Marino ” Juve verrà per giocare gara del secolo”

0
21

Più che la Juve a far paura è il momento della Vecchia Signora. I bianconeri arrivano a Napoli senza tanti campioni fermi per infortunio, con un già disperato bisogno di punti e con la voglia di uscire da una fase veramente delicata. Di questa Juve non si fida neanche Reja ed è ancora più prudente, quasi preoccupato, il dg PierPaolo Marino. "Diffido molto di questa Juve in presunta crisi – ha spiegato il dg azzurro ai micorfoni di Sky Sport24 -, sono convinto che la squadra di Ranieri  abbia solo pagato una serie di infortun nelle ultime partite. Ho visto che in questi ultimi 15 giorni al capezzale del malato si sono recati i dirigenti. C’è stata una mobilitazione generale e verranno qui a giocarsi una finale di Champions League, questo vuol dire che dovremo giocae con la massima attenzione,ma ripeto, non sono affatto convinto che i bianconeri siano in difficoltà, anzi ".  " il nostro progetto non si ferma ad una partita – è il pensiero di Marino – , fa piacere che la squadra abbia certe convnzioni e sono d’accordo con Reja sulle certezze che ha la nostra squadra. Domani faremo la nostra partita, ma attenzione alla Juve che ha preparato la partita del secolo, per noi sarà un impresa ardua fronteggiarla alla pari ". Domani dovrebbe giocare Denis dal primo minuto perche ha convinto anche chi lo aveva accolto con scetticismo. "ma lui ha iniziato subito bene è stato il trascinatore della qualificazione in Uefa tra assist e gol, ha fatto due reti i camponato ed è già a quota 4 reti ufficiali, cosa potevamo chiedere di più ad un giocatore al primo impatto con il campionato italiano?". Denis o Zalayeta, è questo uno dei tanti dubbi di Reja che ha sua disposizione un organico più che completo. " Questo è un Napoli costruito a tavolino, che ha due giocatori per ruolo e credo che sia giusto cosi per una squadra che vuole puntare a crescere e migliorare l’ottavo posto. Inoltre mi sembra che il clima sia quello giusto al’interno del gruppo e abbiamo visto ch il turnover ha dato sempre buoni frutti " E se c’è qualche incomprensione Marino è pronta a chiarirla, lo ha fatto con Lavezzi Reja dopo la partita di Lisbona e l’eliminazione in Coppa Uefa. "Non ho fatto altro che sfruttare lottimo rapporto che ho con i giocatori, sono legato molto a tutti loro, li ho scelti per qualità morali oltre che tecniche, per loro sono un punto di riferimento e quando c’è una piccola incomprensione basta parlare un pò per mettere tutto a posto, poi si era trattato solo di spiegazioni per una sostituzione . "  Tra i giocatori pù amati di questo Napoli c’è Ezequiel Lavezzi, ogni volta che si sposta in città per lui è un bagno di folla. Un pò come succedeva tanti anni fa con Maradona. " Mi fa piacere che le nuove generazioni che avevano sofefrto negli ultimi 14 anni, pssano vivere quei momenti che hanno avuto il privilegio di vvere le generazioni precedenti, mi fa venire i brividi il coro che i tifosi intonano per Lavezzi e che prima era dedicato a Mardaona"  L’ultima battuta è proprio sui tifosi, anche domani curve del San Paolo chiuse " Preferisco parlare di calcio, non voglio aggiungere altro perchè dobbiamo comportarci responsabilmente alla vigilia di un incontro molto sentito come quello contro la Juventus ".

Redazione NapoliSoccer.net

LASCIA UN COMMENTO