Iacobelli (ex Napoli): “Il Napoli dovrà rinforzarsi con giocatori esperti e di sicuro rendimento”

9
15

iacobelli-agostino-1

"Bisogna sempre ricordare che il Napoli è una società giovane che ha scelto la politica del progressivo rafforzamento in virtù di un preciso progetto economico e tecnico del presidente De Laurentiis". 
"Stagione esaltante ma qualche rammarico ci può stare".


ESCLUSIVA
– Anche se con un turno d’anticipo la stagione azzurra può dirsi felicemente conclusa e quindi non appare prematuro effettuare un consuntivo sul cammino del Napoli, anche lanciando uno sguardo ai prossimi ed entusiasmanti impegni che attendono la compagine partenopea, in primis la partecipazione alla champion’s league. Per questa full-immersion nel mondo azzurro, la redazione di Napolisoccer.NET si è avvalsa della competenza e della disponibilità dell’ex centrocampista azzurro, attualmente allenatore, Agostino Iacobelli, che ha risposto alle domande come di seguito illustrato.

 

Il Napoli ha raggiunto la qualificazione champion’s disputando un’ottima stagione: tutta gioia o qualche rimpianto?
E’ difficile criticare dopo una stagione così esaltante, il Napoli ha raggiunto obiettivi superiori alle aspettative riuscendo addirittura a stare alla pari di squadre dotate di un organico qualitativamente e quantitativamente superiore come il Milan e l’Inter. Probabilmente, visto l’andamento del campionato, si potevano raggiungere traguardi ancor più prestigiosi con una rosa – nel suo insieme – superiore, ma onestamente bisogna sempre ricordare che il Napoli è una società giovane che ha scelto la politica del progressivo rafforzamento in virtù di un preciso progetto economico e tecnico del presidente De Laurentiis. Progetto che personalmente condivido pienamente, perché la floridità economica ed il progetto a lungo periodo garantiscono la crescita al contrario degli investimenti estemporanei e poco oculati. Da tifoso dico che sarebbe bellissimo vincere tutto e subito acquistando campionissimi a prezzi pazzeschi e pagando ingaggi astronomici, ma poi cosa potrebbe succedere in caso di mancato raggiungimento degli obiettivi? L’incubo del fallimento è troppo recente per dimenticarlo. Però qualche rimpianto per l'andamento di questa stagione ci può stare. C’è stato un momento in cui il Napoli ha veramente lottato per il titolo, ma alcuni “passaggi” a vuoto della squadra hanno allontanato questa eventualità. Sia lo scorso anno che quest’anno ho avuto l’impressione che la società in primis e i giocatori poi, non credessero nel raggiungimento del grande obiettivo. Lo scorso anno fece da spartiacque la gara casalinga con il Parma, gli azzurri potevano centrare la champion’s ma la troppa pressione evidentemente condizionò negativamente la squadra e non si riuscì a raggiungere l’ambito traguardo. Quest’anno è successo lo stesso, il Napoli andava a mille ma, nel momento topico, la squadra ha avuto un calo. Mi riferisco prima alla sconfitta con il Milan ma soprattutto a quella con l’Udinese, che ha praticamente tarpato le ali alla truppa di Mazzarri. Il mio rimpianto, quest’anno come per quello scorso, è il mancato rafforzamento nella finestra invernale di calciomercato. Ho sempre sostenuto che a gennaio qualcosa poteva essere migliorato ma si è deciso di acquistare solo Mascara e Ruiz. Il primo alla fine ha anche dato il suo contributo ma lo spagnolo, ad esempio, è stato utilizzato pochissimo. Non me ne vogliano i due giocatori, Mascara poi è uno di quei giocatori che ho sempre apprezzato, ma se si voleva ambire al traguardo massimo si sarebbe dovuto agire diversamente, inserendo in rosa giocatori di più alto spessore. Se Milan ed Inter hanno approfittato della finestra di riparazione, lo stesso non si può dire del Napoli.
 

