D’Ippolito (proc.): “E’ difficile costruire a gennaio. Nessun contatto con il Napoli”

1
64

DIppolito-Vincenzo01

Vincenzo D’Ippolito, procuratore calcistico (tra gli altri di Michele Pazienza), ha concesso un’intervista in esclusiva a NapoliSoccer.net, nella quale ha affrontato vari argomenti, come di seguito indicato.

 
Chi ha trattato in questi giorni? Qualcuno dei suoi assistiti si muoverà a gennaio?

“Emiliano Alfaro del Liverpool di Montevideo, che andrà alla Lazio. Ormai è fatta! Deve arrivare solo il ragazzo lunedì e firmare. Una volta che firmerà la Lazio darà l’ufficialità. Non credo che ci siano movimenti di miei assistiti anche se con il calciomercato nulla è scontato. Sto cercando di portare in Italia un calciatore uruguaiano Maxi Perez del Penarol, sulle sue tracce c’è il Chievo ed altre squadre italiane, non il Napoli. Vedremo nei prossimi giorni cosa accadrà”.
 
Tratterà qualche altro giocatore per il Napoli?

”Per questa sessione di mercato no, ma a giugno sarò felicissimo di offrire un mio assistito al club di De Laurentiis. Nonostante l’anno scorso non sia stato rinnovato il contratto a Pazienza, i rapporti con il Napoli sono sempre idilliaci”.
 
Ci racconti del mancato rinnovo di Pazienza con il Napoli.

E’ stata una scelta esclusivamente di Pazienza; il club di De Laurentiis ha fatto di tutto per trattenerlo, ma il ragazzo voleva andare alla Juve ad ogni costo, perciò non abbiamo rinnovato. Pazienza alla Juve non trova spazio? E' vero ma anche nel Napoli sarebbe stato lo stesso. All’inizio Inler ha stentato ma ora sta giocando bene, ha avuto dei problemi di adattamento ma poi si è ripreso, non avrebbe potuto reggere la concorrenza dello svizzero. Ripensamenti? Non credo, la Juve è la squadra più titolata d’Italia, per lui è un onore far parte di questa squadra. Pazienza ha la fiducia della società, è ritenuto incedibile, 7 presenze, di cui 2 titolare coppa Italia e campionato, fa parte del gruppo e la squadra è prima in classifica”.
 
L’anno scorso più che mercato di riparazione è parso il mercato di costruzione, sarà così pure quest’anno?
E’ difficile costruire a gennaio, l’anno scorso è stato un caso fortuito che siano stati spesi tutti quei soldi”.
 
Come mai non è più il procuratore di Gargano?
“Gargano l’ho portato io a Napoli! Mi dispiace aver terminato il rapporto di collaborazione con lui! Purtroppo quando è terminato il mio rapporto con Betancour (procuratore uruguaiano di Gargano n.d.r), molti, o meglio tutti i calciatori uruguagi hanno preferito continuare con lui".
 
Vincenzo Capano – Napolisoccer.NET

1 COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO