Calcio, Bologna: La Menarini scrive a Geovani “Il Bologna ti è vicino”

0
68

Il brasiliano, rossoblu dal 1989 al ’91, è malato di polineuropatia, una sorta di Sla non irreversibile. Appresa la notizia, la neopresidente le ha inviato una lettera: "Il tuo vecchio club non ti ha dimenticato". Poi lo invita alle celebrazioni del centenario previste per l’anno prossimo.  Il calcio si sta muovendo, sulle orme della commovente storia tra Borgonovo (ex giocatore malato di Sla) e le sue squadre Fiorentina e Milan. Questa volta tocca al Bologna e al suo presidente, Francesca Menarini, la quale appresa la notizia sulla Gazzetta dello Sport della malattia (polineuropatia) che affligge l’ex rossoblu Geovani (dal 1989-1991), ha scritto una lettera allo sfortunato ex calciatore brasiliano.   RICORDO – Nella lettera si legge come il Bologna "tenga a farti sapere che il tuo vecchio club non ti ha dimenticato e segue con grande attenzione la tua vicenda. Qui a Bologna ricordiamo tutti la tua tempra morale e siamo certi che ti farai valere anche in questa difficile partita". La Menarini ha anche rivolto un invito a Geovani di venire nella città emiliana il prossimo anno in occasione dei festeggiamenti per il centenario della società rossoblu. "Potrebbe essere l’occasione giusta per svolgere insieme un’azione di sensibilizzazione –si legge nella lettera- su un tema delicato e non abbastanza conosciuto come la polineuropatia". Geovani inizialmente è stato costretto dalla malattia sulla sedia a rotelle, poi dopo alcune cure (alle quali dovrà sottoporsi per tutta la vita) è riuscito perlomeno ad abbandonarla. La polineuropatia è una specie di Sla, che colpisce il sistema nervoso ma, a differenza di quel terribile male, non è irreversibile e migliora con i farmaci e la fisioterapia.
Gazzetta.it
 

Condividi
Articolo precedenteBasket, Eldo: Di Bella rammaricato per Roma
Prossimo articoloA Radio Marte, tavola rotonda con gli ultras azzurri
Giornalista e Vice Direttore di Napolisoccer.NET . Tifoso del Napoli, coniugo l'amore e la passione per gli azzurri alla deontologia propria del lavoro di giornalista. Il piacere di raccontare le vicende azzurre, con i suoi risvolti sociologici, con criticità e romanticismo quando ci vuole. Pratico la libertà d'informazione senza condizionamenti.


LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here