F1, Gp Giappone: Kimi aiuterà Massa

0
31

Una doppietta per poter sperare che il sogno di Felipe Massa di diventare campione del mondo si avveri. Ha le idee chiare Felipe Massa in vista del Gran Premio del Giappone e resta ottimista sulle sue possibilità di vincere il titolo e la gara ai piedi del monte Fuji dove potrà contare sull’aiuto del compagno di squadra Kimi Raikkonen per tenere l’attuale leader Lewis Hamilton il più possibile lontano dalle prime posizioni. "Sono sette punti dietro, che è una situazione in cui non dovevamo trovarci, ma – assicura il brasiliano – abbiamo ancora buone possibilità per il Campionato e, che si vinca o si perda, lo faremo insieme, come una squadra. Guardando a Singapore, questa regola è stata applicata anche lì. Non sono il tipo che dopo un incidente come quello che abbiamo avuto con il tubo della benzina dice che è colpa di una sola persona. Siamo una squadra forte, possiamo ancora vincere. Sfortunatamente qualche volta cose come questa possono accadere. Stiamo lavorando duramente per raggiungere i nostri obiettivi." Quando Felipe Massa ha incontrato la stampa al Fuji Speedway questo pomeriggio, il pensiero dei giornalisti, sul fatto che fosse stato il pilota più sfortunato a Singapore è stato subito chiaro. Ma quando gli è stato chiesto cosa sperasse per questo fine settimana, il pilota della Scuderia Ferrari ha affermato che gli andrebbe più o meno bene una situazione simile: "Mi piacerebbe che il fine settimana iniziasse con delle buone prove libere, esattamente come è stato a Singapore, una grande qualifica e una buona prima parte di gara, ma a parte questo, preferirei che le cose andassero diversamente e fare anche una seconda e terza parte di gara positive e soprattutto vincere!". Dopo il pit stop di Singapore, la Ferrari ha confermato che tornerà all’uso del ‘lollipop’ per segnalare al pilota il momento di partire, al posto del più sofisticato sistema ‘a semaforo’. "Con il lollipop – ha spiegato Massa come riportato dal sito Media Ferrari – se c’é un errore o un problema, l’uomo che lo regge, se per sbaglio dice di partire, può velocemente vedere l’errore e rimettere giù la paletta così ti fermi. E’ l’unica differenza, ma in termini di prestazione le luci sono più veloci e noi cerchiamo sempre di ottenere il miglior livello di performance sotto ogni aspetto. Mi trovavo molto bene con le luci, questa è stata la prima volta che abbiamo avuto un problema e è arrivato nel momento sbagliato, così ha avuto un grande impatto visto che fino a quel momento ero in testa alla gara". Per quel che riguarda la gara, Felipe ha spiegato che ci sono stati piccoli cambiamenti sulla F2008. "Abbiamo fatto piccoli passi avanti sull’aerodinamica con la vettura che rispetto all’ultimo Gran Premio è migliorata. A parte questo e l’impiego del lollipop, non ci sono altri cambiamenti rispetto a Singapore. Quindi per adesso cerchiamo di vincere questa gara e cerchiamo di vincere il Campionato". Un’ultima parola sul suo principale avversario per il titolo, Lewis Hamilton: "Credo che sia un ottimo pilota e sarà un duro confronto, come lo è già stato per molte gare, sia in questa che nella passata stagione. Tuttavia credo che io e la Ferrari siamo altrettanto forti. Dobbiamo solo aspettare e vedere cosa succederà alla fine della stagione. Chiunque abbia fatto il miglior lavoro o chiunque abbia avuto più fortuna, non importa. Ciò che conta è chi alla fine ha più punti". Subito dopo Singapore la Ferrari ha chiarito che il proprio obiettivo per le tre gare restanti è di concludere ogni corsa al primo e al secondo posto. A Kimi è stato chiesto se una doppietta sia davvero possibile qui. "Abbiamo una buona macchina e una buona squadra e, finché facciamo tutto come si deve, non vedo perché questo obiettivo non dovrebbe essere raggiungibile. La mia situazione personale è identica a prima dell’ultima gara e certamente preferirei vincere piuttosto che non arrivare al traguardo o non riuscire a fare punti, ma se tutto va bene possiamo fare una buona gara domenica. Non mi sento sotto pressione nella situazione attuale. So che la squadra si aspetta un buon risultato da me, ma sono io stesso ad aspettarmelo. Sarebbe bello vincere visto che è un po’ di tempo che non mi capita". Riguardo al suo ruolo in squadra, considerando che il suo compagno Massa è davanti a lui in campionato, Kimi è stato molto chiaro sulla situazione: "Lui farà la sua gara e io la mia" ha affermato. "la squadra vuole vincere entrambi i titoli e so cosa si aspettano da me. Felipe ha bisogno di vincere la gara per sé stesso e potrei anche aiutarlo in qualche modo, ma non è facile dire esattamente come andranno le cose. Per prima cosa ha bisogno di essere davanti a tutti. Comunque – conclude Iceman – la nostra vettura può essere competitiva nelle ultime tre gare e il nostro scopo è di vincerle tutte".

Ansa

Condividi
Articolo precedenteF1: Ecclestone prepara la rivoluzione
Prossimo articoloAuguri Mister!
Giornalista e Vice Direttore di Napolisoccer.NET . Tifoso del Napoli, coniugo l'amore e la passione per gli azzurri alla deontologia propria del lavoro di giornalista. Il piacere di raccontare le vicende azzurre, con i suoi risvolti sociologici, con criticità e romanticismo quando ci vuole. Pratico la libertà d'informazione senza condizionamenti.

LASCIA UN COMMENTO