce l’esonero del tecnico bianconero. Stanotte un gruppetto ha anche intercettato la squadra al rientro riuscendo a chiedere chiarimenti a Blanc, Ranieri e giocatori e chiedendo soprattutto la vittoria nel prossimo derby con il Toro. Il terzo posto dello scorso anno aveva illuso un po’ tutti, ora bisogna ripartire. Real permettendo.

 

fonte:ansa



1 COMMENTO

  1. ma scherziamo Ranieri in discussione ma vi rendete conto che è l’unico che non ha colpa.Se parliamo della preparazione si devono ricercare altrove se parliamo di spogliatoio Del Piero si dovrà fare da parte perchè l’anno prossimo è assai vecchio ha fatto allontanare Palladino perchè vedeva in lui un rivale ma non ha capito che il campo è galantuomo e tutti inodi vengono al pettine

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here