Ferlaino: “L’Inter gli scippò lo scudetto”

0
21

Beppe Chiappella era un burbero gentiluomo ed a Napoli visse 5 anni indimenticabili, lo stadio e la città avevano un posto speciale nel suo cuore. 
Il primo ricordo. «Decisi di costruire villette a Castiglioncello, dove lui era di casa, per essergli vicino». Corrado Ferlaino pensa anche a una partita, quella del 21 marzo ’71 contro l’Inter a San Siro. «Arbitro Gonella, ci vennero scippati la vittoria e lo scudetto. Io negli spogliatoi di Milano ero così nervoso che vomitai: Chiappella mi consolò. È stato un grande professionista e una persona perbene, un amico con cui pianificai i primi importanti risultati del Napoli», ricorda l’ex presidente dei due scudetti. «Ma il primo avremmo dovuto conquistarlo nel ’71 con Chiappella», sospira Ferlaino. Ieri De Laurentiis ha fatto pubblicare un messaggio di cordoglio del Napoli per la scomparsa del vecchio tecnico. Dino Zoff, portiere azzurro fino al ’72, l’anno della cessione alla Juve, parla da ex collega: «Ottimo allenatore, Era un amico per i giocatori». Enzo Montefusco sottolinea un particolare: «Rispettava tutti nello spogliatoio e non si arrabbiava mai con i giovani. Un vero padre di famiglia. Quel Napoli avrebbe potuto fare anche di più, però non c’era la mentalità vincente: ci si accontentava dei successi al San Paolo».

 

Redazione NapoliSoccer.NET – fonte: il mattino

Condividi
Articolo precedentePer Bigon la priorità è sfoltire
Prossimo articoloSantacroce riprende oggi la riabilitazione
Giornalista e Vice Direttore di Napolisoccer.NET . Tifoso del Napoli, coniugo l'amore e la passione per gli azzurri alla deontologia propria del lavoro di giornalista. Il piacere di raccontare le vicende azzurre, con i suoi risvolti sociologici, con criticità e romanticismo quando ci vuole. Pratico la libertà d'informazione senza condizionamenti.

LASCIA UN COMMENTO