Come bisognerà rinforzare il Napoli per i prossimi impegni? Chi bisognerebbe acquistare?
Sarà il difficile compito di Bigon e della società quello di rinforzare l’attuale rosa, riuscendo a comprare giocatori di elevato spessore ma mantendo basso il tetto ingaggio ed i costi d’acquisto. A mio parere si devono acquistare giocatori esperti e di sicuro rendimento, anche prendendo qualche giocatore in scadenza di contratto. I soldi risparmiati per il cartellino potrebbero essere convogliati nell’ingaggio da riconoscergli. Mi rendo conto che non è semplice perché il Napoli, giustamente, sta cercando di mantenere basso il livello degli ingaggi ed i campioni vogliono essere pagati. Si rischia di creare un circolo vizioso, perché ciò causerebbe richieste di aumento di ingaggio anche da parte degli attuali componenti la rosa azzurra. Ma come dicevo, alla squadra azzurra mancano quei giocatori che hanno l’esperienza di guidare i compagni e la capacità di garantire sempre prestazioni di grande livello. Nel Napoli ci sono ottimi giocatori ma sono giovani, Hamsik, Lavezzi e Cavani, dovranno confermare nel tempo il loro valore, in prospettiva diventeranno fortissimi ma sono ancora da considerare in piena evoluzione tecnica, tattica e caratteriale ed il difficile è mantenersi a certi livelli. Sicuramente sarebbe già un grosso successo non cedere nessuno dei tre gioielli, questo per dare un segnale forte e chiaro. Il Napoli dovrebbe acquistare qualche giocatore della Sampdoria, gente come Palombo o Poli sarebbero sicuramente propedeutici al progetto Napoli. Si parla tanto di Inler, lui è un giocatore che mi piace e che reputo idoneo al gioco azzurro ma anche lui è giovane. Leggo tanti altri nomi sui giornali, ma sinceramente i vari Britos, Giaccherini, Matavz o Fernandez non credo siano giocatori in grado di far fare il classico salto di qualità. Sicuramente rinforzeranno la rosa, che attualmente è troppo scarna per pensare di affrontare una stagione di grandi impegni come la prossima, ma il Napoli se vuole ambire a grossi traguardi deve puntare a ben altri giocatori, facendo di necessità virtù per acquistarli. Non sarà facile ma ho fiducia nel lavoro e nella competenza di Bigon. Inoltre sarà importante lo spirito con il quale si affronterà la prossima stagione, l'ottimo risultato di quest'anno deve essere dimenticato al più presto ed affrontare la nuova stagione con gli stimoli giusti.
 

Caso Mazzarri: che idea si è fatto?
Da tifoso sono rimasto perplesso, da uomo di calcio no. Per quanto so io, mister Mazzarri è legatissimo al suo gruppo ed i giocatori a lui. Questo è un dato di fatto impossibile da smentire. Dall’esterno non è semplice giudicare gli eventi perché prima bisognerebbe capire quali sono le motivazioni che hanno spinto il tecnico livornese alle sue esternazioni. Probabilmente non ha avuto dalla società le garanzie tecniche che si attendeva, Mazzarri avrà chiesto di adeguare la rosa per affrontare al meglio la prossima stagione, forse chiedendo l'acquisto di calciatori che aumenterebbero anticipatamente i costi di gestione che la società si è imposta. Su questo non ho nulla da eccepire dal punto di vista professionale dell’allenatore, però bisogna anche tener presente che tra Mazzarri e la società c’è un accordo (il contratto) in virtù di un progetto quinquiennale e non è simpatico rimettersi al tavolo delle trattative solo perché si è raggiunto un obiettivo superiore. Il Napoli lavora in maniera progettuale e questo è un dato di fatto ben noto a Mazzarri, chiedere investimenti consistenti va bene ma non bisogna mai perdere di vista l’aspetto economico della gestione societaria. A questo aggiungo anche che forse alcune “sirene” hanno tratto in inganno il tecnico di San Vincenzo che ha mal gestito la situazione. Ma, in generale, trovo che la questione sia stata mal gestita anche dal Napoli, purtroppo la mancanza di trasparenza da parte della società spesso si ripete, da questo punto di vista bisogna ancora crescere. Per noi tifosi è stato avvilente dover assistere a questa pantomima nel momento cruciale della stagione, ad un certo punto si è rischiato di perdere tutto! Per il bene del Napoli ora mi aspetto estrema chiarezza e coerenza da entrambe le parti in causa.
 

