Game Over – Iacobelli: “Il Napoli ha deluso contro un Cesena imbottito di riserve”

4
20

gameover

Appuntamento con "GAME OVER", la rubrica settimanale di approfondimento e di analisi curata da mister Agostino Iacobelli per Napolisoccer.NET.
 
Mettiamola così: l'importante era passare il turno, ed il Napoli c'è riuscito. Ma volendo analizzare la prova offerta dalla squadra di Mazzarri emergerebbero parecchie note dolenti, anche tenendo conto che il Cesena, ottima squadra se affrontata al completo, presentava in campo ben tre ragazzi classe 1993 mentre gli azzurri, invece, in campo di riserve vere e proprie avevano solo Fernandez e Vargas. Per quest'ultimo quella di ieri è stata la sua gara di esordo e sicuramente non sarà un evento da ricordare. Le aspettative sul ragazzo sono tante e non è mai semplice esordire al San Paolo (che, nonostante la partita non di cartello, presentava comunque circa 3 mila spettatori… Tanto di cappello!), ma qualcosina in più da lui ci si aspettava. Detto questo, non può non essere riconosciuto che le doti del neoacquisto napoletano sono indiscutibili: ottima tecnica e velocità, può essere, insomma, una buona alternativa al Pocho.
Ma tornando alla gara oltre alla delusione per la non brillante prestazione di Vargas non si può tacere su quella complessivamente mediocre dell'intera squadra che avrebbe dovuto avere le giuste motivazioni per vincere la gara senza problemi e che invece ha visto gli azzurri andare sotto ed incontrare evidenti difficoltà di gestione dell'incontro. Dobbiamo però anche dire che la partita con il Cesena ha permesso di trovare conferma del periodo positivo di Goran Pandev, ottimo segnale in vista dei tanti impegni che il Napoli dovrà affrontare da qui alla fine della stagione.
Stagione che, al momento, presenta due impegni abbordabili sulla carta: Bologna in casa e Siena in trasferta. Due partite in cui i partenopei devono assolutamente cogliere i 6 punti per poter rosicchiare qualcosa all'Udinese, attualmente a +8, e per porre distanze dalle altre dirette avversarie (Roma, Inter e Lazio) impegnate in partite più difficili.
Scalare la classifica è un obbligo per la squadra di Mazzarri perché questa rosa non può rimanere fuori dall'Europa. Cosa che purtroppo accadrebbe se il campionato finisse oggi.
 
Agostino Iacobelli per Napolisoccer.NET

Condividi
Articolo precedenteNapoli-Bologna: Pandev, la freccia in più del Napoli
Prossimo articoloVargas: “Il mio è stato un brutto esordio, non sono mai entrato in partita”
Giornalista sportivo, appassionato di calcio e, da sempre, tifoso del Napoli. Dal 2004 partecipo al progetto Napolisoccer.NET condividendone obiettivi e speranze, con l'unica finalità di fornire ai lettori un'informazione corretta e neutrale, scevra da pregiudizi e fuori da ogni logica di interesse. Napoletano convinto, nutro amore e passione incondizionata per "Terra mia", "Napul'è" e per la maglia azzurra.

4 Commenti

  1. MISTER IMPORTANTE PASSARE IL TURNO POI POTREMMO INCONTRARE L INTER X UNA RIVINCITA DELL ANNO SCORSO D ACCORDO SUL FATTO CHE IN QUESTE 2 PARTITE VANNO PRESI 6 PUNTI A TT I COSTI L HO SENTITA SU RADIO CRC COMPLIMENTI

  2. D’ accordo a metà.
    Personalmente credo che la partita contro il Cesena sia un ulteriore segnale di crescita. Il napoli in campo era tuttaltro che deludente. Vargas non è stato mai concepito come un alternativa al pocho, e con i ritmi raggiunti dagli azzurri aspettarsi un esordio con il botto per qualsiasi new entry e un po da sognatori. La partita ha offerto numerosi spunti per operare alcune piccole correzioni in fase di costruzione del gioco soprattutto a centrocampo.
    In particolare rivedrei l’ atteggiamento tattico di Dossena, che spesso con i suoi traversoni uccide la manovra offensiva creando delle sterili occasioni, facili preda delle difese avversarie.
    La crescita di Zuniga e oramai sotto gli occhi di tutti, ma anche lui ha bisogno di una maggiore concretezza in fase di costruzione del gioco. Ma non sarà certo facile per il Mazzarri definire la sua collocazione.
    Sulla linea difensiva non mi pronuncio ancora.
    istutillo tosatti

  3. La solita nota stonata : evidenti difficoltà di gestione dell’incontro . Il Napoli deve giocare sempre a mille (cosa impossibile) altrimenti va in grosse difficolta’ e questo difetto il sig. mazzarri ancora non riesce a correggerlo….anche se si toglia la giacchetta !?!

LASCIA UN COMMENTO