 

Se Mazzarri va via chi potrebbe essere il suo degno sostituto?
Napoli è una piazza difficile, l’ambiente è ambizioso ed aspira al raggiungimento di grossi traguardi; ma è anche viscerale ed umorale, il feeling o si crea subito oppure non ci sarà mai, Donadoni insegna. Resta comunque una delle piazze più ambite d’Italia e la panchina azzurra sicuramente avrà tanti pretendenti in caso di addio di Mazzarri, che a mio parere – con la giusta mediazione – potrebbe tranquillamente restare. Questo è quello che mi auguro. Se dovessi scegliere un nuovo allenatore per il Napoli sceglierei uno tra Gasperini, Ranieri o Pioli. Gasperini lo sceglierei per dare una sorta di continuità al progetto tattico, lui gioca con moduli facilmente applicabili con l’attuale rosa azzurra ed inoltre non sconvolgerebbe l’assetto difensivo in quanto le sue squadre si schierano con la difesa 3. Ranieri, invece, è il tipo di tecnico che garantirebbe la necessaria esperienza sia a livello nazionale che internazionale. Il tecnico romano è un allenatore esperto oltre che bravo e di sicuro non avrebbe problemi d’impatto con l’ambiente napoletano, anche per aver già allenato i partenopei. Pioli, invece, sarebbe la mia personale scommessa. E' un tecnico molto preparato ed ha disputato un ottimo campionato con il Chievo, squadra che ha espresso un ottimo calcio. E’ un allenatore emergente dotato di un’ottima filosofia di gioco e gode di grande stima.

 

Giovanni D'Oriano – Napolisoccer.NET


Pubblicazione consentita previa citazione della fonte: Napolisoccer.NET

SHARE
Previous articleDomani incontro Mazzarri-De Laurentiis!!
Next articleBaldari (Napoli): “Non capisco le dichiarazioni di Quagliarella, non gli appartengono”
Giornalista sportivo, appassionato di calcio e, da sempre, tifoso del Napoli. Dal 2004 partecipo al progetto Napolisoccer.NET condividendone obiettivi e speranze, con l'unica finalità di fornire ai lettori un'informazione corretta e neutrale, scevra da pregiudizi e fuori da ogni logica di interesse. Napoletano convinto, nutro amore e passione incondizionata per "Terra mia", "Napul'è" e per la maglia azzurra.

9 COMMENTS

  1. diciamo tutti le stesse considerazioni ma il buon dela sapra’ farne tesoro ? non credo …. x lui conta soprattutto il non considerare nomi di grosso ingaggio ma sperare di comprare un altro” marekiaro” a buon prezzo e con basso anzi bassissimo contratto . questa è una sua idea fissa : non spendere + di tanto….e fino ad adesso gli è andata bene, quindi x il bene del n/s Napoli speriamo che abbia ragione .

  2. Mister Io continuo a sostenere Ranieri perché sia a Torino che a Roma ha sempre fatto bene. Per quanto riguarda Gennaio è assolutamente vero: il Milan ha preso a parametro zero Van Bommel e Cassano… E se il Napoli provasse a prendere Seedorf a parametro zero? Io ci proverei fossi nella società… Comunque complimenti mister! E il Real Rimini ha fatto proprio male a mandarla via visti i risultati con lei e dopo di lei.

  3. tre bravi allenatori e giusti x i motivi che lei ha evidenziato pero’ io andrei su RANIERI per esperienza e anche xche’ conosce gia’ la piazza e nn dimentichiamo ROSSI’ complimenti mister x come tratta questo suo spazio e al REAL RIMINI che da quando nn c e’ piu’ lei manca poco va ai play out

  4. Per me il rammarico è tanto perché il Napoli poteva combattere fino alla fine per lo scudetto. Basta non perdere a Milano e vincere in casa con l’ Udinese proprio come ha detto il mister. ora nei prossimi due anni dobbiamo migliorare questo terzo posto o comunque arrivare realmente al livello di Milan e Inter pensando che Roma e Juventus si rinforzeranno sicuramente. Per quanto riguarda gli allenatori penso che non sia il Momento delle scommesse mister dunque puntiamo tutto su Ranieri. Complimentti per tutto mister.

  5. non si discute di mazzarri,al suo posto non se ne vede gente a parte mancini,e lippi.
    dico , non lasciamoci scappare valero che ci verrebbe di corsa a centrocampo servirebbe eccome ,altro che gargano.
    una nota su pirlo:Dotato di grande tecnica e di una visione totale del campo, Andrea Pirlo è uno dei più forti registi in circolazione.1 È in grado di effettuare con entrambi i piedi dei passaggi sia lunghi che corti di una precisione millimetrica, posando la palla sui piedi del compagno. 2 È molto abile nelle verticalizzazioni e nei calci piazzati, che si tratti di rigori o di punizioni. Difatti, pur non essendo dotato di grande velocità, giunge spesso al gol per l’estrema precisione dei suoi calci da fermo e per l’ottimo tiro dalla distanza. Abbina inoltre queste sue qualità a un ottimo dribbling, che nasce principalmente da finte di corpo che gli consentono di liberarsi dell’avversario.

    formazione sperata:
    de sanctis portiere
    cannavaro/mantovani…d.centrale
    ruiz/santacroce d.laterale di spinta sinistra….x difesa a 4
    grava/ burdisso d.centrale
    maggio d laterale di spinta destra
    yebda /inler . mediano incontrista
    valero mediano incontrista ……. x centrocampo a 3
    pirlo regista trequarti……………
    cavani…………………..centravanti ……………..x1
    lavezzi/fernandez mezz’ala destra
    inzaghi/ hamsik mezz’ala sinistra……….x2

    panchina: santacroce,campagnaro,vitale,sosa,blasi, mascara,gianniello,iezzo
    cigarini,zuniga,fernandez,mantovani,burdisso,inzaghi,yebda,petta,
    maiello.
    come si vede al napoli ci vogliono solo sei giocatori,ci riusciremo?

  6. ci vogliono per forza dei giocatori di esperienza per il napoli e allora ,pirlo ,inzaghi, valero questi sì che fanno al caso nostro,esperienza e qualità, senza svenarci.

  7. Sono convinto anch’io che con qualche innesto buono a gennaio si poteva lottare per lo scudetto, credo anche che se Quagliarella, invece di sputare veleno adesso, avesse accettato le condizioni di Mazzarri sul suo utilizzo noi si poteva veramente fare grandi cose, basta pensare alle tante volte che per raddrizzare il risultato ci siamo affidati al giovane Dumitru. Su Mazzarri mi sono già espresso, spero vivamente che resti alla guida del Napoli, lo reputo un ottimo tecnico e un grande motivatore . Le alternative in questo momento non mi entusiasmano, sarà che abbiamo appena vissuto una grande annata. Se proprio dovessi scegliere punterei su Delio Rossi un tecnico sottovalutato da tanti ma che ha fatto sempre bene vincendo addirittura una coppa Italia con la Lazio e centrando una finale con il Palermo. Infine dico un nome per rinforzare la rosa e punto il dito su Giaccherini, lo so non è campione ma sono convinto che con gli azzurri può fare molto bene……sei d’accordo Mister???

LEAVE A REPLY